Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie vernacolari migliori


Scritta da: Lucia Galasso
in Poesie (Poesie vernacolari)

Bianchina

Io stongo 'e casa a 'o vico Paraviso
tengo tre stanze all'urdemo piano,
int' 'a stagione, maneche e 'ncammisa,
mmocca nu miezo sigaro tuscano,
mme metto for' 'a loggia a respirà.
Aiere ssera, quase a vintun'ora,
mentre facevo 'a solita fumata,
quanno mme sento areto nu rummore:
nu fuja-fuja... na specie 'e secutata...
Mm'avoto 'e scatto e faccio: "Chi va là?".

Appizzo ll'uocchio e veco 'a dint' 'o scuro
Bianchina, ferma 'nnanze a nu pertuso
'e chesta posta! Proprio sott' 'o muro.
Ma dato ch'era oscuro... era confuso,
non si vedeva la profondità.

St'appustamento ca faceva 'a gatta,
a ddì la verità, mme 'ncuriosette...
Penzaie:"Ccà nun mme pare buono 'o fatto:
e si Bianchina 'e puzo nce ne mette,
vuol dire qualche cosa nce adda stà".

E, comme infatti, nun m'ero sbagliato:
dentro al pertuso c'era un suricillo
cu ll'uocchie 'a fore... tutto spaventato,
...'o puveriello nun era tranquillo,
pensava: Nun m' 'a pozzo scapputtià.

Tutto a nu tratto 'o sorice parlaie
cu na parlata in italiano puro:
"Bianchina, ma perché con me ce l'hai?
Smettila, via, non farmi più paura!".
Dicette 'a gatta: "I' nun mme movo 'a ccà!".

"Pietà, pietà, pietà! Che cosa ho fatto?".
E s'avutaie 'e botto 'a parte mia:
«Signore, per piacere, dica al suo gatto
che mi lasciasse in pace e così sia!".
"Va bene, va', Bianchì... lascelo stà!".

"Patrò, trasitevenne 'a parte 'e dinto,
che rispunnite a ffà mmiezzo a sti fatte?
Stu suricillo ca fa 'o lindo e pinto,
mme ll'aggia spiccià io ca songo 'a gatta,
si no ccà 'ncoppa che ce stongo a ffà?".

"Va bene, - rispunnette 'mbarazzato -
veditavella vuie sta questione,
però ccà 'ncoppa nun voglio scenate;
e ricordate ca songh'io 'o padrone
e si rispetta l'ospitalità".

"E inutile che staje dint' 'o pertuso,
-'a gatta lle dicette - chesta è 'a fine...
Si cride 'e te scanzà, povero illuso!
He fatto 'o cunto ma senza Bianchina...
Songo decisa e nun mme movo 'a ccà!".

"Pietà di me! Pietà, Bianchina bella!".
Chiagneva e 'mpietto lle tremava 'a voce,
cosa ca te faceva arriccià 'a pella.
Povero suricillo, miso 'ncroce
senza speranza 'e se pute salvà!

"Va buo', pe chesta vota, 'izela 'a mano,
cerca d' 'o fà fui stu suricillo,
chello ca staje facenno nun à umano,
te miette 'ncuollo a chi à cchiù piccerillo...
Embe, che songo chesti nnuvità?".

"'O munno è ghiuto sempe 'e sta manera:
'o pesce gruosso magna 'o piccerillo
(mme rispunnette 'a gatta aiere ssera).
Pur'io aggio perduto nu mucillo
mmocca a nu cane 'e presa; ch'aggia fà?".

"Ma cosa c'entro io con quel cagnaccio!
Anch'io ho una mammina che mi aspetta:
Gesù Bambino, più non ce la faccio!
Nella mia tana vo' tornare in fretta;
se non mi vede mamma mia morrà"»

'O suricillo già vedeva 'a morte
e accumminciaie a chiagnere a dirotto,
'o core lle sbatteva forte forte,
e p' 'a paura se facette sotto.
Mm'avoto e faccio 'a gatta: "Frusta llà!".

'A gatta se facette na resata,
dicette: "E se po' iate int' 'a cucina
e truvate 'o formaggio rusecato,
pecché po' v' 'a pigliate cu Bianchina?
Chisto è 'o duvere mio... chesto aggia fà!".

In fondo in fondo, 'a gatta raggiunava:
si mm' 'a tenevo in casa era p' 'o scopo;
dicimmo 'a verità, chi s' 'a pigliava
si me teneva 'a casa chiena 'e topi?
Chiaie 'e spalle e mme jette a cuccà!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Galasso
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Viola d'ammore

    Pe nun me scurdà 'e te aggio piantato
    dint'a nu vase argiento,na violetta
    cu 'e llacreme 'e chist'uocchie l'aggio arracquata
    e ll'aggio mise nomme:"Oh mia diletta!".
    E songhe addeventato 'o ciardiniere
    'e chesta pianta...simbolo d'ammore
    "Oh dolce violetta del pensiero...
    ...he mise na radice int'a stu core!".
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lucia Galasso
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Ma che dulore!

      State a sentì, ve voglio dì na cosa,
      ma nun m'aita chiammà po' scustumato;
      chello ca v'aggia dì è na quaccosa
      ca i' penso che vvuje ggià nn'ite parlato.
      Sta cusarella è ccosa ca sta a cuore
      a tuttequante nuje napulitane:
      sentennela 'e struppià, ma che dulore,
      p'arraggia 'e vvote me magnasse 'e mmane!

      Ma nun è proprio chisto l'argomento,
      si 'a 'nguaiano o no la povera canzone...
      Sanno parlà sultanto 'e tradimento!
      'A verità, stu fatto m'indispone.

      Na vota se cantava " 'O sole mio ",
      "Pusilleco... Surriento... Marechiaro",
      " 'O Vommero nce stà na tratturia "...
      "A purpe vanno a ppesca cu 'e llampare"...

      Chelli parole 'e sti canzone antiche,
      mettevano int' 'o core n'allerezza;
      chesti pparole 'e mo?... Che ffà... V' 'o ddico?
      Nun è pe criticà: sò na schifezza!

      "Torna cu mme... nun 'mporta chi t'ha avuta"
      " 'O ssaccio ca tu ggià staje 'mbraccio a n'ato"...
      "Stongo chiagnenno 'a che te ne si gghiuta"...
      "Che pozzo fà s'io songo 'nnammurato"...

      Mettimmece na pezza, amici cari,
      e nun cantammo cchiù: "Tu m'he traduto".
      Sentenno sti ccanzone, a mme me pare,
      'e sta' a sentì 'o lamiento d' 'e curnute!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marilù Rossi
        in Poesie (Poesie vernacolari)
        Nu juorno all'intrasatta...
        Nu juomo all'intrasatta
        sentette 'e tuzzulià 'ncopp'a stu core:
        -Mò chi sarà ca vene a tuzzulià proprio a chest'ora
        a mme ca nun aspetto cchiù a nisciuno... -
        ... E allora?
        Allora addimannaje: - Chi è? -
        Na voce gentile rispunnette:
        - Faciteme trasì. Cerco ospitalità -
        'O nomme aggia sapè-
        - Me chiammano Violetta -
        Subbeto spalancate 'a porta 'e chistu core
        pe fa trasì stu sciore,
        stu sciore delicato, stu sciore appassionato.
        Appena isso trasette, a porta se 'nzerraje,
        nun s'arapette cchiù,
        cchiù pe nisciuno...
        ... maje.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Elisabetta
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          La Romanella

          Mì nonna, benedetta indò riposa,
          se comportava come 'na formica
          e puro si avanzava 'na mollica
          l'utilizzava per un'antra cosa.

          Perciò er dovere primo d'ogni sposa,
          pure che costa un'oncia de fatica,
          è d'esse sempre, a la maniera antica,
          risparmiatrice, pratica e ingegnosa.

          Si avanza un po' de pasta, mai buttalla:
          se sarta cò un po' d'acqua solamente,
          pè falla abbruscolì senz'abbrucialla.

          E la riuscita de 'sta Romanella
          che fa faville e che nun costa gnente
          dipenne da 'na semplice padella.

          II

          Mò l'urtima invenzione è 'na padella,
          che quello che se còce poi se stacca,
          mastice, colla, pece e ceralacca,
          se rivorteno come 'na frittella.

          'Sta novità sarà 'na cosa bella,
          ma dato che la Pasta nun attacca
          in pratica sarebbe 'na patacca
          perché dev'esse mezz'abbruscatella.

          Vedete, er gusto nun dipenne mica
          dar fatto che diventa più odorosa,
          ma dar sapore de padella antica.

          E detto questo, porca la miseria,
          fò a meno de la chiusa spiritosa,
          perché 'sto piatto qui è 'na cosa seria!
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Silvana Stremiz
            in Poesie (Poesie vernacolari)
            Fœura de porta Ludoviga on mia,
            Su la sinistra, in tra duu fontanin
            E in tra dò fil de piant che ghe fa ombria,
            El gh'è on sentirolin
            Solitari, patetegh, deliziôs
            Che 'l se perd a zicch zacch dent per i praa,
            E ch'el par giusta faa
            Per i malinconij d'on penserôs.

            Là inscì, via del piss piss
            D'on quaj sbilz d'acqua, che sbottiss di us'ciœu,
            Via d'on quaj gorgheg d'on rosignœu,
            O de quaj vers lontan lontan lontan
            D'on manzett, o d'on can,
            No se ghe sent on ett
            Che rompa la quiett.

            Tuttcoss, là inscì, l'aiutta la passion,
            Ne s'à nanch faa duu pass
            Tra quij acqu, tra quij piant, tra quell'ombria,
            Che se sent a quattass d'on cert magon,
            Se sent a trasportass
            D'ona certa èstes de malinconia,
            Che sgonfia i œucc senza savè el perché,
            E sforza a piang, d'on piang che fa piasè.

            Appont in de sto stat de scoldament
            Seva jer sol solett in sta stradella.
            Gh'aveva el Tass sott sella
            E i sœu disgrazi in ment:
            Quand tutt'on tratt dove pù scur e fosch
            E pù suturno per el folt di ramm
            Fan i arbor on bosch,
            Me senti a succudì
            Da on streppet improvvis in di fojamm;
            Me se scuriss el dì,
            Me traballa la terra sott i pee,
            Starluscia, donda i piant, scolti on lument
            Sord sord, tegnù tegnù, come d'on vent
            Che brontolla s'cincaa tra i filidur,
            Come el lument di mort e di pagur.

            E vedi a spôntà sù, Gesus Maria!,
            Tra i rover e i fojasc
            Longa longa on ombria
            Che me varda e me slonga incontra i brasc.
            Foo per scappà... foo per sgarì... no poss...
            Me se instecchiss i pee, voo in convulsion,
            E el pocch fiaa di polmon
            El rantéga, el se perd dent per el goss.

            I pols, i laver, i palper, i dent,
            I mascell, i naris
            Solten, batten, hin tucc in moviment;
            Già brancolli... già svegni... borli giò.
            E in quella che bicocchi, on ton de vôs
            Affabel e pietôs
            El me rinfranca con premura, e el dis:
            — Spiret, Carlin! te me cognosset no?
            Vardem... cognossem... sont on galantomm. -
            Sbaratti i œucc... i fissi in quell'ombria,
            E no l'è pù on'ombria, ma l'è on bell'omm
            D'oss, de carna, de pell,
            Che me varda in d'on att de cortesia,
            E el sporg el volt vers mì
            Come sarant a dì... — E inscì mo adess
            Son quell o no sont quell? parla, di su. -

            L'eva volt, compless, ben fa de la personna,
            Magher puttost che grass,
            L'ha el front quadraa, spaziôs;
            Arcaa, distint i zij;
            Barba, baffi, cavij
            Tacaa insemm, folt e bisc, tra el scur e el biond:
            Œucc viv, celest, redond,
            Sguard poetich, penserôs,
            Pell bianca, nâs grandott, laver suttil,
            Bocca larga; dò fil
            De dent piccol e spess, candidi, inguai,
            Barbozz sporgent in fœura;
            Manegh, corpett, goriglia alla spagnœura...
            — Dio! chi vedi mì... saravel mai,
            Saravel mai — dighi tremant — el Tass?... -
            E lù cerôs, fasent i dò foppell
            In mezz ai dò ganass
            — Sì — el me respond — sont quell, sont propi quell!

            A sto gran nomm, me butti genoggion
            Per adorall de cœur, per ringraziall
            De tanta degnazion...
            — Lù — sclammi — on poetton de quella sort,
            L'onor di Italian,
            Tœuss st'incommed per mì, lassà i sœu mort
            Per vegnì chi in personna
            A parlà cont on tangher de Milan?...
            Ma in dov'ela, sur Tass, quella coronna,
            Che ghe stava inscì ben su quella front? -
            — Ah! Carlo — el me respond,
            Tirand su dai polmon
            On sospiron patetegh e profond -
            Ah! Carlo, la coronna strapazzada
            No la ghè pù per mi... che on tal Manzon,
            On tal Ermes Viscont
            Me l'han tolta del coo, me l'han strasciada.
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Elisabetta
              in Poesie (Poesie vernacolari)

              A che te serve?

              A che te serve èsse arto
              se poi nun sei all'artezza?
              oppure èsse bello
              si drento de te nun c'è bellezza?

              A che te servono li sordi
              se nun conosci la ricchezza?
              oppur avè cento diplomi
              si te manca la saggezza?

              A che te serve 'na gran casa
              ma nessuno che l'apprezza?
              oppure tanta gente intorno
              ma nemmeno.... una carezza?
              Composta sabato 4 ottobre 2014
              Vota la poesia: Commenta