Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

Fontana di pietra

Ho visto un giardino nel silenzio
e sono rimasta incantata ad osservarlo,
un giardino abbandonato dove regna l'erba alta

le aiuole disadorne, sembrano chiedere aiuto,
solo la vecchia fontana, tra le aiuole maltrattate
con il putto sorridente in alto, continua a sorridere,

nel suo splendore malinconico, racconta magici istanti,
oleandri rosa, gelsomini e rose circondavano il verde
cuscini di campanule, e mughetti, in primavera,

bouganville dal colore viola affascinante
forse accanto al battito, del cuore innamorato
di una donna che, passeggiava in quel piccolo

e affascinante giardino, intimo fazzoletto di pace e serenità,
baci e carezze a un bimbo che segue la sua mamma,
respiro, sussurro, risate festose, speranze e compassione,

benedizione, calore e amore, tutto racchiude,
quel piccolo angolo di mondo silenzioso e abbandonato,
la sua quiete è rotta solo dal passaggio del treno, poco distante

un tempo il bel giardino era la deliziosa immagine che si osservava
dal finestrino della carrozza di un treno che andava lontano,
chissà quante persone ha fatto sognare la meravigliosa

fontana di pietra decorata, dove, l'acqua zampillava
nella sua decorosa bellezza, solo il putto continua, a sorridere
nel suo atteggiamento malizioso.
Daniela Cesta
Composta mercoledì 6 luglio 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Difendiamo il nostro pianeta

    Il soffio del vento scuote le fronde della foresta
    tutto vibra con armonia, in questo fine primavera,
    la stagione è quasi giunta al termine,

    tutte le cose passano e vanno, inesorabilmente
    siamo noi che, dobbiamo gustare ogni attimo fuggente
    respirare la vita, ogni istante del nostro vivere,

    ogni cosa è armonica, dolce, eufonica
    la natura è straordinaria, in lei, non c'è nulla di sbagliato!
    Tutto è bilanciato, equilibrato, misurato, proporzionato, regolare

    aggraziato, amabile, elegante, gradevole, leggiadro, soave
    incomparabile bellezza del creato, il nostro pianeta è strabiliante,
    ma per coloro che hanno rovinato la leggiadria di questo corpo celeste

    non hanno avuto rispetto delle acque, delle foreste e degli animali,
    ogni giorno è per loro, monotono, noioso, tedioso,
    non sentono il sussurro degli alberi, il respiro del cielo,

    loro vivono solo per ricercare beni e piaceri materiali
    sono poveri di spirito, il loro cuore è arido e brullo,
    non ha luce che splende, i loro occhi sono inespressivi.

    Sono già morti, prima ancora di morire.
    Daniela Cesta
    Composta martedì 7 giugno 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Anima

      Quando l'anima si stacca dall'involucro corpo,
      sente subito il benessere invadere il suo principio vitale e immateriale,
      ascolta il pianto di coloro che, sono accanto al suo corpo terreno e inerme,

      ma si volge verso la luce, vuole raggiungere quel chiarore mozzafiato,
      anche se le lacrime dei suoi parenti sono come ferite aperte,
      tutti i dolori della terra sono passati, andati, finiti,

      l'anima scivola verso la luce sfolgorante e non vuole tornare indietro,
      tutto è nuovo, puro, vero, incantevole, voci piene di grazia celestiale
      rassicurano il turbamento, respira amore in quel luogo,

      tutto è essenza di Dio, calore e benessere, sorrisi e musica
      giardini infiniti e profumi inebrianti, l'armonia regna ovunque,
      capisce che la sua anima è viva, energia vitale in un soffio evanescente.

      Tutto il peggio... è passato.
      Daniela Cesta
      Composta domenica 5 giugno 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Luce del firmamento

        Accarezza me luce di stelle,
        illumina la mia pelle, luce di luna
        orgoglio, creatività, voglio scoprire me stessa
        sostegno emotivo per gli altri,
        luce argentea che abbraccia
        mente, cuore, spirito,
        siamo tutti persone speciali
        in questo universo, granelli di polvere
        luminosi, sgargianti, brillanti,
        fulgidi, splendenti, sfavillanti, sfolgoranti.
        Non dobbiamo seguire il nostro riflesso,
        ma quello degli altri, siamo tutti concatenati
        perché siamo un corpo solo, insieme a tutto il creato.
        Daniela Cesta
        Composta sabato 4 giugno 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Tramonto piovigginoso

          Armonioso il crepuscolo piovigginoso
          nel silenzio dolce e solitario che io amo
          la luce del cielo è toccante e tenera,

          contatto leggero, coinvolge il nostro spirito
          spingendosi nel cuore, suscita emozione
          commuove il continuo turbare degli attimi,

          accade a coloro che sono sensibili alla bellezza della natura,
          che vivono in simbiosi con gli alberi, gli animali e il cielo,
          che vivono con i fiori nei prati e volano su ali di farfalla,

          è bello vivere nella natura gustare la sua forza,
          contemplare la sua bellezza e cercare di scoprire i suoi segreti,
          lo spirito di Dio è su ogni cespuglio e fiore con la sua potenza.
          Daniela Cesta
          Composta mercoledì 1 giugno 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Daniela Cesta

            Sta tornando...

            quando siamo stati creati
            Dio ha alitato su di noi, il suo spirito celestiale
            il nostro corpo è il suo tempio,

            senza lo spirito di Dio, nulla possiamo
            saremmo come inermi pupazzi di pezza
            senza energia, vigore, vita

            Quando siamo stati creati
            Dio ha alitato su di noi, il suo spirito celestiale
            il nostro corpo è il suo tempio,

            senza lo spirito di Dio, nulla possiamo
            saremmo come inermi pupazzi di pezza
            senza energia, vigore, vita,

            in questo tempo di apocalisse,
            abbiamo più che mai bisogno del Santo spirito di Dio
            che aiuti tutti dalle cose cattive, e orribili di questo mondo

            con la sua luce saremo protetti, dalle forze crudeli dei nemici
            no lasciare che ingordigia, voracità, lussuria, sete di potere
            conquisti la nostra anima, la cupidigia avvolga il nostro cuore,

            amare la sobrietà, frugalità, semplicità, temperanza,
            amare piccole abitudini, di vita semplice,
            amare Dio nel suo mistero di amore.

            Gesù Cristo sta tornando.
            Daniela Cesta
            Composta lunedì 16 maggio 2016
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Daniela Cesta

              La mia chiesa

              La mia chiesa è la mia casa,
              sono al sicuro tra le vecchie mura,
              le sue pietre trasudano amore,

              racchiudono mille angeli celestiali
              che non lasciano mai sola, la santa eucarestia
              cantano la gloria del signore,

              regna pace e serenità, sia nella gioia che nel dolore,
              il campanile sembra tagliare il cielo stellato,
              la grazia di Dio è sopra il suo tetto,

              il profumo d'incenso la avvolge, deliziando ogni cosa,
              e la parola del signore tuona nel cielo sereno,
              per tutto il firmamento, ed entra dentro il nostro cuore.
              Daniela Cesta
              Composta lunedì 16 maggio 2016
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Daniela Cesta

                La dea primavera

                La primavera altezzosa, boriosa,
                conosce il suo fascino prodigioso,
                la sua prorompente bellezza! La sua magia

                con il suo delicato tocco... ogni cespuglio rinverdisce
                carezza i prati e spuntano migliaia di fiori colorati
                la dea scintilla sotto il sole, lascia dietro di se

                aromi, profumi, effluvi, fragranze indimenticabili
                danza la primavera, con balli misteriosi
                applaudita, amata, vezzeggiata, adulata,

                accolta e voluta dal mondo intero!
                La dea è circondata da miriadi di farfalle colorate,
                capricciosa, bizzarra, viziata,

                tutti amano lei.
                Daniela Cesta
                Composta sabato 14 maggio 2016
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Daniela Cesta

                  Quando siamo tristi

                  Quando ci sentiamo tristi e soli
                  l'anima sembra nascondersi in un meandro profondo,
                  tutto sembra estraneo, non abbiamo voglia di parlare,

                  il sole sembra oscuro e le stelle sono come smorte, opache,
                  non usciamo di casa perché nulla ci attira,
                  il nostro sorriso è come morto sulle nostre labbra,

                  l'unica cosa da fare è fuggire in un bosco
                  sederci sotto una quercia e ascoltare il silenzio,
                  il gorgoglio del ruscello, mormora a noi dolcemente,

                  i cardellini cantano, il fruscio del vento scuote le foglie
                  e asciuga le nostre lacrime, alcune farfalle volano allegre
                  sembrano giocare, mentre un piccolo cerbiatto

                  gusta germogli verdi e invitanti, i raggi del sole scintillano
                  tra i rami ondeggianti, tutto improvvisamente diventa melodia,
                  che entra dentro di noi accarezza l'anima, rincuora lo spirito,

                  abbraccia il nostro intimo, capiamo che nulla più ci angoscia,
                  la pace la serenità regna in noi e intorno a noi,
                  perché capisci che noi siamo molto importanti nel pensiero di Dio,

                  su questa terra tutto ci può accadere, ma angosce, dispiaceri,
                  malattie, delusioni, ognuno di noi passa
                  ma non ci annienteranno mai, perché noi

                  stiamo andando verso l'eternità, un altra esistenza ci attende
                  la vera vita, la sola e potremo finalmente ripetere
                  le parole di Dio: "... il padre tergerà ogni lacrima,

                  perché le cose di prima, sono passate..."
                  Daniela Cesta
                  Composta sabato 14 maggio 2016
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Daniela Cesta

                    La terra

                    La mia vita è preziosa agli occhi di Dio,
                    e osservando la natura, possiamo capire
                    la grande bellezza del Creatore,

                    la sua misericordia infinita,
                    è per tutto il popolo, di questo pianeta,
                    la terra è malata per nostro merito,

                    la natura comincia a ribellarsi,
                    i grandi ghiacci si sciolgono,
                    i mari saliranno e inonderanno le coste,

                    la temperatura del globo aumenta,
                    le stagioni sono in subbuglio,
                    stiamo andando verso la catastrofe,

                    i potenti della terra, hanno responsabilità
                    sono criminali, protetti dal demonio
                    su questo pianeta non esiste giustizia

                    noi tutti aspettiamo il giudizio di Dio,
                    la sua giustizia sarà implacabile,
                    tanto misericordioso oggi.
                    Daniela Cesta
                    Composta giovedì 12 maggio 2016
                    Vota la poesia: Commenta