Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie vernacolari


Scritta da: Cetty Cannatella
in Poesie (Poesie vernacolari)

U ciavuru ru mari (il profumo del mare)

Mi manca u ciavuru ru mari... u sò scrusciu
U ventu cà mpirughia i me capiddi e mi accarizza senza chiediri pirmissu.
Picchi u ventu ru mari è comu un picciriddu ca ti tira la vesta pi essiri sintutu.
U me mari parra cu ventu e grazie a iddu
u ciavuru ti trasi dintro o nasu e fino all'arma.
E quannu na lu mari tu ci nasci, ci crisci... u ventu pari t'assicuta puru all'autru munnu, avvoti pari ca mi tira a viesta e mi rici: Mi rissi u Mari, torna!
Io mi fazzu ancora mpirughiari i capiddi, circannu u ciavuru ru mari...
Iddù mpittutu nun mi parra chiù, comu a diri; io sugnu ventu, no ciavuru ri mari...
Ma u mari...
Lu tò mari... è comu u ventri ri na matri, pi sintillu ci ha trasiri rintra i cainni...
Pi sentiri u sò ciavuru, ha tuccari e basari la to terra.

Traduzione
Mi manca il profumo del mare... il suo rumore
Il vento che ingarbuglia i miei capelli e mi accarezza senza chiedere permesso.
Perché il vento del mare è comu un bambino che strattona la veste per essere ascoltato.
Il mio mare parla con il vento
E l'odore del mare grazie ad esso ti entra nelle narici fino a toccarti l'anima.
E quando nel mare tu ci nasci, ci cresci... il suo vento sembra ti insegua pure in capo al mondo, spesso ho come l'impressione che il vento strattoni ancora il mio vestitoe mi dica: Mi ha detto il mare torna!
Io lascio che mi scompigli ancora i capelli, cercando nell'aria il profumo del mare...
Allora il vento offeso non mi parla più, come se il suo silenzio volesse dirmi: io sono vento non profumo di mare!
Il mare...
Il tuo mare... è come il ventre di una madre, per sentirlo devi penetrare la sua carne.
Per sentire l'odore del tuo mare, devi toccare e baciare la tua terra.
Composta domenica 17 novembre 2019
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cetty Cannatella
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Quattru paroli attaccati 'ncruci

    Musica, scrusciu, abbaniati genti...
    Mercati di parole, sentimenti venduti, calpestati dal passeggio momentaneo del pseudo compratore d'amore.
    Cicatrici tatuate
    Fiori sbocciati da dolori acerbi, poi maturi e prepotenti
    Giro, giro tondo... ginocchia bucciate, anime tramortite, livide di dolore.
    Preludio di nuova luce, quando il dolore diventa forza.
    Quattru paroli attaccati ncruci...
    E come alla fine del gong sul ring, faccia livida e sanguinante
    Gente che esulta al massacro e vince il più forte...
    Il più forte non è chi ha usato violenza, né chi ha attaccato...
    Ma è chi con coraggio si è difeso, battuto, non è caduto o con forza si è rialzato.
    Le parole in croce con chiodi piantati sono rimaste lì... sterili, velenose e come kamikaze esplosi sui corpi di chi ha usato i colpi.
    Il Cristo è sceso, risorto... e sul ring rimane vittorioso e tramortito, ignorato.
    L'attentatore prima inneggiato... ora
    vittima di se stesso e del malcreato.
    Composta sabato 5 ottobre 2019
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Frank FB
      in Poesie (Poesie vernacolari)
      Pur o tiemp si piglia collera
      si nun vado a pedala'

      Me leva o' sole
      e vott'acqua
      comm t'avess a' lava

      ce l'ho detto, nun è colpa mia
      Io so' sempre pronto
      è a mugliera mia.

      Allora  n'cas  a man
      e cchiu'
      e n'drunann me dice...

      nun e capito nu cazz
      nemmeno tu.
      Composta martedì 20 novembre 2018
      Vota la poesia: Commenta
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Me ne voglio ì'

        'A vita s'è tutta scarrupàta
        a cchiù nun dico
        saglie e cresce a mala salute
        spànteco e dulore
        s'appresentano a tutte ll'ore.

        'O tiempo cchiù me ncurva
        spalle vraccio e  cosce
        meneno strille 'e pazzo,
        pe' stanchezza ll'uocchie
        stanno tra veglia e suonno;
        dormo a surzo o quase maje
        sulo ombre e male penziere
        me fanno cumpagnia
        quanno ricorde  'e ati tiempe
        e  lacreme s'arreposano;
        'o core viecchio
        malato e appucundruto
        a parlà nun ce 'a fa cchiù.

        Stu martirio a chi
        e a che serve cchiù!
        Morte pecché ancora
        te vuò ‘ntallià cu me!?
        L'ùrdema sigaretta
        me l'aggio fumata,
        viene nun aspettà
        ca sponta juorno!
        Viene sùbbeto
        jammo, fa ampressa:
        Morte pe' sempe
        famme addurmì.

        E vuje sentite buono:
        'e cose stanno accussì!
        Sta tutto scritto
        sta tutto signato
        e ce sta nu sulo finale.
        Mo che chiàgnite a ffà
        o facite 'a  faccia appesa!
        C' 'o  campà  e cu munno
        chiurimmo tutt'e cunte
        e nun ne parlammo cchiù.
        Composta sabato 6 luglio 2019
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cristian Di Napoli
          in Poesie (Poesie vernacolari)
          Ce stanno giorni, dove me guardo allo specchio e me chiedo:
          Ma so proprio io questo qua?
          Ma non le vedi st'occhiaie?
          Ma da dò so uscite.
          Te giuro che ieri nun c'erano.
          Sarà che non sto più a dormi,
          Colpa de tutti sti pensieri maledetti.
          Te credo che lei nemmeno me guarda.
          Ormai in giro so tutti perfetti, ma che ce fa co sti du occhi mia.
          Però glielo direi sai?
          Glielo direi che da quanno se so posati su quel soriso, non c'ho capito più niente.
          Si lo so quello che me state a di tutti.
          Ma come faccio a lascialla sta.
          Magari lei nemmeno ce lo sà quanto vorei falla mia.
          Magari chissà che se pensa.
          Che so no stronzo come tanti
          Perché tanto ce lo pensano tutti.
          Ma glielo farei pesà sto core che me sta a esplode dentro ar petto.
          Ce lo sai che botto che fa se poco poco me l'accarezza?
          Ma forse c'avete ragione voi.
          Nun è pe me.
          Ma una cosa gliela voglio di lo stesso.
          Continua a soride principè, perché qualcosa de bello che illumina Roma ce deve sta.
          E niente ce riesce meglio de te.
          Composta lunedì 1 luglio 2019
          Vota la poesia: Commenta
            in Poesie (Poesie vernacolari)

            A' Mariol / La ladra

            Sì troppa bell
            auciell nir e janc
            cagn umor pè na luce,
            chiù t uard e chiù si affascinant..
            Tien nù stil elegant
            ma si semb..
            n'auciell rò malagurjj .
            Mariol sì!!
            Staje semb for
            staje semb ngir.
            Cant cant mariol
            cant sul pe na glorj
            arruobb eccos ca nun song ettoja
            ma arricuordt ca jj stong
            semb ccà
            pe t fucilà!

            ***

            Sei troppo bella
            uccello nero e bianco
            cambi colore per una luce,
            più ti guardo e più sei affascinante..
            Hai uno stile elegante
            ma sei sempre
            un uccello del malaugurio.
            Ladra sì!!
            Stai sempre fuori
            stai sempre in giro.
            Canta canta ladra
            canta solo per una gloria
            rubi le cose che non sono tue,
            ma ricordati che io sto sempre qua
            per fucilarti!
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Egyzia72
              in Poesie (Poesie vernacolari)

              Mammà

              O’tiemp pass
              ma pe te nun pass maje,
              ma quant si bell cu chisti
              capill argient,
              nun fa nient si
              nun si comm na’vota,
              a’ bellezz è rinto o’ core.
              Mammà guardam nu poc
              ca’ poi nun putimme
              cchiù fà, fermat nu’ mument
              dimm na’ parol che
              o’ tiemp pass ambress
              e ti scuord e’ cose
              e nun te è ricuord cchiù.
              Mammà te voglio bene
              ma tu o’ saje ?
              me sient ?
              vieni ca’ jamm abbracciame.

              Traduzione

              Il tempo passa
              ma per te non passa mai,
              ma come sei bella con questi
              capelli d’argento,
              non fa niente se
              non sei come una volta,
              la bellezza è nel cuore.
              Mamma guardami un poco
              che poi non possiamo
              più farlo, fermati un momento
              dimmi una parola che
              il tempo passa presto
              e ti dimentichi le cose
              e non te le ricordi più.
              Mamma ti voglio bene
              ma tu lo sai ?
              mi senti ?
              Vieni qua dai abbracciami.
              Composta domenica 12 maggio 2019
              Vota la poesia: Commenta