in Poesie (Poesie personali)

Le ali dell'inverno

Le ali dell'inverno
avvolgono l'avvento,
sui rami trafitti
dal freddo
dove il cuore smagliato
dal senso terreno
sente l'eco nell'aria
del dono di Lui
che s'è fatto bambino
nascono pensieri
scintillanti
come aghi di ghiaccio.
Nelle stanze semplici
sgombre di baraonda
luccica l'attesa di un regalo,
una parola buona
che riempia di luce,
non deludiamo gli occhi
dov'è rimasto
uno spiraglio vuoto
perché sgorghi
il traguardo d'un sorriso.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Berti
    in Poesie (Poesie personali)

    Casta

    Nella mente di un demente
    non c'è posto per la gente,
    che ti guarda in modo strano
    e non ti porge mai la mano.

    Il rispetto è un'altra cosa
    non si usa per imbroglio
    solo a chi ha il portafoglio.

    Ma la razza di cui parlo
    ha in testa un solo tarlo,
    che eredita dalla casta
    tutto ciò che è abbondanza.

    Viene usato con orgoglio
    sulla plebe del destino
    con il senno di Caino.

    Ma la vita ha un riservo
    che è per tutti uguale,
    si include dentro il tempo
    che mai potrai fermare.
    Composta martedì 18 dicembre 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lucia Quarta
      in Poesie (Poesie personali)

      Buon Natale

      Ci pensate?
      Il perdono, la pace,
      l'amore è quel qualcosa che dura poco,
      come quando si ha una vita breve
      che da un momento all'altro si spegnerà.
      Il perdono fino in fondo.
      La pace, che vita è senza di essa!
      E l'amore indispensabile su tutto
      così sarà Natale con la pace nel cuore!
      Composta lunedì 17 dicembre 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: LaCrepa NelMuro
        in Poesie (Poesie personali)

        Come...

        Come l'Acqua di Montagna che scorre cristallina,
        Come il profondo Mare che nulla rende a galla,
        Come il volo maestoso dell'Aquila Regina,
        O quello imprevedibile della Farfalla...

        Come una Barca a Remi che sfida le Correnti,
        Come le Nuvole che si stagliano nel Cielo,
        Come Foglia morta nel vortice dei Venti,
        Come gli Occhi che cercano oltre il Velo.

        Come un Novembre spazzato dalla Tramontana,
        O un Maggio soleggiato di Bruma d'Amarezza,
        Come una Ninfa vergine... come una gran Puttana,
        Come il primo Bacio o l'ultima Carezza.

        Così è stato ogni mio andato giorno,
        Così voglio che ogni mio giorno sempre sia,
        Come un ultimo Tramonto, spento e disadorno,
        Come la prima Aurora che al Tempo segnò il via.
        Composta domenica 16 settembre 2018
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di