Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

È nato

Piccolo Gesù tu sei il verbo
che sollevi l'umanità ai tuoi divini orizzonti
la lode dell'intero paradiso
echeggia in tutto l'universo,
luce, verità, gloria tra le stelle e la terra
la luce nelle braccia della giovane, celeste madre
appartenente all'amore onnipotente di Dio
al suo spirito, alla sua sapienza,
tutte le virtù dei cieli sono racchiuse in Maria,
attraverso di lei Dio vuole che conosciamo
il suo figlio sublime la via che conduce alla sua dimora,
nella piccola capanna la luce scivola come
soave rugiada scintillante, mentre al di sopra di essa
gli angeli cantano inni armoniosi di gioia.
Daniela Cesta
Composta lunedì 25 dicembre 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Pensieri dicembrini

    Fugge la luce nel pomeriggio dicembrino
    il buio prepotente copre i nostri momenti e i pensieri
    il silenzioso tempo è dentro noi

    come figlio di nessuno, gelo e ghiaccio nell'aria
    istanti che abbracciano e scuotono,
    il crepitare della legna e il suo luccicare

    dona pace e serenità, ognuno di noi appartiene a se stesso
    e le nostre decisioni ci riguardano
    come l'aria che respiriamo e il suolo dove camminiamo,

    il regalo uscito dal cuore di Dio
    noi decidiamo del nostro destino,
    e viviamo secondo come ci aggrada

    è la nostra coscienza che deve limitare
    vizi e quanto altro di peggio, lo strafare
    appartiene a coloro che, non credono all'eternità

    la consapevolezza è di coloro che hanno fede.
    Daniela Cesta
    Composta martedì 12 dicembre 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Tempesta di fine autunno

      il ruggito del vento è forte
      ulula acuti indefiniti, minacciosi, che
      fanno palpitare il cuore,

      percuote gagliardo, getta tutto in aria
      un lucernaio vola in aria, sradicato con violenza
      dal poderoso soffio di Eolo

      la pioggia tenace e incessante spinge sui vetri
      di qua e di la, a seconda dei capricci della furia del vento
      sibila vigoroso nel comignolo del camino

      rimbomba come un tuono assordante
      tempesta di fine autunno, che non vuole andarsene
      ma l'inverno sta arrivando con i suoi gelidi momenti,

      le piccole luci dell'albero di Natale allietano gli occhi
      con la loro intermittenza, l'inverno arriva
      con il suo gelo le oscurità silenziose

      il tempo scivola veloce, lasciandoci senza fiato.
      Daniela Cesta
      Composta martedì 12 dicembre 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Re dell'universo

        Dio ci concede un alto favore
        alimenta noi con cibo divino,
        questo cibo si chiama Gesu Cristo,

        corpo e sangue di un re, figlio di Dio
        fa rivivere su un altare, il sacrificio della croce
        carne che placa Iddio e ci ottiene grazia di salvezza

        Agnello sanguinante vivo sull'altare, che produce infinite grazie
        alimenta e trasforma, le nostre anime in vita divina
        il suo amore è un fuoco divorante e purificatore

        astro più scintillante del firmamento, virtù che toglie il respiro
        sublime beatitudine, nostra immensità, nostra onnipotenza,
        Gesù, Jesus, Messia, Rabbì, Unto del Signore.

        il tutto e il solo per l'intera umanità.
        Daniela Cesta
        Composta domenica 26 novembre 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Gesù re dell'universo

          Gesù Cristo, re dell'universo!
          il tuo regno è di verità, di amore, di grazia,
          purifica i nostri cuori e rinnovali,

          la tua vita è nell'Eucarestia,
          espressione reale e viva di te,
          lo sguardo sublime che arriva dal cielo,

          tu sei l'amore fatto carne, arrivato dal profondo vuoto
          necessario per l'umanità, come l'aria per respirare,
          la tua parola ci rivela la dottrina, che occorre

          per raggiungere l'eternità, infondi nei nostri cuori
          i semi della vita divina, fecondali e difendili,
          da tutti gli ostacoli, che possono ritardarne

          la fioritura e la maturità dei suoi frutti,
          il tuo sguardo penetrante, appuntito, aguzzo, affilato,
          acuminato, perforante, puntuto, di un Dio vivente!

          doni a noi fiducia e coraggio per una vera conversione
          conducendo noi sul sentiero della spiritualità
          facendoci partecipi del tuo onnipotente potere.

          Grazie Gesù.
          Daniela Cesta
          Composta sabato 25 novembre 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Daniela Cesta

            Attimi d'autunno

            Cogliete la struggente bellezza
            di questo periodo dell'anno,
            maestoso, prestigioso, nobile,
            ma anche malinconico, mesto, inquieto,

            lo sbuffo del vento entra nel profondo del cuore
            con arroganza e aggressività,
            senza veemenza e impellenza
            come una giornata scura di pioggia

            nell'orizzonte bruno il vento arriva
            spazza l'aria tra terra e cielo, sposta le nuvole
            rovesciando gocce violente e fredde
            il sole sembra timido e veloce scompare,

            dietro i vetri osservi vento, pioggia e le ombre
            che conquistano il giorno, nei primi freddi
            mille pensieri accompagnano i nostri momenti,
            autunno che ci rendi schiavi di pensare

            mentre le foglie muoiono silenziose.
            Daniela Cesta
            Composta giovedì 9 novembre 2017
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Daniela Cesta

              Novembre

              Crepitio dei ceppi avvolti nella fiamma,
              silenzio religioso nel vespro crepuscolare
              novembre tacito e riservato,

              mese delle anime che sono passate...
              che ormai lontane seguono la luce eterna
              lasciano a noi questa vita tortuosa

              in questa terra piena di violenza,
              di odi, soprusi, guerre.
              Loro non desiderano tornare

              perché amano la loro dimensione
              di pace, d'amore, nel chiarore di Dio
              nella bellezza della vera vita futura,

              aspirano all'abbraccio divino
              della eterna felicità del paradiso,
              i dolori sono un ricordo molto lontano.

              E noi che siamo ancora su questa terra,
              in un nuovo autunno è bello avvolgersi
              nel silenzioso buio di questo mese

              godere del tepore delle fiamme,
              del loro scoppiettio, mentre la pioggia cade
              picchiettando dolcemente sui vetri

              e il sibilo del vento continuato fa rabbrividire,
              l'atmosfera abbraccia la nostra anima o forse
              sono i piccoli spiriti celesti, che mandati da Dio

              cercano di dare a noi una fede forte,
              confortando con il tenero amore le nostre mancanze
              dandoci coraggio, fino alla fine dei nostri giorni.

              Amiamo novembre, pochi lo amano,
              la luce veloce si ritira, ma nel suo buio
              sono racchiusi i nostri pensieri.
              Daniela Cesta
              Composta lunedì 6 novembre 2017
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Daniela Cesta

                querce

                Del respiro delle querce è piena l'aria,
                le foglie abbandonano i loro rami,
                sotto il sole autunnale, luccichio come di lacrime,
                il tronco massiccio e rugoso sussurra l'addio
                brilla di vita assonnata, ma piena di linfa vitale
                nel silenzio del bosco secolare e struggente,
                il mio amore per loro, vibra di tenerezza
                le circonda di affetto, luccicante ed evanescente
                in una sintonia, quasi magica e armoniosa,
                amo le querce, giganti dal cuore nascosto
                sottomesso e sensibile, fruscianti nella brezza del mattino,
                vorrei difenderle, dal fuoco, dai fulmini,
                dal vento impetuoso, dalla cattiveria umana
                ma riesco solo a dare loro
                il mio piccolo abbraccio insignificante.
                Daniela Cesta
                Composta martedì 31 ottobre 2017
                Vota la poesia: Commenta