Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

Nebbia

Nebbia

la nebbia copre ogni cosa
rende tutto sfocato e misterioso
senza contorni, rende il paesaggio grigio

incerto e cancellabile, riempie la solitudine
il tempo che piace, alle creature del bosco
gnomi, folletti e altre creature evanescenti

amano la nebbia, ghiaccia i rigagnoli di acqua
pallidezza, nel biancore irreale, nel lividore fiabesco,
chimerico, illusorio, ingannevole

nella nebbia siamo più soli ma protetti
dal resto del mondo che sembra non esistere
forse nascosto sono osservata dal lupo

ma lui non fiata, rispetta la mia solitudine ed io la sua.
Daniela Cesta
Composta mercoledì 29 gennaio 2020
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Silenzio invernale

    Nel silenzio invernale, vago nel bosco
    nebbioso, umido, freddo
    ma i miei passi, fruscianti sul sentiero
    di foglie fangose e semi ghiacciate
    riempiono l'aria carica di solitudine,
    tutto sembra etereo e piangente
    quieto, fascinoso, elevato,
    respiri la terra e le radici del verde che dorme,
    racchiuso nella sua profondità tra le radici
    di alberi, cespugli che, nel loro silenzio, confortano.
    Sentimento pieno e riservato che si può gustare
    nell'armonioso fascino invernale.
    Daniela Cesta
    Composta domenica 19 gennaio 2020
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Giorni novembrini

      giorni e giorni di pioggia intensa
      mentre le foglie sbiadite cadono
      in terra diventando poltiglia

      la nebbia fosca e scura, copre i monti
      ispirando desolazione silenziosa
      vibrazioni di tristezza nel profondo del cuore

      grigiore pesante che copre i nostri occhi
      solo il profumo delle castagne
      che arrostiscono sul fuoco

      donano allegria e acquolina dentro la bocca,
      nei corti giorni cenerini e piovosi
      mentre il buio veloce caccia la luce

      e il sole sembra dimenticarsi della terra.
      Daniela Cesta
      Composta sabato 16 novembre 2019
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        SUSSURRI D'AUTUNNO

        il silenzio autunnale conquista il mio cuore
        lo circonda di calore, malinconica sensazione
        che avvolge tutto il mio essere,

        tra i sussurri degli alberi ingialliti
        che lenti stendono tappeti colorati e fruscianti
        nei prati e sui sentieri boscosi

        dal cielo scendono angeli scintillanti di luce
        che raccolgono sospiri e preghiere
        delle anime sulla terra che amano Dio.

        Chissà perché il cielo di ottobre
        è di un blu intenso che riempie gli occhi
        amiamo queste giornate di luce autunnale

        ottobre e il suo carezzevole vento del tramonto
        il primo freddo, ma sopportabile che entra nell'anima
        con energia e calma, mese dedicato alla Vergine Maria,

        silente giorno di ottobre tu sei il mio libro preferito
        con i tuoi dolci sospiri di primo autunno,
        e i taciti sorrisi degli alberi.
        Daniela Cesta
        Composta giovedì 17 ottobre 2019
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Sussurri

          Sussurri del vento
          tocca la nostra pelle
          l'amore dell'autunno ci avvolge
          danzando nel mezzo
          tra i rami degli alberi
          fra valli e montagne, volando
          nel tempo delle stagioni e l'eternità,
          armonia delle foglie silenziose
          che cadono con dolcezza
          la terra umida e i forti aromi delle erbe
          ci fanno immergere nei profondi colori,
          l'anima sussulta nella struggente bellezza silenziosa.
          Daniela Cesta
          Composta martedì 15 ottobre 2019
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Daniela Cesta

            San Francesco di Assisi

            Francesco il piccolo grande uomo di Assisi,
            un santo, un poeta, amante della natura,
            degli animali e delle piccole cose semplici,
            un uomo medievale che Dio trasformò.
            Un giovane innamorato del Padre del Figlio
            e dello Spirito Santo e del creato,
            innamorato dell'intera umanità,
            Le sue meravigliose preghiere al Signore
            sono diventate icone, i suoi infiniti ringraziamenti
            sono canzoni calde che arrivano in Paradiso
            piccolo frate umile che è divenuto
            il gigante di questo mondo, Francesco!
            hai conquistato tutti, il suono delle tue labbra
            sono arrivate in ogni cuore,
            melodia brillante che abbraccia ogni uomo.
            Intercedi per questa terra che vive tra guerre e violenze
            convertici all'amore di Gesù Cristo
            non ci abbandonare in questo tempo terribile.
            Noi quaggiù abbiamo bisogno del tuo aiuto e intercessione.
            Daniela Cesta
            Composta giovedì 3 ottobre 2019
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Daniela Cesta

              Crepuscolo di settembre

              Segnali dal cielo per la terra
              il nuovo tempo arriva, tra le
              prime ombre silenziose e ventilate
              sensazioni bisognose di calore
              che circondano lo spirito,
              l'estate scorre via veloce anche dalla
              nostra inquieta anima che cerca pace,
              l'aria frizzante scivola sulle grandi acque
              tocca valli e monti, carezza gli alberi
              dal colorito, stanco che aspettano,
              nel crepuscolo settembrino odo
              sussurri appena percepibili,
              avvertibili attraverso il vento udibili solo
              dalle creature meditative,
              che passano nel bosco solitarie
              brusii, bisbigli, di animali, alberi e volatili.
              Con occhi malinconici che si fermano ad ascoltare
              ciò che il crepuscolo racconta.
              Daniela Cesta
              Composta giovedì 3 ottobre 2019
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Daniela Cesta

                Anime

                Chi siamo noi? Anime perse
                di questo universo...
                viaggiamo verso l'eternità
                nel cielo? Sulla terra?
                Eterni segreti di questo mondo
                che scopriremo dopo il nostro volo
                non trascurate il vostro entusiasmo
                nel sapere la realtà oggettiva, in profondità
                che la vostra mente sia arguta
                non vi fermate solo ai contenuti terreni
                ognuno di noi viene guidato inconsciamente
                nell'abisso del pensiero
                nelle vibrazioni tra il cielo e la terra,
                non date nulla di scontato
                Dio è pieno di mistero, tra le acque
                sopra e sotto la terra, tra le stelle
                e nelle nostre anime.
                Daniela Cesta
                Composta giovedì 3 ottobre 2019
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Daniela Cesta

                  settembre

                  Primo giorno di settembre
                  tra tempeste di acqua
                  lampi, tuoni e saette,
                  nel silenzio di un crepuscolo scuro
                  solo il rumore scrosciante della pioggia
                  e la nebbia sui monti scoloriti
                  l'estate è un ricordo vacillante
                  come un sogno velato che scompare
                  i pensieri volano insieme a sensazioni
                  che fanno rabbrividire, come l'avvolgente brezza d'autunno!
                  Amo l'autunno con il suo silenzio assordante
                  il frusciare delle foglie sui sentieri
                  tocca il cuore donandomi amore.
                  Daniela Cesta
                  Composta domenica 1 settembre 2019
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Daniela Cesta

                    Agosto

                    Caldo appiccicoso sotto
                    il canto continuo di grilli e cicale
                    raggio di sole che ruggisce come leone

                    armoniosi mattino, struggente tramonto
                    che avvolge con voracità
                    mente, corpo e spirito.

                    L'orso ha sete e scende dalla montagna
                    volpi in delirio e affamate
                    cervi, caprioli e cerbiatti

                    di bellezza incontenibile, godono tra i cespugli verdi
                    e il lupo gira con il suo branco, uscendo dal bosco
                    di notte i suoi occhi osservano la luna, ululando d'amore

                    pomeriggi assolati e lunghi, in cerca di ombra e refrigerio
                    sotto un cielo terso e blu, agosto passione di stagione
                    estate prorompente, bollente, piena di sorprese.

                    Golosi gelati appiccicosi, cocomeri e pesche succose
                    abiti leggeri e scollati, coprono corpi abbronzati
                    questo è il mese di agosto, ancora nel cuore dell'estate.
                    Daniela Cesta
                    Composta venerdì 2 agosto 2019
                    Vota la poesia: Commenta