Poesie vernacolari


Scritta da: Ada Roggio
in Poesie (Poesie vernacolari)

Mo, tutt' è f'rnout.

Tengh i capidd' biench,
a salout, acchian acchian m' ste a fè nu salout A forz ind'è vrezz è frnout,
a giuvnezz è durat nu starnout.
Accom s' chembie,
accom s' stench u fisch,
preim spavald, affruntav tutt i situazioun.
Parav che n'scion m'avava affunnè.
Iosc sa ie che, acchian acchian,
m' ieghie alluntanat
da stu palcoscenicth che avav addvntat u chiù bell r'trett,
iei,  parrucchir da na veit,
è tnout na grenda passion
m' iann sempr piaciout i princp, le princpess,
i dam, i cavallir,
pighiav i libr da storie ch vedè i figour,
e sugnav a iocchie apert.
Pò m' ieghiè appassiunat  a v'dè a Disfeid,
me meis a studiè e, studie iosc, e studie duman'
a storie du  cinchcint e ched da  Disfeid m' ieghje ambarat !
Iei, cà vdav mammè sempr a fè v'steit ch' l'agh in man,
m' mttibb allor a mbarè l'ert d' cusì acchian acchian.
Ieghie accumnzat a cusì  i preim v'steit, chi cuvert vecchie,
e chi cuvert che accattav e polecch o m'rcat,
Ieghie accumnzat a criè i preim gioiell,
ch i collan ca tnav,
ier g'los assè, d' i cos' ca faciav e, c' qualche ioun mi tuccav,a fest i faciav !
È  cous nu vsteit iosc, è cous nu vsteit duman,
ieghie chesout na valengh d' vsteit ch' sti man.
I vsteit, sa ugual e quedr dpint e pittour chiù rinomat
accom a Raffaello, Pinturichio, Piero della Francesca, Botticelli, Bronzino, Domenichino.
Accuminzibb a partecpè a Disfeid, i dam indussevn i gioiell, i coprcap,quache vsteit.
Facibb i capidd chi copr cap a l'attreic',e pour e personegg du spettcul.
C' casein ca iern i preparateiv, c' fusciav a destr fusciav a s'nistr.
Chi dam s faciav na grenda fateich a ferl ugual,ch i figurent ca tnevn u ruul da protagonist avevan iess ugual accom dciav a storie.
Oh cinchcint ier d' r'gor e dam a purtè i capidd ca reigh o centr,i recchie accumghieth de capidd,sop a cap  mttevn  i retcell, gioiell ca cap,
coprcap tutt ingioiellat, feil d' perl tra i capidd,
o cudd i feil d' perl, a pell tutt incpranat, chidd cà tnevn a pell abbronzath avevan fè i popolan,
chidd cà tnevn i capidd lungh sciolt' e a vest raffnat' iern i mnenn da mareit'  chi capidd s  facevn i trecc e  mttevn  i fiour e nestr,
chidd cà tnevn i capidd lungh sciolt e purtevn na vest da quett e na leir iern i cortgian.
Prisntibb ind a gallerei du teatr Curc' "i quedr vivent" iern bell assè,
tutt sti mnenn ugual e quedr,
na fadd d' cristian accurrav a vdè
parav a vdè na procession tutt sti cristian amend da cultour.
Avibb dall'assessor a cultour" l'elogio a cultuour"
Assè manfstazion  ieghie partecpat,mò nun già fezz chiù.
Mo, tutt' è f'rnout.
D' m'stir fezz ancor a parrucchir,
tutt sti vsteit,sti gioiell, sti coprcap stann abbandunat, i voln si... ma regalat.
Nan cont quenta timp e' pers, quanta nott a cusì e a r'camè  e a n'flè curell'
e perl,e cusì a passamanarei, e poi, d' tutt i sold strutt, na n' parlam.
C' d'ceit, chiss ch vou sa  fissarei ?
Tutt cuss è nat accom a nu sciuch,
to  ca stè a legg, t'stiv a fumè na sigareth, o t' sciv a fè na pizz,
iei invec cudd timp lè strutt a fè veiv principess e dame cà preim stavn sol sop e d'pint.
A ta ianna rumanì i fotografeie e u prisc cà l'ha meis.
Ch mà ianna rumanì ch' sempr stupat.
Acchssì mor' cuntent a parucchir sognatreic' ca è dat u prisc' a stu paieis!
Composta lunedì 10 settembre 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gerardo Migliaccio
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Pullcenell (Pulcinella)

    A' maschera mia,  è quella che non fa male a nisciun, e ....
    e dice sempre a verità!
    Dice o buon e o malamente,
    ma soprattutto, dice e cos over!
    e già ...  ma si dic na cose over
    o dice pazziann!
    Eh si ...
    O dice pazzianne e rirenne ...

    Ma ... attenzione eh , attenzione!
    si dice na cosa favez!
    Chiagne,  chiagne ... chiagne ...
    Ma a maschera nun o'fa vedè,
    {Pausa)
    Pullecenell  chiagne dint a l'anima soia ...

    Eh ehh ! ...
    ma tu...  
    ( rivolgendo lo sguardo al poster del politico di turno, stampato sul dispenser)

    omm e sul chiacchiere!
    Canarino abbellito da piume favez!
    Oratore  o cantatore da gaiola ...
    si a' gaiola!

    Gabbia di un pappavall ventriloco che ripeto di pari  pari , tutto quello c di
    e parla parla!
    Tu ... che me dice?
    Che me raccunte,
    che ci vien a dicere ...
    parl, parl  ...
    Eh  ...
    Ehh  ... (pausa )

    senza accucchiá mai nient!
    Chest sai fa,
    parl parla e naccucchi mai nient,
    (Rivolgersi al politico)
    eh ...
    cosa?
    Che stai dicendo?
    Ah ..
    E Niente !
    Cosa potevi rispondere?
    NIENT,
    Chest'è a vita toia!
    ... è na vit e nient!

    E'vere'è!
    To dich'io,
    to dice pullecenell ...
    Pechè devi sapere che,
    ca niente, è tropp poco!
    Cè sta sempe coccose a dicere,
    So cose di Palazzo, so cose da salotto,
    So cose e sotto o mazz!
    ( fare la mimica del lato B )
    A poltrona  !

    Viceversa ...chi nu parl ...  
    sap, fa sul o fess,
    O fess pe nu ghi a guerr!

    Ma ce sta pur chill ca parl parl parl...
    O' o dice  e s' arraggia ... parl  a ragion di causa ... sempre!
    Giusto per dare credibilità di intento!
    ma po!
    Ma po,  nunn'accucchie mai nient ...
    so sule
    Chiacchera da e'pappon
    Dicimm chiacchiere
    Polichese .. chiacchiere sempe appese
    ( fare il gesto delle palle appese)
    So chiacchiere sul per essere gentile!

    Ma io dic ... nunnossaie e cose!
    E allor statte zitt,  ca forse è meglio,
    tu cu sta maschera ..
    nu ce sai fa,
    Te so legge nfaccia,
    ca si nomme e nIent,
    politico politichese ...
    Tutte e pall e tenn appese
    ( mimica idem)

    Sa, ca te dico?
    tien a faccia favaz,  da mille lire,
    E ne capit ancora,
    ca si passat e mod,
    Nu te riend cont
    E che e perz o scuorn ,
    Anzi ...
    si addivintat pur vigliacco!
    To fai mettere inde ... ( mimica del gesto )

    A gent , o popol finalmente l'ha capito,
    Va mandato a casa a tutte quant,
    Siete solo Merceneri di parole ...
    Puttanieri di bandiera,
    ( mimica,  alzare la tunica dal lato B )
    E mo ... basta!
    Basta e fernut a zizzenell,
    ( fare segni al seno)

    Vi siete venduto tutto!
    comme fann e tossici dipendenti ..
    Trocat , siet trocate

    Facitele n' atte e pentimento ...
    Acciriteve   pe mane e e n'omme surrogato, o na femmen maschilizzata
    Ca so credono pur loro  ... ca a maschera comma a mia,  nun serv chiu, ...
    ( levarsi la maschera di Pulcinella e dire) Gesu mio piensace tu!
    (Aspettare il giudizio di Gesù)
    A gia, hai ragion Gesù mio...

    Pentitev, pentitrvi ...

    fin quando siete ancora in tempo,
    Vi siete venduto perfino e figli vuost ,
    Il loro futuro, ait acciss e mamme voste , sule pe na mangiate e maccarune,
    E mo ... .Basta, basta !
    ( rimettersi la maschera di Pulcinella)

    mo servene gent oneste
    Gente giovane, pulite e ca ..
    ..  soprattutto ... ten e pall
    ( fare il gesto delle palle e chuedere scusa )
    Scusa eh Gesù!

    sap buon cos'è, e cosa significa la parola dignità!
    Onestà, trasparenza, partecipazione
    Composta martedì 1 maggio 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di