Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Antonio Pistarà

Optometrista, Ortottico, Diagnosta., nato sabato 24 dicembre 1977 a Catania (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Leggi di Murphy, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: ANTONIO PISTARA
Ti saluto oscurità,
sono qui per te: voglio parlarti,
poiché ho una visione che fa dolcemente rabbrividire,
mi ha sussurrato la verità nel mio sonno,
e la visione che ho avuto è germogliata nella mia anima,
ancora persiste, la sento:
nell'assordante suono del silenzio.

E nella fioca luce vidi,
migliaia di persone, forse più;
persone che parlavano senza dire niente,
persone che sentivano senza ascoltare,
nessuno osava disturbare ciò che nessuno udiva.

Il silenzio cresce come un cancro,
non ci sono parole che possano essere, da lui, ascoltate.
Prendete le mie braccia: potrei raggiungervi.
Ma le mie parole caddero in silenzio come gocce di pioggia
e riecheggiarono nelle sorgenti di ciò che ci ostentiamo a non capire.
La gente si inchinò e pregò
il Dio che non avevo chiamato.
Una luce proiettò il suo avvertimento,
tra le parole che stava delineando,
e l'insegna indicò: "le parole dei profeti sono scritte sui muri delle metropolitane".
E sussurrò, di nuovo, nell'assordante silenzio".
Ma nessuno sembrò capire.
Nessuno.
Antonio Pistarà
Composta mercoledì 3 aprile 2019
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ANTONIO PISTARA
    Non ci sono più scuse che possano essere scambiate con la verità,
    nessuna parola può levare questo dolore,
    il nostro silenzio non poteva essere una scusa.
    Deludere o ingannare: infallibile.
    Tutto il resto è quello che già sappiamo.
    Più facile vivere un dolore che dover lasciarlo andare,
    trascorrere i ricordi della vita in modo da non dimenticare mai;
    momenti preziosi diventano tesori perduti,
    quando non riesci a ricordarli.
    Tutti continuano a chiedere se sto bene.
    La verità è che noi non siamo ciò che crediamo di essere,
    al resto non so rispondere.
    Antonio Pistarà
    Composta giovedì 28 marzo 2019
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ANTONIO PISTARA
      Tu, da qualche parte nell'Universo:
      mi stai pensando,
      mi stai immaginando.
      Io, da questa parte dell'Universo:
      ti sto pensando,
      ti sto immaginando.
      Il filo ancestrale del pensiero che tutto crea e distrugge, adesso ci unisce: indissolubilmente.
      Tu, da qualche parte nell'Universo,
      Sei.
      Io, da questa parte dell'Universo:
      Sono.
      Per me, da oggi, non sarà più lo stesso.
      Dai prendi la mia mano, adesso:
      seguiamo insieme lo stesso verso,
      Verso Te.
      Antonio Pistarà
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: ANTONIO PISTARA
        C'è un angolo di mondo in cui le cose appaiono diverse:
        i fiori profumano tutto l'anno.
        Il mare ha mille sfumature colorate.
        Il cielo è il tetto di ogni stanza.
        L'amore non muore mai.
        La ragione prevale sull'ira.
        L'essere domina l'apparire.
        La razionalità l'irrazionale.
        La passione si sostituisce all'istinto.
        La magia non smette di stupire.
        Il certo prevale sull'incerto.
        La notte si fonde con il giorno.
        La tempesta con il sereno.
        Il sole con la luna.
        C'è un angolo di mondo in cui le cose appaiono diverse.
        Quell'angolo di mondo si trova li dove è sempre stato:
        Nel riflesso della tua anima.
        Nel riflesso di noi.
        Nel riflesso di te.
        Antonio Pistarà
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: ANTONIO PISTARA

          Oltre...

          C'è un'altare dove ci si incontra,
          dove non esiste prigionia.
          C'è un lago, il cui riflesso pervade l'anima,
          dove non esiste angoscia.
          C'è un giardino dai mille colori,
          dove non esite paura.
          C'è una casa sicura da abitare,
          dove non c'è tristezza.
          C'è un mare sempre calmo,
          dove le onde acquietano ogni insicurezza.
          Io sarò in quei luoghi, se mi cercherai;
          poiché vanno oltre il tempo,
          oltre la vita,
          oltre la morte.
          Oltre Te,
          Oltre Me.
          Oltre.
          Antonio Pistarà
          Composta sabato 1 dicembre 2018
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: ANTONIO PISTARA
            Sei un Faro in un mondo senza Luce.
            Dove il Silenzio sovrasta l'urlo.
            In un mondo in cui:
            La China reclama la sua Penna,
            l'Assoluto cerca la sua Anima,
            Il Mare la sua Tempesta,
            La Luna il suo Sole,
            Il Tormento la sua Pace,
            La Magia la sua Stella,
            La Vita la sua Morte,
            Tu:
            Sei un Faro in un mondo senza Luce.
            Antonio Pistarà
            Composta mercoledì 28 novembre 2018
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: ANTONIO PISTARA

              Se solo...

              Se solo potessi toccarti un'ultima volta, le mia pelle brucerebbe,
              se solo potessi incrociare i tuoi occhi un'ultima volta sentiresti le nostre anime fondersi all'unisono,
              se solo potessi sentire il tuo profumo, mi inebrierei di esso per una vita intera,
              se solo potessi sentire le tua voce, sentiresti, di rimando, come la mia "suona" nella stessa corda,
              se solo potessi fare l'amore con te un'ultima volta, abbandonerei per sempre il mio corpo al tuo e, fondendosi, diverremo: una sola anima, un solo corpo, due soli occhi, una sola pelle, un solo profumo, una sola voce, una sola passione: la nostra - unica, inimitabile-sola; 'fatta di Noi.
              Se solo Tu...
              Antonio Pistarà
              Composta giovedì 11 agosto 2016
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: ANTONIO PISTARA

                Se...

                Se...
                le rocce ti sembrassero impenetrabili
                il mare in tempesta ti apparisse indomabile
                il fuoco pensassi di non poter spegnere
                il sole non riuscissi a guardare
                la luna non ti facesse sognare
                una canzone non ti facesse emozionare
                una vita non bastasse per viverti
                una goccia di sudore non ti facesse sospirare
                l'altro non ti completasse
                allora,
                se...
                fosse così,
                non saresti ciò che cerco,
                ma solo una falsa copia del vero
                da rintanare in un angolo recondito della mia vita.
                Antonio Pistarà
                Composta mercoledì 27 luglio 2016
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: ANTONIO PISTARA

                  Il Buio e la Luce.

                  Distesa con gli occhi chiusi, più bella di un angelo,
                  lasci solo bagliori della tua immensa luce
                  piccola fiamma fioca spenta dal freddo della morte
                  il buio nei tuoi occhi spengono ogni fuoco
                  nella mente  solo il tuo amore:
                  di donna,
                  di madre,
                  di moglie,
                  di figlia,
                  Unica e sola.
                  Il buio dei tuoi occhi mi raggelano l'anima
                  posso solo mandarti un bacio al vento
                  sperando che arrivi fin lassù
                  tra gli angeli.
                  Forse non sarà molto
                  ma è l'unica cosa che mi viene da fare oggi che non ci sei più.
                  Ma che importa oramai ...
                  forse nulla,
                  forse tutto.
                  Questo non lo sapremo mai.
                  Solo che non doveva andare così
                  ed oggi siamo tutti un po più soli...
                  Ti lascerò un fiore sulla tua tomba in questo giorno di pioggia
                  guarderò lassù pensando che forse, adesso, raggiungerai la tua meta.
                  Non doveva andar così...
                  è per te Alessia,
                  nel tuo ricordo indelebile di chi resta e ti porta nel cuore.
                  Per sempre.
                  Antonio Pistarà
                  Composta sabato 19 gennaio 2013
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: ANTONIO PISTARA

                    Eternity

                    Do not kid yourself about what you can't live on yourself because

                    There are,
                    Flowers that do not have petals,
                    Eyes that do not shed tears,
                    Rain does not wet.

                    Do not regret the life that you could not live and continue to live your, live it moment by moment as

                    There are,
                    Moments that remain eternal,
                    Moments that disappear from the mind,
                    Memories that resurface.

                    Can't see through the darkness of a false light, illuminated only by what your eyes are able to see because,

                    There are,
                    Nights do not know dawn,
                    Lights that reflect the dark,
                    flameless candles that you consume.

                    Recognize your roots, you sink in the land: hug her and love her, do it for your

                    There are,
                    Lands that do not belong to anybody,
                    Boundaries to be passed,
                    Places that are experienced,

                    Never believe to meet lunge as
                    There are,
                    Instincts that you can't control,
                    Gestures that you must complete,
                    Screw that you have to live:
                    suffering, struggling, bleeding:
                    defending and savoring the taste "sweet" of death.
                    Not yesterday, not today, not tomorrow, now.

                    Time.
                    Time.
                    Time.

                    Non illuderti di ciò che non riesci a vivere su te stesso poiché

                    Ci sono,
                    Fiori che non hanno petali,
                    Occhi che non versano lacrime,
                    Pioggia che non bagna.

                    Non rimpiangere la vita che non sei riuscito a vivere e continua a vivere la tua; vivila istante dopo istante poiché

                    Ci sono,
                    Momenti che rimango eterni,
                    Istanti che scompaiono dalla mente,
                    Memorie che non riaffiorano.

                    Non vedere attraverso il buio di una falsa luce; illuminati solo di ciò che i tuoi occhi sono in grado di scorgere poiché,

                    Ci sono,
                    Notti che non conosco alba,
                    Luci che riflettono il buio,
                    candele che si consumano senza fiamma.

                    Riconosci la tue radici, affondale nella terra: abbracciala, amala, falla tua poiché

                    Ci sono,
                    Terre che non apparterranno mai a nessuno,
                    Confini da oltrepassare,
                    Luoghi che vanno vissuti,

                    Non credere mai di conoscerti affondo poiché
                    Ci sono,
                    Istinti che non potrai controllare,
                    Gesti che dovrai compiere,
                    Vite che dovrai vivere:
                    soffrendo, lottando, sanguinando:
                    difendendo e assaporando il retrogusto "dolce" della morte.
                    Non ieri, non oggi, non domani: ora.

                    Ora.
                    Ora.
                    Ora.
                    Antonio Pistarà
                    Composta mercoledì 23 gennaio 2013
                    Vota la poesia: Commenta