Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie vernacolari migliori


in Poesie (Poesie vernacolari)

I Bu (I Buoi)

Andé a di acsè mi bu ch'i vaga véa,
che quèl chi à fat i à fatt,
che adèss u s'èra préima se tratour.
E' pianz e' còr ma tòtt, ènca mu mè,
avdai ch'i à lavurè dal mièri d'ann
e adèss i à d'andè véa a tèsta basa
dri ma la còrda lònga de' mazèll.



Ditelo ai miei buoi che l'è finita che il loro lavoronon ci serve più che oggi si fa prima col trattore. E poi commoviamoci pure a pensare alla fatica che hanno fatto per mille anni mentre eccoli lì che se ne vanno a testa bassa dietro la corda lunga del macello.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marilù Rossi
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Ricunuscenza

    Stanotte 'a dint' 'o lietto cu 'nu strillo
    aggio miso arrevuoto tutt' 'a casa,
    mme sò mmiso a zumpà comme a n'arillo...
    E nun mme faccio ancora persuaso.

    Ma comme, dico io po', cù tanta suonne
    ì mme sò ghiuto a ffa, 'o cchiù malamente;
    sti suonne songo suonne ca te pònno
    fà rummanè stecchito comme a niente.

    Ì steve allerta 'ncoppa a 'na muntagna
    Tutt'a 'nu tratto sento 'nu lamiento,
    'O pizzo addò stev'ì era sulagno...
    Dicette ncapo a me: E chisto è 'o viento!

    Piglio e mme mengo pè 'nu canalone
    e veco sott'a n'albero piangente
    'nu fuosso chino 'e prete a cuppulone...
    e sotto a tutto steva 'nu serpente.

    "Aiuto! Aiuto!" 'O povero anìmale
    se mettette alluccà cu tutt' 'o sciato!
    Appena mme vedette: "Menu male!...
    Salvatemi! Ì mo moro asfessiato!"

    "E chi t'ha cumbinato 'e sta manera?"
    ll'addimannaje mentr' 'o libberavo.
    "E stato 'nu signore aieressera"
    mme rispunnette, e ggià se repigliava.

    "Si nun era pè vvuje ì ccà murevo.
    Faciteve abbraccià, mio salvatore!"
    Mme s'arravoglia attuorno e s'astrigneva
    ca n'atu ppoco mme schiattava 'o core.

    "Lassame!" lle dicette " 'O vvì ca ì moro? "
    E chianu chiano mme mancava 'a forza,
    'o core mme sbatteva... ll'uocchie 'a fore,
    mentre 'o serpente cchìù strigneva 'a morza!

    "Chisto è 'o ringraziamento ca mme faje?
    Chesta è 'a ricunuscenza ca tu puorte?
    A chi t'ha fatto bbene chesto faje?
    Ca sì cuntento quanno 'o vide muorto!"

    "Amico mio, serpente ì songo nato!...
    ... Chi nasce serpe è 'nfamo e senza core!...
    ... Perciò t'aqgia mangià! Ma t'hê scurdato
    ... ca Il'ommo, spisso, fa cchiù peggio ancora?!".
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lucia Galasso
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Calannario

      Mo accumencia l'anno nuovo,
      è Jennaro, ch'alleria!
      Cu 'a speranza e 'a fantasia,
      tu te pienze ca chist'anno
      forse è cchiù meglio 'e chill'ato...
      quanno è a fine t'he sbagliato.
      A Febbraio nce sta 'o viglione:
      chi se veste d'arlecchino,
      pulcinella o colombina...
      e me fanno tanta pena
      chesti ggente cu sti facce:
      ma songh'uommene o pagliacce?!

      Quanno vene 'o mese 'e Marzo
      pure 'e ggatte fanno ammore,
      ch'aggia fa? Me guardo a lloro?
      'Mmiezo 'e grade cu 'a vicina,
      faccio un anema e curaggio
      e m'acchiappo nu passaggio.

      Comme è ddoce 'o mese Abbrile,
      tutta ll'aria è profumata!
      P' 'e ciardine quanno è 'a sera
      cu na femmena abbracciata,
      musso e musso, core e core...
      tutta smania e tutto ammore.

      Quant'è bello 'o mese 'e Maggio
      quanno schioppano sti rrose!
      Che prufumo int'a stu mese
      pe Pusiileco addiruso!
      Stongo 'nterra o 'mparaviso
      quanno tu staje 'mbraccio a mme?

      Quanno è Giugno la stagione
      vene e trase chianu chiano:
      s'ammatura pure 'o ggrano,
      s'ammatura tutte cose...
      Pure 'a femmena scuntrosa
      tu t' 'a cuoglie cu nu vaso.

      Quanno è Luglio 'mmiezo 'o mare,
      'ncopp' 'a spiaggia, 'nterra 'a rena
      mamma mia, quanta sirene!
      Io cu ll'uocchie m' 'e magnasse;
      guardo a chesta, guardo a chella,
      ma pe mme tu si 'a cchiù bella!

      Quanno è Austo che calore!
      lo nun saccio che me piglia...
      Chistu sole me scumpiglia!
      E te guardo cu passione:
      volle 'o sango dint' 'e vvene
      e nisciuno me trattene.

      È chest'aria settembrina
      ca te mette dint' 'e vvene
      tanta smania 'e vulè bbene!
      Nu suspiro, ciente vase
      mille cose e 'o desiderio
      ca st' ammore fosse serio.

      Vene Uttombre, int' 'a stu mese
      ll'aria è fresca p' 'a campagna.
      Chisto è tiempo d' 'a vennegna,
      si t'astrigne a na cumpagna
      zittu zittu dint' 'a vigna,
      nun se lagna e lass'a fà.

      Chiove, nebbia, scura notte.
      Stu Nuvembre porta 'mpietto
      nu ricordo fatto a llutto:
      nu canisto 'e crisanteme...
      chistu sciore, che tristezza,
      mette 'ncore n'amarezza!

      A Natale, 'o zampugnaro,
      'e biancale, 'e spare, 'e bbotte,
      'o presebbio a piede 'o lietto.
      Quann' è 'mpunto mezanotte
      cu mugliereta tu miette
      'o Bambino dint' 'a grotta...
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lucia Galasso
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        La società

        "Signò m'aita scusà... i' songo 'e fore;
        'o saccio, nun capisco...sò cafone;
        però vurria sapè ched'è sta confusione?
        Sti strille, chesta gente...e chillu carruzzone.
        E chilli tre guagliuni
        miezo a lli guardie cu e fucile armate
        ca 'e porteno 'ncatena ammanettate.

        Chi songo? Tre assassini?
        Tre briganti 'e via Nova?
        Tre carnette 'e malaspina?
        Chi songo... e ch'anno fatto?".

        "Niente di tutto questo, amico caro,
        sono tre ladri, come vedi è chiaro.
        Li portano in prigione ammanettati,
        perché la Società li ha giudicati".

        "S'avettano arrubbà nu miliardo,
        che ssaccio... un patrimonio ... ".
        "Un miliardo? No, non dir sciocchezze!
        Rubaron, sì, ma delle frivolezza:
        mi pare, da una sporta, qualche mela.
        Il gioco non valeva la candela".

        "Signó m'aita scusà... i' songo 'e fora;
        lo saccio, nun capisco... sò cafone;
        e quanto l'hanno date?
        e quanto hanna scuntà?".

        "Un anno e quattro mesi, se non sbaglio.
        Infatti la facenda passò al vaglio
        d'un giudice severo e molto irato,
        perché quel furto lo trovò aggravato".

        " 'A faccia d' 'o saciccio!
        E chesto è tutto?
        Signò pe' quacche mela...
        ma ch'erano presutte?"

        "Io penso che prosciutti o non prosciutti
        la legge è legge ed è ugual per tutti.
        La Società esige la condanna,
        per chi la buona fede altrui inganna".

        "Ah sì! chesto è overo,
        è santa verità;
        la legge è legge e s'adda rispettà.
        Signò, ma spisso 'o cane mozzeca 'o stracciato.

        E quacche vota 'a legge putesse fà 'a cecata!
        E mo m'aita scusà... i' songo e fora
        e nun saccio parlà, ve l'aggio ditto già;
        ma c 'o permesso vuoste, vurria sapè chi site".

        "Ancora tu non m'hai riconosciuto?
        Ma allora tu sei un socio sprovveduto".

        "Signò, mo nun capisco...
        che vò significà?
        Sò addeventato socio?
        'E quale società?"

        "La Società Umana... quella nostra.
        Tutti apparteniamo a questa giostra.
        È Società simbolica,
        libera e democratica».

        "Ah no! Mi dispiace signor mio!
        Chello ca i' penzo 'e vuie,
        o sape sulo Ddio!
        Umano avite ditto?

        Allora nuie mannammo,
        senza penzà, 'ngalera
        a chi se more e famma?
        Chesta è na fetenzia... nun è democrazia!

        Spiegateme na cosa:
        Chi ha fatto chesti leggi scustumate,
        ca pe chi tene famma
        a pena s'è aggravata?".

        "Noi della Società demmo il mandato
        col nostro voto a qualche deputato".

        "Ma allora 'a colpa è 'a nosta?
        Nuie aimma jì, 'ngalera!
        Tenimmo 'a faccia tosta
        e la coscienza nera.

        'A famma 'o ssaje ched'è?
        'Na brutta malattia:
        da 'o fuoco a nu governo, te cagna 'a geografia,
        pò scancellà na storia, distrugge 'a munarchia.

        Pò capità 'e vedè 'ncopp' 'a na barricata,
        chill'ommo a panza chiena
        ca primma ha condannato,
        cu na scuppetta 'mmano ca spara scuppettate!".
        Vota la poesia: Commenta