Poesie vernacolari


Scritta da: giancalder
in Poesie (Poesie vernacolari)

Dignità delle donne

te si vuttat'ncoppa è zizze
comm si nun è avessi maje viste
tu nun c'ia afai cchiù
m'agg sta!
Vuò sapè
perché stong ferma e zitta
cà teng?
a me accussì nun me piace
io vurria
cà è mani toje me prendessero a' faccia
cà m'accarezzassero doce doce
e
passami nà mano fra è capill
guardami dint all'uocchi
nun guardà avash comm fai mò
stu staje arraggiat
nun me piace accussì
io te voglio leggere
io te voglio leggere rinto l'uocchi
e rinto ò core
nell'anima toja
comm fai tu nun me piace
io aggia capì ca tu si
l'omm mie, nun sul ppe mò
ma p a' vita
perciò guardami rint agli uocchi
io ci voglio leggere l'ammore
l'ammore!
chill che nun passa accussì
vogl na storia cha nun finisce
io vogl vivere na vita
ma tu si d'accord o no
o vuò sultanto sfiziart nu poco
ma tu non piens a me
o male che me fai
io vogl scrivere na storia
felice! si felice
arò io me posso appuggià a te
agg essere sicura che tu ci sei
che tu scriv cu me
le pagine bianche del nostro libro
chell che cont e chell che tieni in du core
se l'anima toia è sincera
pure gli uocchi tuoi so sinceri
e io li vedo se sono chiari e trasparenti
sennò li tieni a vash
e nun tieni a forza e uardarm
nun tieni o curagg e pigliarm a mano
nun tieni o coraggio efarm na carezz
se è accussì che c'è stai a fa accà
tu non sai comme scrivere la storia
la nostra storia
tu vuò scrivere solo a toia storia
allora parlame dimme chell che piensi
rimme che tu vuò scrivere cò me
sulle pagine bianche del nostro libro
scrivere la nostra storia
dimm che tu vuò sentì o calore della mia pelle
che me vuò abbraccia
che me vuò tenè
stretta a te
e dimmela na parole roce
dimm che me vuò bene
e rimmell
iamm
e parlame
sennò vattenne, nu me cercà
affinché l'anima toia nun se sposa con la mia
e fammel sentì che me vuò bene
e portame l'aniello!
segno del bene che me vuoi
l'aniello è il segno dell'impegno
del legame c'à ciaddastà
tra l'homm e la donna
o tu piens che i femmene
se ponne aggirà
comme vui pensate
e nun pensate
c'à tene na dignità
n'orgoglio
vui pensate alla donna
debole e sottomessa a vui
chest e o vere
e o sapite pecché?
Pecché noi tenimm
O core
Pecché noi tenimm l'ammore
Int all'anima
Nui potimm amare
Pecché simm forte
Chiù fort e vui
Rint a capa tenimme
O
Dolore
e quant partoriamo
O tenimm ra piccerelle
E crescimm a cussì
Simm preparate a fare
Sacrifici
Comme mamma toia
Che ta cresciut
E mentr tu iv a chiucà
O pallone
Nui pensavamo già a chell che c'aspettava
Se ie voglio pazzià cu te
Lo decido io
Nun me lass imbambulà
E ossai pecché
Pecché teng e sentimenti
Io sò femmina
E vui nun c'è potete niente
Contro la sensibilità delle donne
A uno comme a te nun o voglio
Te lass
Si e o vere
Tu me può
Accirere
E o sai pecché
Omme, pecché si debole
E vigliacco.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Michele Acanfora
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Songo n'artista

    Songo n'artista ma nisciuno se ne addona…
    'A gente penza 'e me ca so' falluto, senza sapè ca songo n'artista cu 'nu core 'e velluto.
    Parole belle, tante emozioni, chesta 'e a specialità mia, ca tiro fore cu tanto ammore e fantasia.
    Nun voglio l'applauso e ne 'a mondanità,
    me basta 'e purtà 'o core mio a chi cchiù se po' cunzulà.
    Cu tutto 'o core scrivo chesti parole, speranno ca 'e liegge tu ca si' speciale…
    Ammore, pace e alleria, cu l'arte tutto addeventa na bella melodia.
    Quanno si' artista nun tieni bisogno 'e fa' rummore, te basta 'e purtà calore a chi se nutre cu l'ammore.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Michele Acanfora
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      'O Natale senza 'na mamma

      Comm'è triste 'o Natale senza 'na mamma, addo' pure 'o fuoco nun te scarf'; addo' pure 'a cumpagnia te mette pecuntria. 'Nu Natale addo' nun ce sta' regal' ca te fa cuntent: si' scuntent dint' 'o core.'Nu Natale senza 'na mamma, è comm' 'a terra senza sole. E' comm' 'a notte senza luna. E' 'nu Natale ca se rire e se pazzea, ma 'o care chiagne, pecchè nun trova calore. M'arricordo quanno 'a Natale stev' 'nzieme 'a mamma mia, addo' nun teniv' niente, ma senza sapè, teniv' tutt'cose. Comm' fosse bell' 'nu Natale accussì, addo' ce stev' 'o bene, e surrisi e 'a bona cumpagnia… 'Nu Natale addo' nun ce stev 'a tecnologia, ma eram' cchiù felici e co' core chin' 'ra alleria.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Frank FB
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        A Natale

        A Natale
        comm'a e semp
        a gente gira pe' dint e bancarell
        auguri qua,
        auguri la'...
        poi frnesc tutto a magna.'
        Panettone struffoli e capitone
        pe ci'abbuffa' comm e chiattun.
        Ma na cosa e' troppo bell
        a casa mia si regn'e stell,
        torna a casa pe magia
        a chiu' grossa figlia mia.
        Chist'u juorno tutti insieme
        Ci vulimm tant' bene,
        ma po' cu l'Epifania
        tutt'quanti vanno via
        Insieme a tanti ca' vanno a studia'
        Pure essa se ne va'...
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gianni Santocchio
          in Poesie (Poesie vernacolari)
          La luna è lassù già da un po'...
          Nel mentre cerco il sonno nel rumore dei miei pensieri,
          Quella è ancora lì, da ieri...
          Non ho necessità di affacciarmi per rendermi conto della sua presenza,
          Son quelle cose che si dan per scontato;
          Come lo scorrere dei fiumi, il cader della pioggia...
          Ma non so cosa, non so il motivo, ma quella palla giallastra mi dà sempre una certa sensazione di magia...
          La notte che porta con sé l'ignoto
          Un alone di mistero che ogni giorno,
          Puntualmente, si ripete da quanto se ne ha notizia.
          E spesso porta con sé pure domande,
          Come se la sera quando tutti se stanno zitti,
          La notte si sostituisse ad essi, pe venì a curiosà...
          Eppure la voce che sento è la mia,
          In quel che è un infinito monologo nella mia testa, che con l'avvento della luna, anch'esso si ripete puntuale...
          Che c'è di male se mi innamoro di un sogno,
          Che c'è di male se mi perdo e mi ritrovo in una speranza,
          Che c'è di male a vive da folli,
          In un mondo che così ordinario, annoia.
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Raffaele Pisani
            in Poesie (Poesie vernacolari)

            Covid, vicchiaia e ammore

            I' vularria campà
            sultanto 'nfin'a quanno campe tu,
            né nu minuto 'e meno,
            né nu minuto 'e cchiù!
            Nun vularria murì
            almeno 'nfin'a quanno chistu core
            te sape rialà
            schìzzeche 'e gioia e arcobalene 'e luce...
            almeno 'nfin'a quanno
            me saccio ancora perdere
            dint''e surrise tuoje...
            Vurria campà
            sultanto pe' te da' chillu cunforto
            ca io te saccio da'...
            Cunforto ca pe' nnuje ca simmo viecchie
            ce 'o po' dda' sulo
            chi è addeventato viecchio comm'a nnuje,
            tutta na vita mano dint''a mano,
            ogni mumento 'e ogni ghiuorno 'e ogn'anno...
            e sape cose
            ca sulo nuje sapimmo,
            io 'e te, tu 'e me...
            ce abbasta na guardata... e ce capimmo...
            e quanno
            nuvole nere
            ce affocano 'e penziere
            a nnuje ce abbasta, pe' turnà felice,
            nu pizzo a rrisa
            e na carezza int''e capille 'argiento...
            A stu traguardo
            ce arriva sulamente
            chi comm'a nnuje s'è fatto viecchio nzieme.
            Propio pe' chesto i' vularria campà
            sultanto 'nfin'a quanno campe tu,
            né nu minuto ‘e meno,
            né nu minuto ‘e cchiù,
            sultanto pe' te da' chillu cunforto
            ca io te saccio da'... io ca so' viecchio
            e viecchio me so' fatto nziem'a tte.
            Composta domenica 23 maggio 2021
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Mauro Lo Sole
              in Poesie (Poesie vernacolari)

              So' povero ma...

              So' povero ma

              So' un povero Vagabondo
              e vivo pe' la strada
              su er marciapiede
              so' un senza tetto
              regalo inchini saluti
              a chi me fa' la carità

              Giro su e giù tutto er giorno
              tra vie della città
              senza sapè dove annà

              Sino a quanno ar calar der sole
              la luna fa' capocella
              e sotto a'n cartone
              e sopra na panchina o n'scalino
              me metto a riposà

              E prego er Signore de stamme
              accanto e vicino

              Poi parlo alle stelle e je chiedo
              de famme compagnia
              e spio la notte su' le note
              dei rumori der buio
              co' l'orecchie
              ad ascortà i sospiri della tera
              sognanno ad occhi aperti
              amore ricchezza e felicità  
              come un regazzino
              innamorato della vita
              e della sua ingenuità.
              Composta martedì 2 marzo 2021
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Mauro Lo Sole
                in Poesie (Poesie vernacolari)

                Lo sgommarello

                Lo sgommarello
                è il ramaiolo er mestolo
                de na' vorta
                er bicchiere de rame
                fissato a un lungo
                manico de fero
                con cui se prenneva
                l'acqua de cottura
                dalla pila
                pe' sgommarellare
                nella padella ‘na
                pietanza pe'condilla
                pe' sfumalla
                o pure avvòrte
                usato come na' cucchiarella
                pe' fasse giustizia
                o pe' versarce er brodo
                o la minestra ner piatto
                er giorno de'a festa.
                Composta giovedì 25 febbraio 2021
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Davide S.
                  in Poesie (Poesie vernacolari)
                  Uh Maronna mia,
                  ma vide tu ogge qua' appuncundrìa!
                  Fòre, acqua e viénto,
                  dìnto, 'na musciarìa.
                  Pure 'o sole pare ca 'o veco 'ianco e smuórto;
                  annascunnúto arèto 'e nuvole,
                  s'è miso pur'isso a quarantena.
                  Si nun fosse pe' l'addore 'e terra 'nfosa
                  e pe' 'sti quatto margarite 'int' 'o ciardino,
                  'stu juórno foss' 'a soccia 'e Sant'Ambruos',
                  quanno hê 'a tene' pe' fforza 'ncuollo 'o mantesino.
                  Ma a mmé che me ne 'mporta?
                  Io me ne stongo a casa,
                  me vaso 'n'ata vota 'e piccerelle,
                  'n'uocchio 'o tengo 'jittato 'ncopp' 'a cafettèra
                  e cu' chill'atu me guardo 'nnammurato 'o core mio.
                  Tanto, ogge o dimàne, 'o ssaccio ca po' tràse 'a primmavera!

                  RESTIAMO A CASA

                  Uh Madonna mia,
                  ma tu guarda oggi che malinconia!
                  Fuori, acqua e vento,
                  in casa, è uno scoramento.
                  Anche il sole mi pare di vederlo pallido e smunto;
                  nascosto fra le nuvole, si è messo anche lui in quarantena.
                  Se non fosse per l'odore della terra bagnata
                  e per queste quattro margherite nel giardino,
                  questo giorno parrebbe quello di Sant'Ambrogio,
                  quando sei costretto ad indossare la mantellina.
                  Ma a me che cosa importa?
                  Io me ne resto a casa,
                  mi bacio un'altra volta le bambine,
                  con un occhio controllo la caffettiera
                  e con quell'altro mi guardo innamorato la mia amata.
                  Tanto, oggi o domani, lo so che poi arriverà la primavera.
                  Vota la poesia: Commenta