Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie vernacolari


Scritta da: Mauro Lo Sole
in Poesie (Poesie vernacolari)

Lo sgommarello

Lo sgommarello
è il ramaiolo er mestolo
de na' vorta
er bicchiere de rame
fissato a un lungo
manico de fero
con cui se prenneva
l'acqua de cottura
dalla pila
pe' sgommarellare
nella padella ‘na
pietanza pe'condilla
pe' sfumalla
o pure avvòrte
usato come na' cucchiarella
pe' fasse giustizia
o pe' versarce er brodo
o la minestra ner piatto
er giorno de'a festa.
Composta giovedì 25 febbraio 2021
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Davide S.
    in Poesie (Poesie vernacolari)
    Uh Maronna mia,
    ma vide tu ogge qua' appuncundrìa!
    Fòre, acqua e viénto,
    dìnto, 'na musciarìa.
    Pure 'o sole pare ca 'o veco 'ianco e smuórto;
    annascunnúto arèto 'e nuvole,
    s'è miso pur'isso a quarantena.
    Si nun fosse pe' l'addore 'e terra 'nfosa
    e pe' 'sti quatto margarite 'int' 'o ciardino,
    'stu juórno foss' 'a soccia 'e Sant'Ambruos',
    quanno hê 'a tene' pe' fforza 'ncuollo 'o mantesino.
    Ma a mmé che me ne 'mporta?
    Io me ne stongo a casa,
    me vaso 'n'ata vota 'e piccerelle,
    'n'uocchio 'o tengo 'jittato 'ncopp' 'a cafettèra
    e cu' chill'atu me guardo 'nnammurato 'o core mio.
    Tanto, ogge o dimàne, 'o ssaccio ca po' tràse 'a primmavera!

    RESTIAMO A CASA

    Uh Madonna mia,
    ma tu guarda oggi che malinconia!
    Fuori, acqua e vento,
    in casa, è uno scoramento.
    Anche il sole mi pare di vederlo pallido e smunto;
    nascosto fra le nuvole, si è messo anche lui in quarantena.
    Se non fosse per l'odore della terra bagnata
    e per queste quattro margherite nel giardino,
    questo giorno parrebbe quello di Sant'Ambrogio,
    quando sei costretto ad indossare la mantellina.
    Ma a me che cosa importa?
    Io me ne resto a casa,
    mi bacio un'altra volta le bambine,
    con un occhio controllo la caffettiera
    e con quell'altro mi guardo innamorato la mia amata.
    Tanto, oggi o domani, lo so che poi arriverà la primavera.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lella Mingardi
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Un amore incosciente

      Vabbè nun sarai bello
      sei pure strafottente,
      ce ne so cento mejo,
      ma nun m'importa niente.
      Te spaccherei la faccia,
      ma n'amore incosciente
      der resto se ne frega
      e je basta un istante,
      un respiro sur collo,
      una frase un po' dorce
      per sognà come sempre
      e ricascacce ancora.
      So pochi l'attimi d'incanto
      e più de tutto tu me dai tormento,
      ma è inutile parlanne nun me pento,
      te vojo sempre bene, ogni momento.
      Se io so pazza nun è corpa mia
      se l'unica che more è la speranza
      che voi che io la mia la butto via?
      Se poi deve finì... finisce e così sia!
      Ma n'amore incoscente
      te sa dà tutto
      senza chiede gnente.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Raffaele Pisani
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Primma matina, napule!

        Primma matina
        ===============

        ancora tutto dorme.
        Ancora tutto è pace.
        Primma matina. Napule.
        St'ora quanto me piace.

        St'ora addò tutto cose
        se vestè e nu culore
        ch'è antico e nuovo nzieme,
        ca mette dint "o core

        cchiù geniò e vita, e tutto
        piglia cchiù spazio, tene
        spaziò o penzierò e ll'ommo,
        spazio na rosa." E ppene

        so "cchiù liggere. Napule
        schiava nun è d" o mmale
        cà a dint'a ll'uocchiè a scippa
        'e suonne suoje carnale,

        e schiava nun è ancora
        d"o regnò e ll'anarchia,
        ancora, pè nu poco,
        è tutta n'armunia

        mo ch'ogni cosa dorme,
        mo ch'ogni posto è pace.
        Primma matina. Napule.
        St'ora quanto me piace.

        Raffaele pisani.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cetty Cannatella
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          U ciavuru ru mari (il profumo del mare)

          Mi manca u ciavuru ru mari... u sò scrusciu
          U ventu cà mpirughia i me capiddi e mi accarizza senza chiediri pirmissu.
          Picchi u ventu ru mari è comu un picciriddu ca ti tira la vesta pi essiri sintutu.
          U me mari parra cu ventu e grazie a iddu
          u ciavuru ti trasi dintro o nasu e fino all'arma.
          E quannu na lu mari tu ci nasci, ci crisci... u ventu pari t'assicuta puru all'autru munnu, avvoti pari ca mi tira a viesta e mi rici: Mi rissi u Mari, torna!
          Io mi fazzu ancora mpirughiari i capiddi, circannu u ciavuru ru mari...
          Iddù mpittutu nun mi parra chiù, comu a diri; io sugnu ventu, no ciavuru ri mari...
          Ma u mari...
          Lu tò mari... è comu u ventri ri na matri, pi sintillu ci ha trasiri rintra i cainni...
          Pi sentiri u sò ciavuru, ha tuccari e basari la to terra.

          Traduzione
          Mi manca il profumo del mare... il suo rumore
          Il vento che ingarbuglia i miei capelli e mi accarezza senza chiedere permesso.
          Perché il vento del mare è comu un bambino che strattona la veste per essere ascoltato.
          Il mio mare parla con il vento
          E l'odore del mare grazie ad esso ti entra nelle narici fino a toccarti l'anima.
          E quando nel mare tu ci nasci, ci cresci... il suo vento sembra ti insegua pure in capo al mondo, spesso ho come l'impressione che il vento strattoni ancora il mio vestitoe mi dica: Mi ha detto il mare torna!
          Io lascio che mi scompigli ancora i capelli, cercando nell'aria il profumo del mare...
          Allora il vento offeso non mi parla più, come se il suo silenzio volesse dirmi: io sono vento non profumo di mare!
          Il mare...
          Il tuo mare... è come il ventre di una madre, per sentirlo devi penetrare la sua carne.
          Per sentire l'odore del tuo mare, devi toccare e baciare la tua terra.
          Composta domenica 17 novembre 2019
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Cetty Cannatella
            in Poesie (Poesie vernacolari)

            Quattru paroli attaccati 'ncruci

            Musica, scrusciu, abbaniati genti...
            Mercati di parole, sentimenti venduti, calpestati dal passeggio momentaneo del pseudo compratore d'amore.
            Cicatrici tatuate
            Fiori sbocciati da dolori acerbi, poi maturi e prepotenti
            Giro, giro tondo... ginocchia bucciate, anime tramortite, livide di dolore.
            Preludio di nuova luce, quando il dolore diventa forza.
            Quattru paroli attaccati ncruci...
            E come alla fine del gong sul ring, faccia livida e sanguinante
            Gente che esulta al massacro e vince il più forte...
            Il più forte non è chi ha usato violenza, né chi ha attaccato...
            Ma è chi con coraggio si è difeso, battuto, non è caduto o con forza si è rialzato.
            Le parole in croce con chiodi piantati sono rimaste lì... sterili, velenose e come kamikaze esplosi sui corpi di chi ha usato i colpi.
            Il Cristo è sceso, risorto... e sul ring rimane vittorioso e tramortito, ignorato.
            L'attentatore prima inneggiato... ora
            vittima di se stesso e del malcreato.
            Composta sabato 5 ottobre 2019
            Vota la poesia: Commenta