Scritta da: Daniela Cesta

Walzer

Raccontavano le nostre bisnonne
quando ballavano il walzer, il sangue nel cuore pulsava,
volteggiando come farfalle colorate, effervescenti,

il cavaliere teneva la dama, con forza e dolcezza,
facendola roteare per tutta la sala da ballo!
Sensazione travolgente che travolge il corpo,

e lo spirito vibra come una libellula,
guardando il cavaliere di un altro tempo
che mai più tornerà, sogno ormai lontano e irraggiungibile

musica gioiosa che allontana dispiaceri e tristezze,
attimi allegri e frizzanti che aleggiano nell'aria
un vortice di fieri movimenti di corpi che amano,

sembra che tutte le stelle dell'universo,
osservano noi illuminando, la nostra vorticosa danza,
mistero di note armoniose che rendono brioso e spumeggiante il cuore.
Daniela Cesta
Composta venerdì 1 gennaio 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Tempo che passa

    Tra il cambiamento delle stagioni,
    siamo noi gli artefici del nostro destino,
    mentre il nostro cuore crea atmosfere delicate

    e il nostro spirito forma armonie intorno a noi
    gli errori insegnano e regalano esperienza,
    non speriamo ogni anno che tutto prosegua per il meglio

    per poi rimanere delusi su ogni cosa, che succede nella nostra vita,
    lasciamoci i dispiaceri dentro il vecchio anno,
    speriamo solo di avere tanta salute,

    di continuare ad osservare il volo di una farfalla,
    il fiorire dei fiori nel prato, ascoltare il soffio del vento
    l'infrangersi di un onda su uno scoglio,

    la magia di un tramonto, l'atmosfera maliziosa della luna,
    il tempo passa inesorabile in questo nostro viaggio
    nel vuoto dell'universo verso l'eternità,

    diamo tanto amore, perché se doniamo felicità
    saremo felici anche noi!
    Daniela Cesta
    Composta mercoledì 30 dicembre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Le campane

      Quando ero dentro la pancia di mia madre,
      sentivo il suono delle campane,
      hanno cresciuto me, bella la melodia delle campane,

      è l'armoniosa musica della voce di Dio,
      che aleggia nell'aria come fiocchi di luce benedetta
      il suono squillante e i suoi rintocchi dolci,

      sono la nostra vita intrecciata al Signore,
      suoni argentini di preghiera, la luce che chiama
      al cenacolo della Parola Sacra,

      accompagna me da quando sono nata,
      nel battesimo, nella comunione, ogni domenica,
      nel vespro di tutti i giorni, ogni notte di Natale e Pasqua,

      alle sette del mattino, per la gloria di Dio,
      e un giorno, il rintocco accompagnerà me
      nell'ultima entrata nella chiesa,

      prima di andare al cimitero,
      amo le campane e la sensazione che donano
      l'espressione di vigilanza per tutti i cristiani.
      Daniela Cesta
      Composta martedì 22 dicembre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Io sono Maria

        Io sono Maria, ho portato nel grembo
        Gesù Cristo, il figlio di Dio,
        ho avuto questo grande dono, dal Creatore della vita,

        il Padre ha donato a me potenza
        il Figlio ha donato a me sapienza,
        lo Spirito Santo mi ha donato  amore infinito,

        mi hanno avvolta con luce divina,
        benedicendo la mia vita, ho capito la grandezza del Signore!
        Io sono la serva del Signore la sua volontà è in me,

        Io Maria, sono la Testimone del mio Dio,
        la discepola del  figlio amato,
        e chiedo a tutta la terra, di amarlo, contemplarlo,

        benedicendolo tutti i giorni, pregando e invocandolo,
        intercedo per tutta l'umanità, sempre,
        ma per aiutarvi ho bisogno delle vostre preghiere,

        è mio desiderio continuo condurre tutti, nella luce di Dio,
        voglio salvare, proteggere, guidare
        santificare e governare, l'intera umanità.
        Daniela Cesta
        Composta domenica 20 dicembre 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Aspettando il Natale

          Lasciamoci sorprendere dal Natale
          avvolgiamoci nella sua pace, umiltà, gioia,
          ci trasmette la vera vita, anche nella sofferenza,

          rinnoviamo il nostro spirito, accumuliamo
          tesori infiniti per il granaio del cielo,
          le promesse di Gesù Cristo sono le verità,

          che l'avvento dona a tutti, nella fiducia del cuore,
          diventiamo tutti fanciulli intorno, al bambino divino,
          con buoni e semplici sentimenti,

          tempo di carità, gioia, gentilezza, compassione,
          le campane sono la melodia degli angeli,
          la voce di Dio che chiama dalla sua chiesa,

          e noi tutti, di nuovo fanciulli, godiamo tra le mura
          della nostra casa, prepariamo il presepe
          e il nostro spirito per la venuta del Signore.
          Daniela Cesta
          Composta venerdì 18 dicembre 2015
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di