Scritta da: Angelo Staltari
in Poesie (Poesie vernacolari)
Maledetto er core mio che pia e se ne và
senza di ncazzo me lascia un buco nel petto
rimane er sorriso suo, solo, nella mente
st'amori nn t'avvisano, te regalano li sogni e le speranze pe viveli
te fanno forte come un leone ma fragile come n'aquilone
e in balia der vento vivi sta vita volando
e non pensi quanto male te poi fà a cade da st'artezza
perché n'fondo non c'è vita senza rischio e non c'è rischio senza vita
è sempre meglio fasse male dopo ave volato, che continua a cammina su sto serciato.

Maledetto sia quel mio cuore che si prende tutto e vola via,
senza dire niente, lasciandomi solo un buco nel petto
ora mi rimane solo il suo sorriso nella mente.
Questi sono gli amori, che ti regalano i sogni e la speranza per viverli,
si diventa forti come leoni, ma fragili come aquiloni,
che in balia del burrascoso vento vive la sua vita volando... e non ci pensa quanto ti possa far male cadere da quel altezze
perché in fondo non c'è vita senza rischio, né rischio senza vita
è sempre meglio cadere dopo aver volato che rimaner fermi.
Composta lunedì 7 dicembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    A cremazion

    A Cremazion
    Potess murì da do a cint ann, non t permetten d derm fuch
    Sa contrerie a cremazion, ie preferisc iess scttet abbesc a nu fuss.
    ye le vist ind a tlevision
    T fenn avvdè a chesc cu murt quenn tres ind o furn, po dop quenn iann fnout d de fuc
    t dann na bell urn ancor cald, tenn si ca sa dlour,
    t venn tutt i rimurs da cuscenz.
    Chieg quenn tu purt un brezz
    Quenn po arrreiv o campsend u mitt inzim a nalt parent ta lavat a cuscienz.
    Abbellisc a lepd e u purta fior, turn a chest ma quenn face nott e t vè a culché, non riisc a pghiè u sunn, prciè u murt t ven ind u sunn.
    C tè fett ch yess appcet? ye te vlout ben, e tou cia fett? ma cancllat da sop a sta fecc d terr com c non aviss me nat.
    Stett attind ca a mort yèn u geir, iosc a ma duman a tà.
    Composta venerdì 4 dicembre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Amoroso
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      A libertà

      C'rè chesta libertà se nù tiene padrone
      C'rè chesta libertà che p' la cercà t' fà schiav
      C'rè chesta libertà se o' ciele cà guard o' 'vire e stà semp là
      C' rè stà libertà te f' àscì a piett a voglie e' alluccà
      O 'saje, c'rè stà libertà?
      E' ca nù tiene o' curaggio e vulà.
      Composta sabato 9 gennaio 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Enzo Di Maio
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Natale adera solo ieri

        È già stasera tutto tornerà normale
        ce magneremo l'ultimo biscottino,
        domani apriremo la porta ar solito casino,
        guarderemo dentro er portafojo
        e lo troveremo desolatamente spojo.
        Cazzo come è lontano er prossimo Natale,
        come dicheno li vecchi
        "semo arivati alle lucentine
        e sò finete le feste e le quatrine".
        E che pena me fa sto poro arberello
        a pensà che fino a ieri je dicevamo
        "ammazza quanto è bello"
        Tantò mbrillantato che sembrava sua maestà
        e adesso adè na tristezza vedello là
        buttato e pure in malo modo
        dentro un secchio de monnezza
        senza più gloria e co tanta amarezza.
        Composta domenica 3 gennaio 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Carottese
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          N'paraviso - In paradiso

          Si chiur ll'uocchie nu mumento
          i stongo aret'o' Rivolo
          abbasc Alimuri, ò Cavaliere.
          Si chiur ll'uocchie nu mumento
          i stongo n'capa a ripa
          abbasc Cassano, ò Puorto.
          Si chiur ll'uocchie nu mumento
          i stong a via Crawford
          n'copp e coll e funtanell.
          Si chiur ll'uocchie nu mumento
          i stongo a piazza Tasso
          n'copp o capo e bagni da regina.
          Caruotto, Meta, Surriento, Santaniell
          i stongo n'paraviso.

          Se chiudo gli occhi un momento
          io sono dietro a Via Rivolo
          giù Alimuri, al cavaliere.
          Se chiudo gli occhi un momento
          io sono in capo alla ripa
          giù cassano., al Porto.
          Se chiudo gli occhi un momento
          io sono a via Crawford
          sopra i colli fontanelle.
          Se chiudo gli occhi un momento
          io sono a piazza Tasso
          sopra al capo ai bagni della regina.
          Piano di Sorrento, Meta, Sorrento, Sant'Agnello
          io sono in paradiso.
          Composta giovedì 7 gennaio 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di