Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie vernacolari migliori


Scritta da: Lucia Galasso
in Poesie (Poesie vernacolari)

Che me manca!

I' tengo 'e llire, nun me manca niente,
me pozzo accattà chello ca me piace:
na statua d'oro, nu vapore argiento...
palazze, ville... case in quantità.
- Chi è cchiù felice 'e te?! - mme dice 'a ggente.
- Si ricco, si guaglione... che te manca? -
E chest' è overo, nun me manca niente.
Sulo na cosa mme vurria accattà...

Nu core... tutto core 'e tennerezza
ca me vulesse na muntagna 'e bbene...
ca me sbattesse 'mmano p' 'a priezza,
cuntento pe mme dà 'a felicità.

Dipende a me; nun voglio aspettà ancora.
Tuzzuliaje a porta 'e na figliola:
- Che t'aggia dà pe m'accattà stu core?
Qualunque prezzo, dì, che t'aggia dà? -

Me rispunnette cu bella maniera:
- 'O core nun se venne... se riala...
crediteme, ca io ve sò sincera...
cu 'e llire 'o core nun se pò accattà!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marilù Rossi
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Si fosse n'auciello

    Si fosse n'auciello, ogne matìna
    vurria cantà 'ncoppa 'a fenesta toja:
    " Bongiorno, ammore mio, bongiorno, ammore! "
    E po' vurria zumpà 'ncoppa 'e capille
    e chianu chiano, comme a na carezza,
    cu stu beccuccio accussì piccerillo,
    mme te mangiasse 'e vase a pezzechillo...
    si fosse nu canario o nu cardillo.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marilù Rossi
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      'A vita

      'A vita è bella, sì, è stato un dono,
      un dono che ti ha fatto la natura.
      Ma quanno po' sta vita è 'na sciagura,
      vuie mm' 'o chiammate dono chisto ccà ?

      E nun parlo pè me ca, stuorto o muorto,
      riesco a mm'abbuscà 'na mille lire.
      Tengo 'a salute e, non faccio per dire,
      songo uno 'e chille ca se fire 'e fà.

      Ma quante n'aggio visto 'e disgraziate :
      cecate, ciunche, scieme, sordomute.
      Gente ca nun ha visto e maie avuto
      'nu poco 'e bbene 'a chesta umanità.

      Guerre, miseria, famma, malatie,
      crestiane addeventate pelle e ossa,
      e tanta gioventù c' 'o culo 'a fossa.
      Chisto nun è 'nu dono, è 'nfamità..
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marilù Rossi
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        A livella

        Ogn'anno, il due novembre, c'é l'usanza
        per i defunti andare al Cimitero.
        Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
        ognuno adda tené chistu penziero.

        Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
        di questa triste e mesta ricorrenza,
        anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
        il loculo marmoreo 'e zì Vicenza.

        St'anno m'é capitato 'navventura...
        dopo di aver compiuto il triste omaggio.
        Madonna! Si ce penzo, e che paura!,
        ma po' facette un'anema e curaggio.

        'O fatto è chisto, statemi a sentire:
        s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
        io, tomo tomo, stavo per uscire
        buttando un occhio a qualche sepoltura.

        "Qui dorme in pace il nobile marchese
        signore di Rovigo e di Belluno
        ardimentoso eroe di mille imprese
        morto l'11 maggio del'31"

        'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
        ... sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
        tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
        cannele, cannelotte e sei lumine.

        Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
        nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
        abbandunata, senza manco un fiore;
        pè segno, sulamente 'na crucella.

        E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
        "Esposito Gennaro - netturbino":
        guardannola, che ppena me faceva
        stu muorto senza manco nu lumino!

        Questa è la vita! 'Ncapo a me penzavo...
        chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
        Stu povero maronna s'aspettava
        ca pur all'atu munno era pezzente?

        Mentre fantasticavo stu penziero,
        s'era ggià fatta quase mezanotte,
        e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
        muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

        Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
        Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
        Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
        Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

        Ate che fantasia; era 'o Marchese:
        c'ò tubbo, 'a caramella e c'ò pastrano;
        chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
        tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

        E chillo certamente è don Gennaro...
        'omuorto puveriello... 'o scupatore.
        'Int 'a stu fatto ì nun ce veco chiaro:
        sò muorte e se ritirano a chest'ora?

        Putevano stà 'a me quase 'nu palmo,
        quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
        s'avota e tomo tomo... calmo calmo,
        dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

        Da Voi vorrei saper, vile carogna,
        con quale ardire e come avete osato
        di farvi seppellir, per mia vergogna,
        accanto a me che sono blasonato!

        La casta è casta e va, si, rispettata,
        ma Voi perdeste il senso e la misura;
        la Vostra salma andava, si, inumata;
        ma seppellita nella spazzatura!

        Ancora oltre sopportar non posso
        la Vostra vicinanza puzzolente,
        fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
        tra i vostri pari, tra la vostra gente"

        "Signor Marchese, nun è colpa mia,
        i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
        mia moglie è stata a ffà sta fesseria,
        ì che putevo fà si ero muorto?

        Si fosse vivo ve farrei cuntento,
        pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
        e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
        mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

        "E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
        che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
        Se io non fossi stato un titolato
        avrei già dato piglio alla violenza! "

        "Famme vedé... -piglia sta violenza...
        'A verità, Marché, mme sò scucciato
        'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
        mme scordo ca sò muorto e so mazzate!...

        Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
        Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
        ... Muorto si'tu e muorto sò pur'io;
        ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

        "Lurido porco!... Come ti permetti
        paragonarti a me ch'ebbi natali
        illustri, nobilissimi e perfetti,
        da fare invidia a Principi Reali? ".

        'Tu quà Natale... Pasca e Ppifania!!!
        T'o vvuò mettere 'ncapo... 'int'a cervella
        che staje malato ancora è fantasia?...
        'A morte 'o ssaje ched'e?... è una livella.

        'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
        trasenno stu canciello ha fatt'o punto
        c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
        tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

        Perciò, stamme a ssenti... nun fa'o restivo,
        suppuorteme vicino-che te 'mporta?
        Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
        nuje simmo serie... appartenimmo à morte!
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Enzo Cangiano
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          Si t''o sapesse dicere

          Ah... si putesse dicere
          chello c' 'o core dice;
          quanto sarria felice
          si t' 'o sapesse dì!

          E si putisse sèntere
          chello c' 'o core sente,
          dicisse: "Eternamente
          voglio restà cu te!"

          Ma 'o core sape scrivere?
          'O core è analfabeta,
          è comm'a nu pùeta
          ca nun sape cantà.

          Se mbroglia... sposta 'e vvirgule...
          nu punto ammirativo...
          mette nu congiuntivo
          addò nun nce 'adda stà...

          E tu c' 'o staje a ssèntere
          te mbruoglie appriess' a isso,
          comme succede spisso...
          E addio Felicità!
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Lucia Galasso
            in Poesie (Poesie vernacolari)

            Il fine dicitore

            "Ninì Santoro, il fine dicitore,
            maestro di eleganza e di maniere,
            il re del music-hall, il gran signore,
            debutta questa sera al Trianon".
            Guardanno 'o manifesto, chi liggeva
            penzava: certo chisto è n'artistone.
            Tenevemo st'attore? E chi 'o ssapeva!
            Stasera stessa mm' 'o vaco a ssentì.

            C' 'o tubbo, 'a caramella e nu bucchino
            d'avorio giallo, luongo miezo metro;
            un fazzoletto bianco nel taschino,
            ncuollo nu frack 'e seta blummarè

            Tutt' 'o teatro illuminato a giorno,
            na marcia trionfale comm' "Aida",
            Santoro ascette e cu na faccia 'e corne
            pareva ca diceva: "Eccomi qua!

            Mo v'aggia fa vedè chi è Santoro,
            il fine dicitore, il fantasista
            ca quanno arape 'a vocca caccia ll'oro,
            oro colato 'e primma qualità".

            'O pubblico ansioso s'aspettava:
            chi sa mo ch'esce 'a vocca a stu Santoro.
            Ma ch'era ascì... Santoro 'ncacagliava,
            faceva smorfie, zumpe e niente cchiù.

            Nun fernette nemmeno 'o riturnello
            d' 'o primmo raccuntino d'avventure,
            quann'uno arreto a me: "Santò, si bello!"
            ('Ndranghete!) E allazza nu pernacchio 'e nuvità.

            Fuie cumm'a nu signale 'e na battaglia,
            mancava poco e nce scappava 'o muorto:
            'e sische mme parevano mitraglia.
            Santoro nun putette continuà.

            "Ll'artista" se facette 'a mappatella:
            'o frack, 'o tubbo, 'o fazzuletto bianco,
            s'annascunnette pure 'a caramella.
            Dicette: "Aggio sbagliato,.. Ch'aggia fà?".

            Trent'anne so passate 'a chella sera
            che il fine dicitore fantasista
            pe fforza avette chiudere 'a carriera
            a beneficio dell'umanità.

            Aiere steva scritto into 'o giurnale che:
            "dopo varii e lunghi appostamenti
            è stato assicurato un criminale
            alla Giustizia delle Autorità".

            E chi era, neh, stu disgraziato?
            Santoro... il dicitore fantasista,
            ca, pe magnà, al furto s'era dato
            o pover'ommo pe putè campà.

            Io penso che fu l'epoca sbagliata;
            trent'anne fa tutto era n'ata cosa.
            Oggi che il nostro gusto s'è cambiato
            Santoro fosse na celebrità.
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Lucia Galasso
              in Poesie (Poesie vernacolari)

              Sarchiapone e Ludovico

              Teneva diciott'anne Sarchiapone,
              era stato cavallo ammartenato,
              ma... ogne bella scarpa nu scarpone
              addeventa c' 'o tiempo e cu ll'età.
              Giuvinotto pareva n'inglesino,
              uno 'e chilli cavalle arritrattate
              ca portano a cavallo p' 'o ciardino
              na signorina della nobiltà.

              Pronto p'asc'i sbatteva 'e ccianfe 'nterra,
              frieva, asceva 'o fummo 'a dint' 'o naso,
              faville 'a sotto 'e piere, 'o ffuoco! 'A guerra!
              S'arrevutava tutt' 'a Sanità.

              Ma... ogni bella scarpa nu scarpone
              c' 'o tiempo addeventammo tutte quante;
              venette pure 'o turno 'e Sarchiapone.
              Chesta è la vita! Nun ce sta che ffà.

              Trista vicchiaja. Che brutto destino!
              Tutt' 'a jurnata sotto a na carretta
              a carrià lignammo, prete, vino.
              "Cammina, Sarchiapò! Cammina, aah!".

              'O carrettiere, 'nfamo e disgraziato,
              cu 'a peroccola 'nmano, e 'a part' 'o gruosso,
              cu tutt' 'e fforze 'e ddà sotto 'o custato
              'nfaccia 'a sagliuta p' 'o fà cammenà.

              A stalla ll'aspettava Ludovico,
              nu ciucciariello viecchio comm' a isso:
              pe Sarchiapone chisto era n'amico,
              cumpagne sotto 'a stessa 'nfamità.

              Vicino tutt' 'e ddute: ciuccio e cavallo
              se facevano 'o lagno d' 'a jurnata.
              Diceva 'o ciuccio: "I' nce aggio fatto 'o callo,
              mio caro Sarchiapone. Che bbuò fà?

              lo te capisco, tu te si abbeluto.
              Sò tutte na maniata 'e carrettiere,
              e, specialmente, 'o nuosto,è 'o cchiù cornuto
              ca maie nce puteva capità.

              Sienteme bbuono e vide che te dico:
              la bestia umana è un animale ingrato.
              Mm' he a credere... parola 'e Ludovico,
              ca mm' è venuto 'o schifo d' 'o ccampà.

              Nuie simmo meglio 'e lloro, t' 'o ddico io:
              tenimmo core 'mpietto e sentimento.
              Chello ca fanno lloro? Ah, no, pe ddio!
              Nisciuno 'e nuie s' 'o ssonna maie d' 'o ffà.

              E quanta vote 'e dicere aggio 'ntiso:
              "'A tale ha parturito int' 'a nuttata
              na criatura viva e po' ll'ha accisa.
              Chesto na mamma ciuccia nun 'o ffà!".

              "Tu che mme dice Ludovico bello?!
              Overo 'o munno è accussi malamente?".
              "E che nne vuo sapè, caro fratello,
              nun t'aggio ditto tutta 'a verità.

              Tu si cavallo, nobile animale,
              e cierti ccose nun 'e concepisce.
              I' so plebbeo e saccio tutt' 'o mmale
              ca te cumbina chesta umanità".

              A sti parole 'o ricco Sarchiapone
              dicette: "Ludovì, io nun ce credo!
              I' mo nce vò, tenevo nu padrone
              ch'era na dama, n'angelo 'e buntà.

              Mm'accarezzava comm'a nu guaglione,
              mme deva 'a preta 'e zucchero a quadrette;
              spisse se cunzigliava c' 'o garzone
              (s'io stevo poco bbuono) ch' eva fà".

              "Embè! - dicette 'o ciuccio - Mme faie pena.
              Ma comme, tu nun l'he capito ancora?
              Si, ll'ommo fa vedè ca te vò bbene
              è pe nu scopo... na fatalità.

              Chi pe na mano, chi pe n'ata mano,
              ognuno tira ll'acqua al suo mulino.
              So chiste tutte 'e sentimente umane:
              'a mmiria, ll'egoismo, 'a falsità.

              'A prova è chesta, caro Sarchiapone:
              appena si trasuto int' 'a vicchiaia,
              pe poche sorde, comme a nu scarpone,
              t'hanno vennuto e si caduto ccà.

              Pe sotto a chillu stesso carruzzino
              'o patruncino tuio n'atu cavallo
              se ll' è accattato proprio stammatina
              pe ghi currenno 'e pprete d' 'a città".

              'O nobbile animale nun durmette
              tutt' 'a nuttata, triste e ll'uocchie 'nfuse,
              e quanno avette ascì sott' 'a carretta
              lle mancavano 'e fforze pe tirà.

              "Gesù, che delusione ch'aggio avuto!"-
              penzava Sarchiapone cu amarezza.
              "Sai che ti dico? Ll'aggia fa fernuta,
              mmiezo a sta gente che nce campo a ffà?"

              E camminanno a ttaglio e nu burrone,
              nchiurette ll'uocchie e se menaie abbascio.
              Vulette 'nzerrà 'o libbro Sarchiapone,
              e se ne jette a 'o munno 'a verità.
              Vota la poesia: Commenta