Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie generazionali


Scritta da: Maurizio B.
in Poesie (Poesie generazionali)

Amare un narcisista

Lui è affascinante, intelligente, brillante, a successo in tutti i campi sociali,
e sa di essere ammirato da tutti, lei lo vede così e se ne innamora in breve tempo,
è l'uomo ideale per lei.

Lui si mostra dolce, tenero, attento, premuroso, passionale, e indifeso per una vita passata sofferente, fiducioso in lei che lo sa capire, e soprattutto molto attento ai bisogni di lei in questo momento.

Ma Lui narcisista, è molto abile nell'assumere il controllo delle vite altrui,
usa qualsiasi mezzo per piegare le persone alla propria volontà ed è sempre Lui ad avere la meglio.

Ormai Lei non vede altri, lo comprende anche se Lui ha una vita complicata,
e si concede totalmente a Lui con la mente e con il corpo.

Ma Lui narcisista è sempre alla ricerca del "meglio del meglio",
e dopo pochi momenti passati con Lei, Lei non le basta più,
la vede come una donna senza carisma, non trova più in Lei interesse,
non al suo livello, e poi il suo obiettivo principale è il suo di benessere,
Lui è innamorato di se stesso.

Ma Lei ormai è innamorata di questo amore narcisista,
non può più farne a meno, lo vede come il suo ideale compagno.

Lui narcisista vive i sentimenti con freddezza, con distacco e mancanza di empatia,
Lui ama la propria immagine riflessa negli occhi degli altri,
quindi si trova un'altra donna per farsi amare, una nuova preda,
per sostituire Lei che non è più interessante,
non è più ai sui livelli superiori.

Ma Lui narcisista gli concede tre giorni di intimità tutti per Lei prima di dirgli addio,
così da non farsi più dimenticare, ed avere un'altra donna che lo ama, che lo ammira.

La porta in hotel di grande prestigio, ristoranti di chef famosi,
in posti da far salire sempre più in alto il suo successo,
il suo fascino si innalza ancora di più per Lei.

Ma quando questo finisce e l'addio e arrivato Lei si trova confusa, addolorata, vuota,
il suo cuore va in frantumi.

Tutto questo l'ha cambiata, ora non vede più le persone che gli stanno vicino,
che l'amano, Lei ora non crede più a nessuno, e la solitudine gli rimarrà a lungo dentro.
Composta domenica 2 maggio 2021
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Maurizio B.
    in Poesie (Poesie generazionali)

    Una donna che non sa più amare

    Sei cambiata, ti senti più libera e vuoi scoprire un altro mondo.

    Ti è ormai stretto questo mondo insieme a me,
    ne vuoi un altro di mondo, ma questo ti porterà alla solitudine,
    perché non basta avere amiche e amici per vivere appieno e per essere felici.

    Si, sei cambiata, non c'è più amore nel tuo cuore.

    Ci vuole anche l'amore, e tu non sai più darlo,
    credi che per te sia sufficiente avere amici e amiche per essere felici.

    Troverai nuove amiche, come è già successo, ma non l'amore,
    e quando tu ti sentirai sola, loro non ci saranno per te,
    perché pensi che puoi fare a meno dell'amore.

    Troverai altri uomini, come è già successo, ma non l'amore,
    perché nei tuoi modi non c'è più amore.

    Ma nei momenti più tranquilli, dove la mente rivive la vita,
    nella notte in silenzio con te stessa sentirai la mancanza dell'amore e ti troverai in una casa vuota condivisa con la solitudine.

    Tu non sai più amare.
    Composta lunedì 26 aprile 2021
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Aurora Sisi
      in Poesie (Poesie generazionali)
      Abbandonati al trascorrere del tempo,
      vivi la tua libertà,
      cerca di soffocare alcuni pensieri,
      cerca di non vedere,
      cerca di non ascoltare
      ciò che ti fa stare male,
      dai solo ascolto alla voce
      della tua anima,
      senti quello che ti suggerisce,
      quello che ha da dirti.
      Composta venerdì 24 aprile 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Maurizio B.
        in Poesie (Poesie generazionali)

        Nelle notti insonne

        Nelle notti insonne, la mia mente ritorna indietro,
        ripenso alle mie storie,
        a quelle vissute e a quelle che desideravo e che non si sono mai realizzate.

        Ripenso al passato, al dolore, alle falsità che ho subito,
        ripenso ai momenti felici, in cui ero così felice da volerlo urlare a tutto il mondo.

        Ripenso che ora non sono abbastanza forte per sopportare un altro addio,
        per ricominciare di nuovo, per sentire di nuovo quel dolore al cuore.

        Penso che, forse, l'amore sia troppo per me,
        che forse ci ho sperato così tanto ma non fa per me.

        Penso che gli anni passano sempre più veloci, che ormai ho esaurito le possibilità di trovare l'Amore.

        Penso a quello che sto facendo ora: sono un anima persa in un ambiente che non è più mio, un ambiente che non mi vuole più e che spera sempre che io vada via.

        Ancora cerco di aggrapparmi a tutti i miei ricordi belli, ma vedo un abisso gelido e profondo, senza luce.
        Composta mercoledì 28 aprile 2021
        Vota la poesia: Commenta
          in Poesie (Poesie generazionali)
          25 Aprile 1945
          È la giornata della liberazione dal nazifascismo,
          o meglio da qualsiasi forma di governo totalitario
          che precluda non rispettando gli altri
          confrontandosi democraticamente:
          sia con i partiti della maggioranza
          sia con i partiti dell'opposizione.

          Liberazione fortemente desiderata e voluta
          dall'umanità, di buona volontà, proveniente
          da qualsiasi pensiero politico che riconosca
          la libertà del singolo cittadino di esprimere,
          nel rispetto della costituzione,
          il suo libero pensiero.

          25 Aprile 2021
          Siamo all'alba di eventi fortemente desiderati,
          voluti dall'umanità di buona volontà proveniente
          da qualsiasi forma governativa, culturale,
          politica o confessione religiosa, che
          ravvisa il malessere arrecato alla Madre Terra
          dall'intelligenza in conflitto con gli eco sistemi
          inseguendo effimere soluzioni energetiche
          che soffocano la vera ricchezza, la Salute.

          L'Umanità nell'assumersi universalmente con umiltà
          le responsabilità, riconosca che qualsiasi forma energetica
          dovrà essere in sintonia con modelli di consapevolezza che
          liberano la Madre Terra, da inquinamenti insostenibili
          nel rispetto del Creato con tutte le sue Creature.
          Composta domenica 25 aprile 2021
          Vota la poesia: Commenta