Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Antonio Pistarà

Optometrista, Ortottico, Diagnosta., nato sabato 24 dicembre 1977 a Catania (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Racconti, in Leggi di Murphy e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: ANTONIO PISTARA
È tutto un cambiamento: perpetuo, costante e in continua trasformazione.
Il momento, l'istante: scandito da un continuo ripetersi dell' "Ora".
E in questo eterno susseguirsi di Ora, consumo la mia vita.
La vivo caleidoscopicamente in un turbinio d'immagini che affollano la mia mente illudendomi dell'esistenza del tempo.
Il tempo: generatore d'illusioni.
"La più grande illusione dell'essere umano: il tempo".
Nulla è più reale, altresì, del pensiero; la materia è solo il frutto di ciò che vogliamo vedere.
"Noi vediamo solo ciò che vogliamo vedere".
Sbrighiamoci a vedere, dunque, ad osservare e capire; poiché non esiste "ora" che aspetti.
Poi si torna a Casa.
Per sempre.
Antonio Pistarà
Composto lunedì 11 marzo 2019
Vota il post: Commenta
    Scritto da: ANTONIO PISTARA
    L'assoluta verità non esiste; poiché oggettivata e concettualizzata dal nostro mondo fenomenico.
    Se si realizza che "Io" sono "quello" si inizia a capire che l'unica entità non soggetta a oggettivazione e concettualizzazione, abbandonando qualunque atto di volizione, è il noumeno.
    Pertanto, il raggiungimento ultimo di verità, e quindi di liberazione dal cercala, è fare proprio questo semplice assunto: "La coscienza che cerca la sua sorgente non la trova, poiché il cercatore è il cercato stesso."
    Se ne ricava dunque che persino la "liberazione", dunque ", è un concetto.
    Questa è tutta la Verità che uno necessita di conoscere a questa vita.
    La chiara comprensione della" manifestazione "(fenomeno) comporta la comprensione:
    -non c'è nessuna identificazione con nessuna forma individuale poiché soggetta alla durata nel tempo; concetto, quest'ultimo, legatoal tempo.
    -La nostra vera natura è la testimonianza di questo spettacolo.
    E la testimonianza può avvenire sino a che lo spettacolo continua; e lo spettacolo può continuare finché c'è coscienza.
    Vivete dunque questo meraviglioso spettacolo della vita per quello che è realmente: miliardi di eventi fenomenici dietro ai quali, Noi stessi" fenomeni", siamo legati: dal il più piccolo granello di sabbia al più grande ammasso di materia dell'universo; soggetti ad una brevissima apparizione, in questo teatro, che è la vita.
    Vivete dunque. Qui e Ora.
    Poiché la nostra vera natura è il sempre presente immanifesto: ove nessuno nasce, nessuno muore.
    Il noumeno.
    Antonio Pistarà
    Composto domenica 25 novembre 2018
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: ANTONIO PISTARA
      State cercando la verità? Davvero? La verità più vicina alla comprensione umana è la condizione della morte. Strano? No! È la vita! Il poter concepire l'assoluto, l'eterno presente, in assenza della coscienza è parte della verità. Noi siamo tutto ciò che non riusciamo a concettualizzare, a oggettivare: ecco la verità. Noi siamo, di rimando, la sua ombra. L'ombra di tutte le verità è il riuscire a percepire il falso come falso; voi, ci riuscite?
      Antonio Pistarà
      Composto mercoledì 14 novembre 2018
      Vota il post: Commenta
        Scritto da: ANTONIO PISTARA
        "Ho il cancro: mi rimangono sei mesi di vita...".

        Ha esordito così una mia carissima amica di soli 38 anni.

        Poco più di un anno fa, la vita mi ha messo alla prova e, trovandomi in un letto d'ospedale, incontrai un amico che non vedevo da tempo. Una "lotteria", la vita: lui ricoverato per presunte crisi epilettiche, io per una "semplice" rottura vertebrale. Usciti dall'ospedale non ci sentimmo per un po. Dopo meno di un anno anno un messaggio: "Antonio, ho un cancro al cervello. Credo di non farcela". Fu l'ultima volta che lo sentii.

        Nella lotta continua tra la vita e la morte, in questo continuo, costante e indivisibile abbraccio, con il quale viviamo ogni istante dei nostri giorni, l'unica certezza rimane solo una: l'Amore. E sì. L'amore. Dal sanscrito, (letteralmente): "... ciò che non muore" e sopravvive anche alla morte.
        Rendete ogni vostro momento unico, folle, straordinario; poiché, prima che possiate battere di nuovo le ciglia, "sarete solo concime per i fiori."

        La vita è una prova. Nient'altro che una prova. Dobbiamo imparare ad alzarci, camminare con le nostre gambe, affilare la spada e combattere. Perché, non è importante quanto forte colpisci, (la vita lo fa di più ); è importante come riesci a rialzarti ogni volta che, la stessa, ti avrà messo al tappeto.

        Il mio augurio, dunque, per tutti, è uno solo: possiate vivere la vostra vita, qualunque essa sia e qualunque cosa vi riservi, con la consapevolezza che le "armi" per rialzarsi sono solo tre: l'Amore, La Gioia e la qualità dei vostri Pensieri.
        Antonio Pistarà
        Composto venerdì 13 aprile 2018
        Vota il post: Commenta
          Scritto da: ANTONIO PISTARA
          Lasciamo che il rimpianto scompaia. Viviamo e godiamoci la vita e la sua vitalità qui & ora; senza più condizionamenti, dogmi, catene mentali, stereotipi o falsi miti. La bellezza e la meraviglie delle cose terrene è tutta intorno a noi. Emozionarsi nell'accarezzare le foglie di un albero e capire, sentire, percepire la sua vita e vitalità rende ogni cosa pura magia.
          E se da un'emozione così grande, deriva anche da questo, non puoi immaginare con che occhi nuovi e rinnovati è possibile, davvero, grazie alla consapevolezza, guardarsi tutt'attorno e stupirsi di essere stati ciechi ed inconsapevoli sino ad ora. Riempiamo la nostra esistenza di gratitudine; di rimando, la vita, non potrò fare altro che stupirci: ancora... e ancora.
          Antonio Pistarà
          Composto mercoledì 9 agosto 2017
          Vota il post: Commenta
            Scritto da: ANTONIO PISTARA
            Ci sono alcune cose che una volta scoperte, nella tua vita, non ti lasciano più.

            -La consapevolezza:

            *Non sentirsi più "soli" ma parte integrante del grande disegno della vita.
            *Essere semplicemente quello che si è, senza se e senza ma...
            *Scoprire che le cose più belle della vita sono anche le più semplici...
            *Non sentire più il bisogno di desiderare; è come avere tutto.
            *Realizzare che ciò che è percepito agli occhi e solo il dieci percento di ciò che, tanti, vedono: il resto è sotto.
            Come un Iceberg. Un albero.
            *Gioire della visione di ciò che più di divino è presente a questo mondo: la natura.
            *Vivere la vita istante dopo istante: come in un fotogramma; e godersi lo spettacolo volta per volta.
            *Sentirsi liberi di vivere l'oggi: il domani arriverà, perché pensarci, dunque...
            *Appagarsi totalmente dala gioia del donare, del condividere e dell'essere.
            *Sapere che ogni "problema" terreno ha dentro pure la soluzione; basta iniziare a "saper pensare".
            *Lasciarsi andare ad uno dei doni che la natura ti mette a disposizione: la "musica" (della vita).
            *Apprendere che la morte è solo la vera e più intima estensione della vita.
            *Non avere più bisogno degli altri; nessuno. Ci si basta da soli.
            *Scoprire che il buio non esiste; e solo uno dei mille filtri della luce.
            *Conoscere la verità: che è sempre dietro ad ogni piccola o grande bugia dell'uomo.
            *Avere il pieno controllo di se.
            *Non avere più "paura", di nulla; si diventa invincibili, credetemi.
            *Perdonare.
            *Amare
            *Non smettere mai di "cercare"...
            *Dimenticare il passato,
            *Vivere il presente,
            *Rimanere curiosi del futuro.
            *Essere consapevoli di esistere: esistendo davvero, dunque.

            ... Il resto? Beh, "Il meglio deve ancora venire".

            Buona vita a tutti, miei cari apprendisti. Auguri, dunque, "naviganti"... e ricordate: "anche il più lungo dei viaggi inizia con un piccolo passo"
            Antonio Pistarà
            Composto venerdì 30 giugno 2017
            Vota il post: Commenta
              Scritto da: ANTONIO PISTARA
              Nella vita...

              - non rinunciate ad una pizza con gli amici perché siete a dieta...
              - se ogni tanto vi capita di bere coca cola, beh, fa niente...
              - se non siete obesi mangiate, non abbiate una maniacale ricerca del peso forma che serve solo a far arricchire gli altri.
              - vogliatevi più bene.
              - Siate più indulgenti con voi stessi.
              - Valorizzatevi per quel che siete e non per quello che possedete o vorreste possedere.
              Nella vita non si possiede, nulla: è tutto in prestito, anche "le tue cose".
              - Impara ad avere rispetto degli anziani: ascoltali! Hanno solo da insegnarti qualcosa di nuovo.
              - Sorridete, giocate con i vostri figli, dite loro che li amate; arrabbiatevi di meno.
              - Fate l'amore con la persona che amate: "ovunque", come capita, senza pensarci più di tanto.
              - Se avete pochi soldi, sorridete: vi è chi non ha nemmeno quello.
              - Non fissatevi con il possesso: nella vita, come dicevo, non si possiede nulla. Ci vengono date delle cose che "prima o poi" dovremo lasciare... non attacchiamoci alla materia, dunque.
              - diciamoci di più, senza timore, ti voglio bene: potrebbe non esserci più tempo...
              -accettatevi per come siete: non c'è limite alla ricerca esasperante della "grande bellezza", solo che, facendo così, otterrete l'opposto.
              -Siate onesti.
              - Opponetevi con tutti voi stessi agli abusi: di qualunque tipo.
              - Vegliate su chi volete bene: esternate loro i vostri sentimenti.
              - Non abbiate paura di amare, di sbagliare, di perdere, di vincere, di lottare, di invecchiare.
              - Le nostre imperfezioni sono come tatuaggi dell'anima che ci differenziano dagli altri: impariamo ad amarle e ad averne cura.
              - Siate pazienti.
              - Vivete il presente, il passato non torna più ed è inutile volerlo rivivere...
              - meditate
              - leggete
              - amate
              - siate liberi col pensiero: fatelo solo vostro!
              - Non vi omologate: uscite dall'anonimato del branco.
              - Siate la firma di voi stessi.
              - Vivete la vita che vi è stata concessa e non quella di qualcun altro; magari è meglio la vostra, pur con tutti i suoi limiti... riflettete.

              - Fatevi travolgere dalla passione per tutto ciò che fate o solo pensate; se lo potete pensare, allora, lo potete realizzare.
              - Siate indulgenti.
              - Trovate nella solitudine un posto in cui ritrovarvi e non deprimervi.
              -Imparate a combattere battaglie da soli.
              - Vivete, vivete, vivete: attimo per attimo, istante per istante. La vita in fondo non è che la somme ti tanti piccoli istanti che potrebbero, in un istante, portarvela via: tanto vale, dunque, essere in pace con se stessi e con gli altri, partendo dal volervi bene di più.

              Vivete: "ora"

              "Nella vita vivete ora".
              Antonio Pistarà
              Composto martedì 20 giugno 2017
              Vota il post: Commenta
                Scritto da: ANTONIO PISTARA
                "Vi è in ognuno di Noi qualcosa di implicitamente" magico ", mistico, divino: qualcosa che è invisibile agli occhi ma non allo spirito. Non smettete mai di essere coscienti della vostra esistenza, poiché è unica, individuale, irripetibile e merita di essere scoperta e vissuta a fondo. Cercate dentro di voi - e non fuori - le riposte che cercate, le domande con cui vi arrovellate la mente, poiché la luce di tutte le risposte non è in nessun luogo se non nell'essere della vostra unica esistenza. Siate irripetibilmente unici, anche a costo di sembrar banali, ma siate ciò che è dentro il più recondito dei vostri segreti luoghi, quasi sempre, inesplorati: la vostra anima. E prendete coscienza che voi esistete nell'attimo stesso in cui vivete: istante dopo istante." Corriamo "tutti lungo un via dove non vi è passato ne futuro: ma solo il presente," Ora ". Il domani lasciatelo alle" menti semplici "che tanto hanno bisogno di avere proiezioni future di se stessi, inesistenti. Vivete l'attimo, poiché è fuggente. E siate un passo avanti alle cose che vi circondano - come la natura - e che ci rendono tutti un po migliori e saggi. La vita è una: e noi siamo parte del tutto, ma se non si capisce questo non saremo mai in grado di conoscere il'divinò che è in noi e che tutto travolge, ricicla ed è sempre presente: l'eternità".
                Antonio Pistarà
                Composto sabato 6 agosto 2016
                Vota il post: Commenta
                  Scritto da: ANTONIO PISTARA
                  Rifletto, mi guardo attorno e "sento" sempre tutto più distante da me.
                  Il mondo fuori mi appare come un caleidoscopio: prima verde, poi arancione, rosso, poi - all "improvviso - di nuovo, verde.
                  Sfumature dell'" anima "che combattono contro una incondizionata e folle corsa verso la spersonalizzazione, la de-civilizzazione e, sempre più, una distanza, ormai incolmabile, tra le persone: tra noi. Ma dove stiamo andando, verso dove, verso quale meta?
                  C'è una meta? Non credo. Questo nostro incessante volere tutto uguale, conformato, automa del" sistema ", globalizzato, ha finito per rendere Noi così; senza più una coscienza vera, reale, da guardare negli occhi, da toccare...
                  Che peccato, che nostalgia... e adesso?
                  La modernizzazione, il progresso, seppur con i suoi innegabili vantaggi, ci sta progressivamente facendo scivolare, anacronisticamente, verso un futuro che" sa "di passato. In nome di chi o di cosa, mi chiedo io...

                  Questo è il nostro mondo, che lo vogliamo o no, e se non ci impegniamo, ognuno, a compiere un cambiamento radicale dentro di noi, prima che fuori - lottando in prima persona anche per il bene comune-non potremo far altro che assistere da spettatori inermi a questo scivolamento della nostra società verso un baratro che ci impedirà di venirne fuori.
                  Le violenze aumentano in tutto il mondo.
                  Siamo pieni del nostro ego, di superiorità che ci porterà a perderla, questa battaglia.
                  E ora che ognuno si assuma le proprie responsabilità, non sulla base di quel che gli conviene di più ma per quello che è giusto, prima che sia troppo tardi.
                  Il vero, grande, Maestro è quello che ognuno ha dentro di sé.
                  Il vero e più atavico desiderio dell'essere umano, è quello di essere se stesso.
                  Vorrei che il mio messaggio fosse un inno alla diversità e all'unione, alla possibilità di essere quello che si desidera perché ragazzi, il tempo, non esiste. E se proprio ce n'è uno, quello, è già andato.
                  Dunque, un filo conduttore c'è nella vita, e la cosa buffa è che te ne accorgi solo quando è finita. Capito? Ti volti indietro e dici" Oh, ma guarda, c'è un filo ". Quando lo vivi non lo vedi, eppure c'è. Perché tutte le scelte che fai sono determinate, tu credi, dal tuo libero arbitrio; ma anche questa è una balla.
                  Sono determinate da qualcosa dentro di te che innanzi tutto è il tuo istinto, e poi forse da qualcosa che taluni chiamano karma e con cui spiegano tutto: anche ciò che a noi sembra, a volte, inspiegabile.

                  Spero che ognuno di voi trovi quel" filo" della vita che io, affannosamente, sto ancora cercando...

                  Ad ognuno di Voi auguro il meglio dalla vita e, con una vena di follia, vi auguro di fare sempre cose nuove, che vi stupiscano e rendano la vostra vita unica, semplicemente, la vostra: autentica e sola.
                  Antonio Pistarà
                  Composto martedì 28 giugno 2016
                  Vota il post: Commenta