Scritta da: Daniela Cesta

PRIMI GELI

Mattini gelidi e notti bianche
fredde, scintillanti come milioni
di brillanti nelle guance
di neve sono tutte ardenti,
ora sei accanto al fuoco caldo
e tostato, bevendo cioccolata calda
e ti senti benedetto nel vedere
uno spettacolo così bello
come diamanti nel gelo che brillano.
La prima spruzzata di neve scintilla
con delicata armonia, gelide piccole stelle
che si attaccano ai rami quasi spogli
e scendono lentamente come minuscole lacrime
l'inverno batte i suoi primi colpi,
piccolo evento magico che prepara al freddo
adoro l'inverno l'incanto del silenzio
che fa meditare, correnti ascensionali
che circondano l'inconscio, l'energia del sole
è un lontano ricordo, remoto e misterioso.
Passare nel bosco invernale è come
leggere un antico passato che non si deve
mai dimenticare.
Daniela Cesta
Composta giovedì 24 novembre 2022
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Luce misteriosa

    In novembre la luce fugge veloce
    il buio è così pesto, misterioso,
    affascinante! l'oscurità avvolge cielo e terra
    solo qualche stella brilla in cielo, immobile.
    adoro osservare il cielo notturno
    a volte sembra annunciare qualcosa
    di straordinario.
    Dunque, immersa con gli occhi verso l'alto
    a frugare le poche stelle luminose.
    Improvvisamente ecco apparire un aereo di linea
    con il suo lampeggiare di luce rossa e gialla,
    oltre la montagna da ovest, sorrido pensando
    quale sarà la sua meta.
    Sposto i miei occhi verso l'alto, al di sopra dell'aereo
    una strana stella sembrava scivolare lentamente
    con una luminosa luce fissa, rimasi stupita,
    sbalordita e attonita.
    La seguivo con gli occhi, cercando, di non perderla di vista
    sembrava qualcosa di magico!
    Silenziosa, stupenda, scintillava come una grande stella,
    dava senso di leggerezza, come se accarezzasse il buio
    ma scomparve ai miei occhi perché aveva raggiunto
    l'ombra del mio tetto,
    Corsi ad un altra finestra che dava a est... e l'oggetto lucente
    era in quello spazio di cielo, impressionante, imponente.
    Scivolava lentamente, maestosamente brillante! Come
    una principesca di luce, che passeggia nell'universo.
    Uno spettacolo seducente che ammalia, incantesimo
    attrazione, fascino per gli occhi...
    Poi improvvisamente la luce piano, svanì
    nella profondità del buio firmamento.
    Una grande stella? un pallone meteo?
    un satellite? Non lo saprò mai.
    Ma, mi ha fatto sognare.
    Daniela Cesta
    Composta martedì 22 novembre 2022
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Pensieri d'autunno

      Le foglie dorate ricoprono il terreno
      mentre l'autunno diffonde
      i suoi splendidi colori tutt'intorno
      notti gelide pizzicano il naso
      e guance rosee tutte ardenti.
      La pioggia autunnale non è solo acqua
      ma malinconici ricordi che penetrano
      e a volte spaccano il cuore
      cielo, buio, pioggia, circonda noi
      ma lo spirito pare gradire questa pace
      sento il mormorare dell'acqua
      bisbiglia parole stupende
      ma dice anche che l'umanità
      è sempre più disumana, arida,
      sterile di cuore, in retroversione
      in termini di spiritualità.
      non siamo capaci ad amarci ne
      a proteggere il nostro pianeta
      solitudine e finitezza, se qualcuno di noi
      non avesse ne arte ne religione,
      cadremmo nella disperazione.
      Ma un momento magico è nell'aria
      con la nascita di nostro Signore
      da celebrare, presto sarà qui.
      Un raggio di sole in un mare di tenebre.
      Daniela Cesta
      Composta sabato 19 novembre 2022
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Bosco autunnale

        Come è bella la solitudine
        nel bosco autunnale, inimitabile
        e stupefacente! Io l'amo,
        il mio animo inquieto si acquieta
        mentre ascolto il respiro della natura,
        che si prepara al sonno profondo
        dell'inverno che arriva.
        Lo scoiattolo nasconde i suoi noccioli
        dopo averli cosparsi della sua saliva
        sotto terra, per poterli riconoscere,
        ha una grande memoria e un
        sorprendente olfatto, non morirà di fame.
        Foreste irradiate d'oro, autunno silente
        bellezza apparente, tra la foschia e
        una pioggerella malinconica...
        passeggiare nel bosco autunnale
        è come poter leggere un antico passato
        spirito pulsante del mondo,
        nel cuore selvaggio della terra.
        Paradiso di giorni contati, le
        giovani aquile conquistano il cielo
        nel mezzo di raffiche di vento,
        non hanno paura delle future avversità.
        Luoghi preziosi sotto questo
        leggendario cielo, sottigliezze che
        non sfuggono a chi ama osservare la natura.
        Molte ricchezze vegetali sono andate
        perdute con l'andar del tempo,
        la causa è l'uomo e la deforestazione,
        la grande ferita della terra!
        In un tacito momento, posate i
        vostri occhi su una montagna,
        tutto diventa potente e commovente
        crea pensieri positivi che partono dagli occhi
        alla mente e raggiungono il cuore,
        il sole scende dietro la cima lentamente
        e tutta la natura si prepara al cielo notturno.
        Daniela Cesta
        Composta venerdì 18 novembre 2022
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          La leggerezza dello spirito

          La leggerezza dello spirito
          è in ognuno di noi, che
          ignoriamo il nostro profondo
          la soavità e la luce avvolge noi
          quando siamo compassionevoli
          verso gli altri e amiamo
          la luce è in noi come una melodia
          soffice e profumata, illumina
          il nostro corpo e la nostra anima
          risplende di calore, le forze potenti
          positive ci circondano, la forza dell'amore
          è sorprendente e più forte di ogni
          male terreno. Pazienza, rispetto, gioia, sorriso,
          gentilezza, compassione, carità,
          semplicità, silenzio divino,
          questa è il segreto della luce.
          Daniela Cesta
          Composta sabato 22 maggio 2021
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Daniela Cesta

            Verde primavera

            Sotto un cielo blu scintillano
            raggi del sole, nel tramonto
            avvincente di maggio!
            Lo sbuffo del vento interrompe
            il caldo in eccesso, lo spettacolo
            degli alberi è straordinario,
            le nuove foglie impressionanti nel luccichio
            dello smeraldo, sembrano parlare e danzare
            nel tiepido vento dispettoso,
            esprimono gioia incredibile,
            che arriva al cuore e scorre nelle vene.
            Bello il momento pieno di letizia piena
            donata dalla primavera, stagione
            della rinascita, del tempo stupendo
            dei fiori multicolori, delle emozioni del cuore,
            il verde brillante ha conquistato prati, boschi,
            rocce, ogni anfratto nascosto, ogni cespuglio,
            montagne intere si sono colorate di verde,
            ogni fronda ondeggia armoniosa, nel suo nuovo luccichio
            sotto un tramonto pieno di luce, accarezzato dagli angeli.
            Uno spettacolo e una rivelazione conturbante di bellezza
            che sconvolge d'amore ogni anima. ci porta il messaggio di Dio:
            "Godete della natura, amatela, abbiatene cura, proteggetela,
            perché senza il verde e gli animali, voi non potete vivere."
            Daniela Cesta
            Composta sabato 22 maggio 2021
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Daniela Cesta

              Primavera

              Vibra l'aria di note musicali, il cinguettio
              degli uccelli è allegro, sembrano dire:
              "cantiamo tutti gioiosi! È primavera!"
              Rami pieni di germogli verdi! Colorano
              il grigio assordante del tempo invernale
              che prepotente persiste. Mentre gli elfi,
              gnomi, folletti, escono a frotte,
              suonando i loro strumenti armoniosi,
              preparano il sentiero festante
              per la fata luccicante che sta per passare
              con il suo vaporoso abito scintillante
              che avanza con il suo tocco magico,
              rinverdisce ogni cespuglio e ogni albero.
              Nella sua gioia luccicosa, non posa i piedi nudi
              sulla terra gelata, ma i suoi enzimi brillanti
              donano vigore, a tutta la natura.
              La fata primavera arriva come una musica,
              scintilla nell'aria adorata dagli animali
              usciti dal letargo invernale.
              La grande festa dei boschi è appena iniziata,
              tutti aspettano l'esplosione dei fiori
              in tutto il loro splendore.
              Daniela Cesta
              Composta martedì 13 aprile 2021
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Daniela Cesta

                Strano aprile

                Strano aprile piovoso e freddo
                cammino nei boschi sulle foglie macere
                mente le prime piccole foglie
                spuntano tra i rami.
                Nel silenzio di questa strana primavera,
                il mormorare del ruscello accompagna
                il mio spirito malinconico,
                come è bella la natura! Il suo fantastico respiro
                mi avvolge come un estasi, un sogno carezzevole
                che fa bene al cuore.
                Ascolto questo silenzio pieno, il bisbiglio
                degli alberi, sento il loro amore,
                entrare dentro i miei pori, scorre nel sangue
                enzimi invisibili che donano energie,
                nel sentiero delle querce ci sono anche gli angeli
                il loro coro degli angeli invisibili,
                il paradiso è formato da infiniti alberi in simbiosi
                con le anime benedette, che godono
                di tanta bellezza, armonia, gaudio,
                sotto la protezione del signore
                in Dio creatore.
                Daniela Cesta
                Composta martedì 13 aprile 2021
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Daniela Cesta

                  Per le spose di Gesù

                  Nessuno ama le spose di Gesù,
                  rinunciano alla loro vita solo per il suo amore,
                  il Signore le chiama e tra le lacrime rispondono
                  spesso le loro stesse famiglie diventano nemiche
                  maltrattate per la loro drastica decisione.
                  Sole nella loro solitudine decisionale
                  legate a un Dio che non vedono, ma lo sentono nel cuore,
                  grande e ammirabile Redentore, salvatore delle anime,
                  circondi le tue spose di un calore incomprensibile
                  un amore che riempie il cuore e tutte le loro membra!
                  Inondi il loro volto di luce spirituale, e le loro labbra
                  sono piene di preghiere per il mondo intero,
                  vogliono arrivare in paradiso per essere degne del loro sposo
                  rigidi orari nel tempo del convento, nel silenzio dell'ascolto
                  devono vivere, sulle note delle sacre parole di Dio.
                  hanno detto addio ai fragori di questa vita terrena,
                  rinunciando ad ogni frivolezza, ma il profumo di Dio
                  circonda la loro anima, egli, il più bello tra i figli dell'uomo
                  le aspetta nella sua sfolgorante dimora.
                  Daniela Cesta
                  Composta martedì 2 marzo 2021
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Daniela Cesta

                    Notte di gennaio

                    Sbuffa il vento tra la pioggia, la neve e la grandine
                    silenzio invernale in una notte di gennaio
                    che accoglie pensieri lontani e vicini, aleggiano
                    tra il cielo e la terra, come evanescenze che sussurrano,
                    pioggia battente e vento forte, ascolto l'urlo della foresta
                    arriva al mio cuore e lo fa sussultare di emozioni,
                    un inverno duro, si alterna tra nevi e piogge
                    sibila il vento, sferza violento sugli alberi e sui tetti,
                    ma è l'armonia della natura, canta, sussurra, travolge,
                    stagione fredda che sa come addolcire chi ascolta,
                    l'inverno ci fa capire il valore della vita, la sua immensità
                    il suo dolore, la sua solitudine, mentre gli angeli custodi
                    svolazzano a raccogliere le anime.
                    Daniela Cesta
                    Composta sabato 23 gennaio 2021
                    Vota la poesia: Commenta