Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Michele Melchionda

Tutte nue

Chiove, chiano chiano,
E nue lacreme re sto cielo, scinnimo abbascio tutte insieme allegre allegre.
Chi s appoggia n'goppa a na foglia, chi n'goppa a na frasca, chi invece comma me sbatte pe terra.
Vue pensate e ricite:
Che fortuna frate mio a m'appoggia goppa a sta foglia,
Che fortuna sore mia a m appoggia goppa a sta frasca.
Io invece aggio sbattuto e stao scorrenno pe lo canale re sta terra.
So triste assae, ma no pe me ma pe vue, ca prima o poe ita scenne ra la n'goppa.
Simo fatte p'esse vallone, fiume, mare e chi prime e chi roppo adda torna lacrema.
Ma staota quanno vue sbattite, io scenno co la risa mocca e chisà,
forse m appoggio pur'io.
Michele Melchionda
Composta sabato 23 gennaio 2016
Vota la poesia: Commenta