Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

Luce invernale

E la luce piano si allontana,
nell'inverno gelido, tra le tacite foreste
volano gli angeli sulla soffice neve

tutto è candido e puro, soffice e freddo
penetra dentro con potenza, arriva al cuore
la bellezza della foresta in inverno non ha eguali

il candore copre ogni cespuglio, sembra incantata
come grovigli di pietra bianca, che scintillano al velato sole
osservo il freddo del bosco, e sento calore nello spirito

questa è la sua forza invisibile, come un energia brillante
che entra dagli occhi e invade la mente, guarisce l'anima
e fa fuggire il gelo spirituale. Non permettete al gelo, di penetrare dentro di voi

di impossessarsi del vostro inconscio, ascoltate l'armonia
di tutte le bellezze di questo creato perfetto,
combattete tormenti e dispiaceri con coraggio

arriverà la primavera e con essa il tepore che avvolge con gioia!
Ma quella luce che piano si allontana, nel momento del tramonto
chissà quale spazio di firmamento andrà ad illuminare...

correrei dietro alla fuggente luce per appagare la mia
insaziabile curiosità.
Daniela Cesta
Composta domenica 11 febbraio 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Bosco invernale

    Bella la solitudine tra i boschi
    tra ruscelli ghiacciati e l'acqua cristallina
    armonia di febbraio con un sole raggiante

    che fa capolino tra nuvole basse che
    producono neve pioggia e freddo
    nel meraviglioso spettacolo del mattino

    come il bosco invernale, respiro dell'anima
    e lo spirito si esalta, tutto si dimentica
    le chiacchiere inutili, solo note splendide

    nel silenzio della foresta bianca, che attira a se
    melodie dell'essere, consapevoli dell'amore supremo,
    nella solitudine della natura, c'è Dio, che aspetta.
    Daniela Cesta
    Composta venerdì 9 febbraio 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      L'orizzonte

      Quando guardo l'orizzonte la mia fantasia
      vaga tra sogno e realta, la scintillante luce

      tra il cielo e la terra, sublime apoteosi
      del pensiero verso l'anima, che vorrebbe librarsi

      leggera e candida verso il cielo,
      oppure alzarsi sopra gli alberi, toccare le

      cime di alti monti, sfiorare le acque impetuose
      di torrenti che scorrono tra rocce lisce e pulite

      fragorosamente armoniche, ogni brandello di territorio
      è un piccolo mondo di esseri viventi,

      l'orizzonte sembra sussurrare e sorridere
      i nostri occhi scintillano, osservandolo

      come un sogno di bambino, tra fate e gnomi
      affascina, incanta, oltre quella luce infinita

      c'è l'universo incomprensibile.
      Daniela Cesta
      Composta mercoledì 7 febbraio 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        La foresta

        La pace che mi dona la foresta
        è indescrivibile! Il suo sussurrare nell'aria
        è magnifico e rilassante, mentre le radici
        degli alberi, cespugli e fiori, succhiano l'acqua e l'umidità
        per rendere forte e rigogliosa la natura
        che il vento carezza leggero, come un tocco d'amore
        il miracoloso silenzio che regna è gioioso
        stupefacente, emozionante, come un abbraccio
        di grande affettuosità che circoscrive il nostro cuore
        e ci avvinghia in una situazione di pace interiore,
        nella bellezza del pensiero di Dio.
        Daniela Cesta
        Composta martedì 6 febbraio 2018
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Tempo che passa

          Ricordi di tempi lontani
          passati gloriosi e incomprensibili
          volti cari occhi caldi e carezzevoli
          andati, dissolti nel tempo

          nonni, zii, cugini, amici di infanzia
          liquefatti nella dimensione del passato
          e la solitudine assale le nostre membra
          ormai vuote, circondate da un presente incomprensibile

          le orme sulla polvere non ci sono piu
          le nostre persone care, non esistono piu
          e noi ci sentiamo soli, indifesi, estranei
          a questo presente.

          Ma è solo il tempo che passa.
          E una lacrima timorosa scende lenta
          dagli occhi che osservano un mondo che peggiora.
          Modi di fare, cose e pensieri che non ci appartengono.
          Daniela Cesta
          Composta martedì 6 febbraio 2018
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Daniela Cesta

            FEBBRAIO

            Nel cuore dell'inverno assaporiamo
            l'espressione crescente del fantastico
            umore di questa stagione fredda,

            la tenue luce della bellezza
            nella natura dormiente e il suo
            rimbombante silenzio. Con la pioggia

            che picchietta sui vetri, battiti che
            donano serenità, pace, tranquillità,
            giova al nostro spirito meditativo

            come un magico benessere di bontà
            e di fantasie inesauribile, illusioni
            che fanno bene all'anima.

            Il nuovo mese è arrivato con la pioggia,
            neve, vento, ma le sue ore di luce sono più lunghe,
            e eolo sembra sussurrare che la vita

            ricomincerà a breve nei prati e nei boschi.
            Qualche viola è comparsa, negli angoli più riparati
            del giardino, una timida margherita e una sofferente viola

            per rallegrare coloro che si amano,
            nel giorno di san valentino, che questo mese
            corto e pungente racchiude, in uno dei suoi giorni,

            ma se in una notte limpida, potremo guardare il firmamento
            in direzione nord, godremo, della visione del
            grande carro dell'orsa maggiore!

            Febbraio sarà per tutti gioioso, benedetto e zuccheroso.
            Daniela Cesta
            Composta venerdì 2 febbraio 2018
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Daniela Cesta
              Nuda è la quercia, rinsecchita e gelata
              la sua ampia chioma è scomparsa
              i suoi intricati rami spogli sembrano
              cercare aiuto nel cielo, ma non tutte le querce
              fanno cadere le loro foglie gialle,
              le trattengono anche in inverno, fino a quando
              spunteranno i boccioli in primavera
              la quercia tiene attaccate a se, le sue vecchie foglie
              le ama incondizionatamente, come ama l'umanità,
              enzimi luccicanti, che la quercia dona, dalla sua corteccia
              amore, energia, potenza di vita, che trasmette
              con un abbraccio.
              Daniela Cesta
              Composta giovedì 1 febbraio 2018
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Daniela Cesta

                Pensieri invernali

                La luce è andata via
                e la luna non si vede
                le nuvole celano il bell'astro al mio sguardo

                il gelo avvolge ogni cosa,
                in questo ultimo giorno di gennaio
                nel pieno dell'inverno, con i pensieri che volano

                il mondo cambia, con il tempo che passa
                ci si sente più soli dopo che, le persone amiche
                da sempre, sono volate in cielo,

                il magico inverno fa ricordare molti istanti, passati,
                da dietro i vetri appannati, silenziosamente
                le persone andate ritornano nella nostra mente

                loro sono nella luce ormai...
                incanto, suggestione, di pensieri nebbiosi
                ma vivere la magia del nostro tempo

                è qualcosa di straordinario, anche con malinconici
                paesaggi misteriosi, che circondano il nostro spirito
                mentre gli occhi osservano, circostanze e situazioni invernali.
                Daniela Cesta
                Composta mercoledì 31 gennaio 2018
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Daniela Cesta

                  Gennaio

                  Gennaio è entrato euforico
                  con il suo forzuto cielo burrascoso
                  con la luna che fa capolino tra
                  ostili nuvole nere, la sua luce rischiara
                  la campagna silenziosa che sembra morta
                  appare ogni cosa fosca e tempestosa,
                  solo la luna sembra brillare intensamente
                  quando riesce a uscire da un cielo
                  bieco, temibile, truce, ringhioso...
                  pioggia e neve sono padroni di questo tempo
                  alternandosi, mentre il crepitio del fuoco
                  dona sicurezza e calore, tra il luccichio delle fiamme
                  vagano i nostri pensieri, i nostri ricordi
                  le nostre sensazioni che nonostante il tempo che passa
                  non scivolano mai via.
                  Daniela Cesta
                  Composta mercoledì 31 gennaio 2018
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Daniela Cesta

                    La mia quercia

                    La mia quercia dorme sotto la neve
                    nel freddo e nel gelo, nel silenzio assordante
                    come anima eterea che aspetta una grazia

                    ascolta i palpiti che provengono dall'universo
                    in quel cielo freddo dove i suoi rami si ergono
                    come braccia che cercano amore

                    ella ascolta ciò che il cielo dice
                    quello che le persone non ascoltano
                    presi solo dalle cose, esteriori dell'umanità

                    la quercia sembra morta, ma riposa nella solitudine
                    dell'inverno, nel raccoglimento interiore
                    di consapevolezza, solo a coloro che, cercano la natura

                    saggezza e protezione, scaturisce da una quercia
                    nel gelo del bosco, aspetta una carezza d'amore
                    in quel tocco magico, dona la sua energia

                    che arriva diretta dentro di noi, regalandoci
                    enzimi invisibili e potenti, amo l'essenza del silenzio
                    anche nel pieno dell'inverno, nel bosco.
                    Daniela Cesta
                    Composta sabato 20 gennaio 2018
                    Vota la poesia: Commenta