Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio
Non sbagliare,
conta...
ma senti un po',
da chi viene la predica!
Di errori ne ho fatti,
di colpe ne ho.
Ma ora so.
Ascolta il consiglio,
non di chi ha la vita facile,
ascolta qualcuno che ha vissuto gli errori,
oggi sa riconoscerli.
Oggi è pronto a dirti conta,
non sbagliare.
La vita è tanto bella.
Ada Roggio
Composta mercoledì 6 marzo 2019
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Riflessioni (Lo shock)

    Lo shock per un incidente improvviso a una persona importantissima,
    vederla per terra immobile,
    attimi,
    durati un secolo,
    viverlo,
    flash che diventa incubo,
    resta nella mente,
    nei sogni,
    negli occhi,
    nel cuore,
    nella parola.
    Per fortuna tutto bene,
    è stato un grossissimo spavento.
    Ada Roggio
    Composta domenica 20 gennaio 2019
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Amiamo la mamma

      Non c'è mamma migliore di ogni mamma.
      Ogni figlio ha la sua mamma.
      Bella o brutta.
      Giusta o sbagliata che sia.
      Lei è tua, lei è mia.
      Amiamo la mamma per quella che è.
      Amiamola ogni giorno sempre di più.
      La vita per quanto lunga o breve sia,
      non avere rimpianti, dille che l'ami.
      Il tempo è tiranno porta via gli amori,
      lasciandoti dentro rimpianti, gioia, e dolori.
      Ada Roggio
      Composta sabato 2 febbraio 2019
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        La vita

        La vita regala.
        La vita dà.
        La vita è gioia.
        La vita è amore.
        La vita è comprendere.
        La vita è comprendersi.
        La vita è pazienza.
        La vita è ammirazione.
        La vita è svegliarsi e sorridere,
        per un nuovo giorno regalato.
        La vita è sopravvivere alla sofferenza.
        La vita è abbracciare il dolore,
        continuare a sorridere.
        La vita è abbracciarsi,
        superare gli ostacoli.
        La vita è aspettare,
        aspettare
        aspettare,
        che il figlio torni da sua madre.
        Ada Roggio
        Composta martedì 29 gennaio 2019
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Battiti

          In silenzio
          ascolto i battiti del mio cuore,
          scalpitano,
          si incorrono,
          si accavallano,
          singhiozzano,
          si fermano,
          riprendono lenti,
          poi ricominciano a rincorrersi.
          Un cuore impazzito,
          un cuore che cerca una ragione,
          ma che non trova rispose.
          Ascolto questo cuore impazzito
          che non trova più pace,
          cuore invecchiato dal tempo passato,
          cuore che ama ancora,
          in silenzio ama ancora.
          Passano i minuti,
          passano le ore.
          Resta segnato per sempre
          nel mio cuore
          la parola
          Amore.
          Ada Roggio
          Composta domenica 19 maggio 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Ada Roggio

            Mo, tutt' è f'rnout.

            Tengh i capidd' biench,
            a salout, acchian acchian m' ste a fè nu salout A forz ind'è vrezz è frnout,
            a giuvnezz è durat nu starnout.
            Accom s' chembie,
            accom s' stench u fisch,
            preim spavald, affruntav tutt i situazioun.
            Parav che n'scion m'avava affunnè.
            Iosc sa ie che, acchian acchian,
            m' ieghie alluntanat
            da stu palcoscenicth che avav addvntat u chiù bell r'trett,
            iei,  parrucchir da na veit,
            è tnout na grenda passion
            m' iann sempr piaciout i princp, le princpess,
            i dam, i cavallir,
            pighiav i libr da storie ch vedè i figour,
            e sugnav a iocchie apert.
            Pò m' ieghiè appassiunat  a v'dè a Disfeid,
            me meis a studiè e, studie iosc, e studie duman'
            a storie du  cinchcint e ched da  Disfeid m' ieghje ambarat !
            Iei, cà vdav mammè sempr a fè v'steit ch' l'agh in man,
            m' mttibb allor a mbarè l'ert d' cusì acchian acchian.
            Ieghie accumnzat a cusì  i preim v'steit, chi cuvert vecchie,
            e chi cuvert che accattav e polecch o m'rcat,
            Ieghie accumnzat a criè i preim gioiell,
            ch i collan ca tnav,
            ier g'los assè, d' i cos' ca faciav e, c' qualche ioun mi tuccav,a fest i faciav !
            È  cous nu vsteit iosc, è cous nu vsteit duman,
            ieghie chesout na valengh d' vsteit ch' sti man.
            I vsteit, sa ugual e quedr dpint e pittour chiù rinomat
            accom a Raffaello, Pinturichio, Piero della Francesca, Botticelli, Bronzino, Domenichino.
            Accuminzibb a partecpè a Disfeid, i dam indussevn i gioiell, i coprcap,quache vsteit.
            Facibb i capidd chi copr cap a l'attreic',e pour e personegg du spettcul.
            C' casein ca iern i preparateiv, c' fusciav a destr fusciav a s'nistr.
            Chi dam s faciav na grenda fateich a ferl ugual,ch i figurent ca tnevn u ruul da protagonist avevan iess ugual accom dciav a storie.
            Oh cinchcint ier d' r'gor e dam a purtè i capidd ca reigh o centr,i recchie accumghieth de capidd,sop a cap  mttevn  i retcell, gioiell ca cap,
            coprcap tutt ingioiellat, feil d' perl tra i capidd,
            o cudd i feil d' perl, a pell tutt incpranat, chidd cà tnevn a pell abbronzath avevan fè i popolan,
            chidd cà tnevn i capidd lungh sciolt' e a vest raffnat' iern i mnenn da mareit'  chi capidd s  facevn i trecc e  mttevn  i fiour e nestr,
            chidd cà tnevn i capidd lungh sciolt e purtevn na vest da quett e na leir iern i cortgian.
            Prisntibb ind a gallerei du teatr Curc' "i quedr vivent" iern bell assè,
            tutt sti mnenn ugual e quedr,
            na fadd d' cristian accurrav a vdè
            parav a vdè na procession tutt sti cristian amend da cultour.
            Avibb dall'assessor a cultour" l'elogio a cultuour"
            Assè manfstazion  ieghie partecpat,mò nun già fezz chiù.
            Mo, tutt' è f'rnout.
            D' m'stir fezz ancor a parrucchir,
            tutt sti vsteit,sti gioiell, sti coprcap stann abbandunat, i voln si... ma regalat.
            Nan cont quenta timp e' pers, quanta nott a cusì e a r'camè  e a n'flè curell'
            e perl,e cusì a passamanarei, e poi, d' tutt i sold strutt, na n' parlam.
            C' d'ceit, chiss ch vou sa  fissarei ?
            Tutt cuss è nat accom a nu sciuch,
            to  ca stè a legg, t'stiv a fumè na sigareth, o t' sciv a fè na pizz,
            iei invec cudd timp lè strutt a fè veiv principess e dame cà preim stavn sol sop e d'pint.
            A ta ianna rumanì i fotografeie e u prisc cà l'ha meis.
            Ch mà ianna rumanì ch' sempr stupat.
            Acchssì mor' cuntent a parucchir sognatreic' ca è dat u prisc' a stu paieis!
            Ada Roggio
            Composta lunedì 10 settembre 2018
            Vota la poesia: Commenta