Scritta da: toti
in Poesie (Poesie vernacolari)

Quistioni di titulu

Un jornu a la Pritura,
un celbri avvucatu,
difisi 'nà signura
cu tuttu lu sò ciatu!

Sta donna bedda in tuttu
e senza nudda tacca,
un certu farabuttu
la difinì "La vacca"!

Jeu vogghiu ca stu tiziu
ti venga cunnannatu,
cusì si lev u viziu
di fari u scanazzatu!

Allura lu Prituri
a vita lu cunnanna
pirchì affruntò l' onuri!
e Chiddu ci dumanna:

"si dugnu ad una vacca
lu nomu di signura,
vossia chi fa, m' attacca?
mi manna a la malura?"

Pi chistu nun c' è pena
ci fannu i difinsura:
e nesci di la scena
chiamannula "Signura"!
Composta domenica 5 dicembre 1971
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: toti
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    La donna e a stivaletta

    Pi a picciotta o a signuruna
    va di moda a stivaletta;
    l' omu porta i pantaluna
    a jttalli a cu ci aspetta?
    Ogni fimmina di oggi
    nura, simplici o truccata
    fa firmari tutti i roggi
    puru 'mezzu la nuttata.
    Munta supra a bicicletta,
    lu muturi e lu cavaddu;
    l' uomu guarda, chi disdetta
    un po fari chiù lu jaddu.
    Va a cavaddu tantu beni
    megghiu di lu sessu forti!
    T' addulcisci tutti i peni
    e arrisuscita li morti.
    Vuoli libiru l' amuri,
    aburtiri cu la liggi,
    partu senza lu duluri
    e lu Cristu ca sò effigi!
    Una cosa ancora unnavi
    la bacchetta du cumannu
    pi putiri fari schiavi
    tutti l' uomini, chi vannu!
    Composta mercoledì 16 aprile 1975
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: toti
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      La pruvvidenza

      La pruvvidenza è tutta tutta strati,
      mi dissi, mè cummari, sutta vuci:
      strati latini, strati strammiddati,
      strati alluminati e senza luci!

      A cu ci presta tutta la sò firi,
      ci arriva quannu menu si l' aspetta;
      e certi voti, mancu si ci criri,
      di comu si prisenta e tantu 'n fretta.

      Arriva sutta forma di malatu,
      o di visitaturi o di parrinu,
      sutta l' aspettu d' orbu o di sciancatu
      oppuru sutta forma d 'inquilinu!

      Fiducia, dunqui, aviti a Pruvvidenza,
      fiducia custanti e illimitata,
      sinnò vi fà nutari la sò assenza
      e vi sintiti sempri sfurtunata!
      Composta mercoledì 23 agosto 1967
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: toti
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        Lu maistru pinsiunatu

        Doppu aviri travagghiatu
        pi tant' anni cu gran lena,
        lu maistru è cungidatu,
        nesci mutu di la scena!

        Comu veni cumpinsatu?
        La risposta fa gran pena!
        Veni sulu ricurdatu
        pi qualch' annu appena appena!

        Ma l' alunnu, lu scularu
        nun l' ha mai diminticatu
        lu ricordu è sempri caru
        sempri vivu e rispittatu.

        L' avvucatu, lu dutturi,
        lu nutaru e u spiziali
        si ricordanu cu amuri
        l' insignanti di vucali!

        forsi chistu è lu chiù granni
        di cunforti di stu mummu,
        li ripaga di l' affanni
        lu ricordu 'chiù prufunnu!
        Composta sabato 3 marzo 1979
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: toti
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          Lu suppliziu di Tantalu

          Cosi Signuri mè, cosi di pazzi,
          cosi ca a raccuntarli nun si ci criri;
          nun si tratta d' inbrogghi o d' intrallazzi,
          ma cosi di far perdiri la firi!
          Avi chi manca l' acqua 'ntrà u paisi
          trentaduanni e diciannovi misi!

          Tutti li Giunti e i Sinnaci passti
          hannu pinsatu a cosi 'chiù 'mpurtanti
          a fari 'ncuticchiari tutti i strati,
          dari tutti l'aggi a li gitanti.
          Hannu 'mbracatu rocca e prisantuna
          e a mettiri 'ntrà i strati i lampiuna!

          Ma l'acqua che 'nà cosa nicissaria
          si duna sulamenti a' forasteri,
          nù sintemu sulu u scrusciu e l 'aria
          e i vuci di li matri e di mugghieri!
          Tanticchia chi ci arriva allimarrata
          è comu lu chinottu o comu urzata!

          Ed ora ci mittemu a cummirciari
          vinnennu sti limarri 'nbuttigghiati,
          circannu di putirici rifari
          di doppi cunsumi un cunsumati!
          Fra qualchi misi avemu a Cifalù.
          l' acqua cu la menta e cu u Zammù!

          C' è tanta acqua ca si perdi a mari
          ca può allagari la Sicilia tutta!
          E lu populu la divi disiari
          fintantu ca un si stanca e nun s' abbutta!
          E curri difilatu a lu Cumuni
          ca zappa, cu tridenti e cu vastuni!
          Composta sabato 14 luglio 1979
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di