Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Non ho paura

Non devi avere paura della morte.
Non ho paura della morte.
Lei mi è amica.
Devo esserle amica, devi esserle amica.
Lei sarà l'ultimo battito, l'ultimo sguardo, l'ultimo respiro.
Il giorno in cui lei verrà a prendermi,
devo tenderle la mano e camminare con lei,
devo esserle amica, è lunga la strada.
Infondo ci sarà Dio che mi darà pace.
Ma so che solo esserle amica, mi darà pace e serenità.
È l'ultimo viaggio di ognuno di noi.
Lasciamo per sempre, l'amore infinito i figli, l'amore della vita, gli affetti più cari.
Salutiamo il sole, la luna, il cielo, le stelle, tutte le cose belle.
Salutiamo i nostri ricordi, perdoniamo il male.
Il perdono è la salvezza dell'anima.
Aspettiamo e andiamo via serenamente.
Lei è mia amica.
Ada Roggio
Composta mercoledì 27 settembre 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Maledetto intervento, l'hai condannata

    La vita tanto strana,
    crediamo di essere capaci di vincere
    tutte le battaglie a cui siamo sottoposti,
    sorridiamo ogni qual volta che tentenniamo.
    Maledetto intervento.
    L'hai condannata!
    Questo continuo stare male,
    la porta a riflettere, e pensare.
    Portare costantemente il peso invalidante
    di non sentirsi più donna,
    paura, ansia.
    Guardarsi allo specchio e non riconoscere più il proprio volto.
    Sentire la mancanza del respiro.
    Alzarsi dal letto di primo mattino,
    senza più sentire la freschezza dell'aria
    che piano, piano attraversa la persiana
    ancora socchiusa.
    Si sfogliano le pagine dall'albero della vita,
    e ti accorgi che ce ne sono ancora ben poche da sfogliare.
    È passato tutto questo tempo!
    La conseguenza di tutto questo stare male,
    il continuo ripetersi di fallimenti e conflitti,
    stanca, affaticata.
    Paura di mostrare al mondo gli aspetti più vulnerabili di noi stessi.
    Vulnerabile, vergogna, isolamento,
    questa stanchezza invincibile,
    sentirsi incapaci e incompresi.
    La mente più lucida del proprio corpo che sembra continuamente esplodere.
    Aver perso la voglia di sentirsi in armonia
    con il proprio corpo.
    Paura di non essere più amata e restare sola
    Maledetto intervento,
    l'hai condannata.
    Ada Roggio
    Composta giovedì 21 settembre 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      02-09-2017

      Ero un puntino,
      sono cresciuto nel tuo pancino,
      mi sono aggrovigliato,
      già sentivo di essere amato.
      Mentre crescevo ci stavo stretto,
      per uscire ci mancava un bel po',
      poi mi son detto: qui ci sto proprio stretto,
      ora do qualche colpetto.
      In piena notte ho deciso esco.
      Dopo una grande impresa,
      di primo mattino eccomi
      che sorpresa, che meraviglia
      Faccio parte della famiglia
      Con la mia mamma e il mio papà
      Il mio nome Anthony Brayan che felicità.
      Ada Roggio
      Composta sabato 2 settembre 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Cammino

        Cammino in silenzio.
        Attraverso il viale della vita.
        Risalendo la via.
        La salita sdrucciolevole.
        Le insidie che trovo attraversandola sono quasi insormontabili.
        Ma continuo a risalire nel silenzio che mi porta il dolore.
        Ricevuto gratuitamente.
        Sguardi che si intrecciano.
        Sguardi che si rivoltano quasi vedessero un fantasma uscito dall'oltre tomba.
        Sguardi assenti.
        Sguardi impietriti.
        Sguardi intriganti.
        Sguardi attoniti.
        Sguardi che mi accompagnano quasi vorrebbero impedirmi la risalita.
        Fermi li ad aspettare che io possa ricascare.
        Ma cammino, cammino senza aver paura.
        Cammino ho davanti a me la mano sicura.
        Una mano ferma e decisa.
        Mi indica la risalita.
        La mano mi riaccompagna.
        La sua parola è la mia dolce compagna.
        È la luce che sa emanare che mi porta oltre mare.
        Oltre l'infinito oh mio Dio!
        Tu sei il mio unico amico.
        Camminiamo.
        Ada Roggio
        Composta mercoledì 26 agosto 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di