Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

A Befan

A Befan, lesta ,lest.
è sfdat a tepest.
È parteit dò paies,vàrruat dop  quelche mas.
È indussat’ na suttan.
Calzitt longh d lan.
Nù cappid lungh e stritt.
Nergh accom o corsit.
Nu mantell’ arrattupet.
E nù guent sflacciat
U nas a uncein,e u ment appunteit
Vè vstout sempr rozz
Chì scherp a mizz tecch
Port  ch’iedd’ nù gruss pecch
U veis ià vecchiè e stench
Nu sorreis u port a cì ià affrent
Sop o veis tan nù gruss neo
Ass’meghie a nu cicisbeo
I capidd ca tan’ arruffat
Sà tutt’ affumcat
Chent chent  a Befan
chent  chent nà settman
e c’a  mezzanott tò t’mitt a  guardè a loun
a Befan t’ và purtè  fortoun  
A Befan  tan ind o saccon
Assè regal ma pour tenta carvoun
Sfeid u vint a nav’ e a bufar
Fin a quenn’ascenn ind e cas a tarda sar
Sorvol  montegn e i collein
A corsa sò, non ten mè fein
Nan s’ stenche mè d’ vulè.
Andò trov nù calztton.
mett’ ind assè regal e qualche carvon.
Chess iè a fein da filastrocch.
S’mpetch,ma pour nu pic sciocch.
Mentr l’Eepifanei, tutti i fist s port vei.
Ada Roggio
Composta venerdì 2 gennaio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    U furn d’Chiarein

    Iannn’ passat chiù d’ cinquand’enn’,
    iern ricc i famigghje ca u furn ind a cas t’nevn.
    Iei ier p’ccnenn’ e u furn a cas  no t’nemm’.
    Quenn’ i fist arruev’n, ch scì o furn d’ Chiarein  t’aviva mett in feil
    ch scì a n’furnè i tianedd’.
    Dic’ leir ch n’furnè i tianedd’,
    parav  avvedè ca s’faciav a gar a ci ca a tianedd
    chiù bell’e profumat purtav.
    Ci ca purtav patan e reis,e cozz’,
    ci ca  purtav a f’chezz,
    ci ca  purtav i maccaroun o furn,
    ci ca purtav u pan d’ spegn,
    ci ca  puratv u calzon chi  c’padd’,
    ci ca  purtav I pastarell’,
    ci ca  purtav a parmggian,
    Ier na fest  l’addor da m’nestr.
    Quenn’ ier u mumend d’ scirl a pigghjè,
    purtemm’ i mappein ch nan scalderc’ .
    Ma l’addor ier chiù fort du d’lor,
    strada  strad accumnzemm’  assaprè,
    ier nu prisc’  a purtè i tianedd’.
    Quenn’ a cas’ s’arruav, a memm’ s n’avvertav,
    accumnzav a gredè,na sgrdat c’pighjemm’
    a fein avulav pour u battpenn’.
    Ier assè a soddisfazzion ca l’avemma assaprat
    Ca t’faciav scrdè u battpenn’ e i sc’camat.
    A poch a poch u furn c’ m’accattat,
    chiss’ tradzioun oramà s’iann’ cancellat.
    Indo cor e sop a stu fogli stu scritt è rumas,
    t’la recurdè.
    Ada Roggio
    Composta lunedì 12 dicembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Ian' f nout i tradzion

      Iann’ f nout i tradzion.
      Tutt’ quend appassionat appirs  e cellular.
      Nan s perl  chiù  ind e famighje.
      Preim  quenn’  arruev’n i fist d Natal,s’ facevn i cartddat, i pastarell,l’amarett.
      S’accucchievn i  tre sor ch’fè i cartddat,
      s’ purtev’n a mezzascoll e nu biench s’nal.
      A pest s’faciav sop o tavlir,
      nan c stav a macchnett,
      s stennav a pest cu laghnatour,
      ca rundell’ s facevn i strisciolein, saccucchiev’n e  i rosett’s furmev’n.
      C’ bell’ recurd,
      noi ca  ierm p’cceninn’ guardemm’  affascnat,
      avemm  tenè tutt i capidd attaccat,
      s’pighjav  na cartullein
      e s’ purtev’n ind a stenz da prenz
      e s’ puggev’n sop e strofnecc
      e s’mettev’n assuchè sop o stipett’! .
      A diadop s’ frscev’n,
      e  ind o vein cutt s’ passev’n.
      Quent iern bon i carttddat!.
      Ch’ fè i pastarell’(p’scenn’di monach )
      stennev’n a pest sop o tavlir cu laghnatour,
      pigghjevn nu bicchir e furmev’n i rotond.
      I mttev’n ind a teglie infarnat
      e noie ca ierm  criatour i purtemm’ a infurnè o furn di Chiarein
      I pastarell’ ci mangemm’ ind o lett’.
      Iern ricch i famighje ca facevn i dulc,
      iern ricch ind o cor! .
      Scemm’ a coghje i mel’n iind  a campegn  d’zio Giacint,
      i facemm’ assuchè e i scazzemm!.
      I mel’n s’  macinev’n ca buttiglje,
      s’impastev’n cu zucchr e u lucur
      si fecev’n a pallein  e s’ mettev’n ind  a teglie!.
      C’ iern bell ‘i tradzion,jann f’nout i sorreis,
      e ind e famighjel’amor!
      Tutt’ quent appezzacat o cellular.
      Na cos vulariss’.ca na dei turness’m n’drat.
      Evviva u Natal.
      Ada Roggio
      Composta martedì 22 dicembre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Sì o no

        O è sì, o è no, cos'è giusto non lo so.
        Questo mondo va in rovina.
        Degli uomini c'è poca stima.
        Tutti quanti con un gran da fare.
        Tutti dicono di ripristinare.
        Tutti vogliono prendere un accordo, tra loro nessuno è d'accordo.
        Io italiano mi sento di affogare.
        Non so proprio cosa votare.
        Il sondaggio porta la parità, alla fine chi ha più voti vincerà.
        Oh è si, oh è no una x metterò.
        Qualcosa cambierà, brutta o bella non si sa.
        Si spera nel cambiamento aspetteremo qualche decennio!
        Tasse, spese, iva, costi di gestione.
        A farne le spese siamo milioni.
        Ada Roggio
        Composta giovedì 24 novembre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Benvenuta al mondo

          È nata, è nata.
          È nata 3 chili e due etti, ha gli occhi vispetti.
          La pelle delicata profumo di neonata.
          Il suo primo vagito,
          ha riempito il cuore portando gioia e tanto amore.
          Lei è la gioia di tutti, l'immenso di mamma e papà.
          Benvenuta al mondo nipotina mia.
          Ada Roggio
          Composta giovedì 17 novembre 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Ada Roggio

            Festa di Halloween

            Comprano zucche di varie misure che daranno il volto a tante paure.
            Portan la zucca e in testa hanno un bel cappello, suonano al campanello,
            formula magica ricattatoria, tramandata ha fatto la storia
            "Dolcetto o scherzetto".
            Caramelle o cioccolate, lecca lecca, e grandi risate.
            Festa antichissima Irlandese, tramandata in ogni paese.
            Salutan l'estate e i raccolti, i cristiani commemorano i morti.
            Paese che vai usanza che trovi.
            In America mostri, zombi, streghe si fanno tra loro tante beghe
            Festa strumentalizzata dai bambini tanto amata.
            Ada Roggio
            Composta domenica 30 ottobre 2016
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Ada Roggio

              La mamma

              La mamma la ricchezza più grande dell'uomo.
              Chi non ha la mamma si danna.
              Chi ha la mamma la condanna.
              La mamma è sempre pronta ad ascoltare,
              pronta ad aiutare,
              pronta a perdonare.
              Le braccia della mamma sono infinite.
              Lei perdona ogni tuo disprezzo a ogni suo consiglio,
              a ogni sua carezza.
              La mamma piange quando è sola,
              il suo pensiero sempre a te vola.
              La mamma è un dono per chi c'è l'ha.
              Tienila stretta a ogni età,
              la vita corre in fretta,
              ascolta il consiglio dammi retta.
              Ada Roggio
              Composta giovedì 12 maggio 2016
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Ada Roggio

                Credevo

                Credevo di essere invincibile.
                Credevo di essere,
                credevo.
                Invece sono.
                Sono una donna,
                una come tante, eguale,
                di carne e ossa, di spirito primordiale.
                Sorrido ai giorni
                che scorrono vertiginosamente,
                senza mai darsi un attimo di tregua.
                In un attimo sento scorrere tutta la vita,
                sgridando il mio animo dico: è presto non è finita!
                Pensa a quanto c'è ancora da sognare, da fare e da disfare.
                Rimetto in riga i miei pensieri,
                aspetto il sole che torni a splendere.
                Ada Roggio
                Composta mercoledì 23 marzo 2016
                Vota la poesia: Commenta