Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Crisalide

Crisalide il mio cuore
non sento alcun dolore
sono diventata impermeabile
per sopravvivere,
accarezzo la donna di sempre
gemella mia
svuotata delle cose più belle.
Degli amori più cari
crisalide chiusa.
Il dolore rimbalza,
pronto per farti esplodere la mente,
che ancora intrattiene la saggezza della vita recuperata.
Il mio dolore è l'ossigeno,
la linfa di ogni artista che defluisce in ogni sua creatura,
la mia anima è vuota, mi hanno lasciata lì.
Ada Roggio
Composta sabato 1 agosto 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Un padre speciale, unico

    Un padre speciale, unico.
    Una carezza sempre pronta, una parola
    ho guardato il cielo azzurro,
    ho respirato l'aria fresca,
    ho guardato il divano, tu non c'eri,
    la tua assenza ora molto presente in me ha segnato il cammino.
    Ricordo i tuoi consigli rino.
    Rimetti tutto a posto, fai attenzione.
    Ogni gesto è determinato da un'azione.
    Io che volevo far di testa mia, ricordo quanto abbiamo parlato.
    Il mio cuore è molto triste per la tua assenza.
    Auguri a te che sei nei miei pensieri nel tuo ricordo vivo come ieri.
    Ada Roggio
    Composta mercoledì 19 marzo 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      C’ nan vu scì a scol, ta m’barè nu mestir!

      Iè ovar,preim iern altr’timp!
      Iern altr’timp,
      iern chiù r’spettous chi cristian,e chi genitour,i fighje!.
      Iosc’ nan c’ stè chiù n’sciouna  educazion.
      Tutt’ iann tutt’,a colp jè a nostr, chess’ jè a nuova generazion!
      Preim ,t’aviva m’barè  nu mestir c’ nan vuliv scì a scol!.
      Iosc’, i mannem a scol , non vol’n fè nint ,e tutt.’vol’n!
      Tutt’vol’n,e noi fiss’ ca ci dam’,cellulare, palestr, pleisteiscion, sciuch,
      sold ind e sech,e c’ nan ci dè,t’ mett’n mezz’ a na strad,e sà sempr chiù pov’r i famigliar!
      Preim i mestir s’ambarev’n, d’generazion ,in generazion .
      Ca strad lucch’lav’n
      Stav  l’arrutein,
      ” V’arruat l’arrutein ca mulasc curtid e furc”.
      Stav u m’brella’r,
      ” U m’brell,u’m’brlla’r,aggiustatv u m’brell”?
      Stav u’ capplar,
      “V’arruat u capplar c s và taghiè i capill i doc nu bicchir o na mappein”!
      C’ stav u falegnam,
      “ V’arruat u falegnam  c s và aggiustè i frustill,i sigg,i vanghetidd”!
      Stav’n i putàn, u varvir,a parrucchir,a sert, a ricamatreic’,u falgnam’…
      U   falegnam” ambarav i fighje a l’vghè,e s’ghè,aggiustav u berò, u stpet,a colonnett,i sigg,u tavlir,
      U panettir ambarav i fighje a impastè a pest , a infurnè.
      U zappator ambarav i fighje a spruè, a putè,a n’ztè,a zappè,a ruma’scè,a n’ zulfè,a sciuppè,.
      U murator ambarav i fighe a impastè a calc’,a carscè i mattoun.
      U p’ttor,l’elettcist,u tubbist.
      Nuscon rumanav satt e l’nzol
      Ci ca studiav ch’addeventè  dottor,
      professor , raggiunir.
      Tutt facev’n nu mstir.
      “C’ nan vu scì a scol, ta m’barè nu mestir!”
      Ada Roggio
      Composta sabato 10 dicembre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        È f’nout u carnval

        È f’nout u carnval
        Do nord o sud.
        L’Italie è in fest.
        De mont o mar, s fstggè
        è fnout u carnval.
        Vann innanz i tradzion,dulc fritt d tutt i rigion.
        Frittl e tenerell.
        Bomboloun ,sfappole,e crostoli.
        Cicerchiet, buscei,tortell,ciambell,
        na scorpacciat d mascherein.
        Ciramiglie,crescentine,
        donzelle,favarelle,
        intrigoni, scrocca fous,
        melatelli, menatelli,
        bastoncelli,berlingozzi,
        brugnolus,castagnole,cvigliole,
        cenci,crogetti,grostoli,
        dozelle,fev mielate,
        ficuzzole,frangette,
        fravioli, brutt ma bun,lavagnette,intrgon,
        mistocchini,peciarini,monache, pregne,scorpelle,
        pampuglie,pignolata,oriellettas,gale,galani,
        zeppl,i pell du prevt,rosa chtarr,taredd,
        stell’e filent,struffoli,strecc e tortell.
        È  fnout  u carneval e i criatour stan mal,
        iann fett indigestion d dul e cos bon.
        Ada Roggio
        Composta martedì 9 febbraio 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Carnval

          Carnval  vecchi’e  pazz  v’ arruat ind a chiezz,
          è  purtat nu carrozzon r’vstout d carton .
          Sc’am sc’am , e s’ghignazz,
          sorried a tutt e s’impezz.
          Tutt i criatour iann ascnnout ind a chiezz
          chi coriendl e i  trumbett,
          tenerell e frttllein,
          quent sà  bell’ i mascherein.
          Ind o  carr  fenn fest,
          è scuppiat a tempest,
          Ca strad tutt quent  vann vstout da carnval
          Ià na  grenn confusion è scuppiet  l’anmazione
          Pantalone,Pulcinella,
          Balanzone,Brighella,
          Colombina,Meneghino,fenn  tutt nu salout
          Rugantino ,Meo Patacca, Stenterello,Scaramuccia,
          Gioppino, Mosciolino,sorridn a tutt i  criatour.
          Ma  quent iè  bell u  carnval,
          sorridn tutt,
          schecc  ogni mal.
          Ada Roggio
          Composta sabato 16 gennaio 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Ada Roggio

            A Befan

            A Befan, lesta ,lest.
            è sfdat a tepest.
            È parteit dò paies,vàrruat dop  quelche mas.
            È indussat’ na suttan.
            Calzitt longh d lan.
            Nù cappid lungh e stritt.
            Nergh accom o corsit.
            Nu mantell’ arrattupet.
            E nù guent sflacciat
            U nas a uncein,e u ment appunteit
            Vè vstout sempr rozz
            Chì scherp a mizz tecch
            Port  ch’iedd’ nù gruss pecch
            U veis ià vecchiè e stench
            Nu sorreis u port a cì ià affrent
            Sop o veis tan nù gruss neo
            Ass’meghie a nu cicisbeo
            I capidd ca tan’ arruffat
            Sà tutt’ affumcat
            Chent chent  a Befan
            chent  chent nà settman
            e c’a  mezzanott tò t’mitt a  guardè a loun
            a Befan t’ và purtè  fortoun  
            A Befan  tan ind o saccon
            Assè regal ma pour tenta carvoun
            Sfeid u vint a nav’ e a bufar
            Fin a quenn’ascenn ind e cas a tarda sar
            Sorvol  montegn e i collein
            A corsa sò, non ten mè fein
            Nan s’ stenche mè d’ vulè.
            Andò trov nù calztton.
            mett’ ind assè regal e qualche carvon.
            Chess iè a fein da filastrocch.
            S’mpetch,ma pour nu pic sciocch.
            Mentr l’Eepifanei, tutti i fist s port vei.
            Ada Roggio
            Composta venerdì 2 gennaio 2015
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Ada Roggio

              U furn d’Chiarein

              Iannn’ passat chiù d’ cinquand’enn’,
              iern ricc i famigghje ca u furn ind a cas t’nevn.
              Iei ier p’ccnenn’ e u furn a cas  no t’nemm’.
              Quenn’ i fist arruev’n, ch scì o furn d’ Chiarein  t’aviva mett in feil
              ch scì a n’furnè i tianedd’.
              Dic’ leir ch n’furnè i tianedd’,
              parav  avvedè ca s’faciav a gar a ci ca a tianedd
              chiù bell’e profumat purtav.
              Ci ca purtav patan e reis,e cozz’,
              ci ca  purtav a f’chezz,
              ci ca  purtav i maccaroun o furn,
              ci ca purtav u pan d’ spegn,
              ci ca  puratv u calzon chi  c’padd’,
              ci ca  purtav I pastarell’,
              ci ca  purtav a parmggian,
              Ier na fest  l’addor da m’nestr.
              Quenn’ ier u mumend d’ scirl a pigghjè,
              purtemm’ i mappein ch nan scalderc’ .
              Ma l’addor ier chiù fort du d’lor,
              strada  strad accumnzemm’  assaprè,
              ier nu prisc’  a purtè i tianedd’.
              Quenn’ a cas’ s’arruav, a memm’ s n’avvertav,
              accumnzav a gredè,na sgrdat c’pighjemm’
              a fein avulav pour u battpenn’.
              Ier assè a soddisfazzion ca l’avemma assaprat
              Ca t’faciav scrdè u battpenn’ e i sc’camat.
              A poch a poch u furn c’ m’accattat,
              chiss’ tradzioun oramà s’iann’ cancellat.
              Indo cor e sop a stu fogli stu scritt è rumas,
              t’la recurdè.
              Ada Roggio
              Composta lunedì 12 dicembre 2016
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Ada Roggio

                Ian' f nout i tradzion

                Iann’ f nout i tradzion.
                Tutt’ quend appassionat appirs  e cellular.
                Nan s perl  chiù  ind e famighje.
                Preim  quenn’  arruev’n i fist d Natal,s’ facevn i cartddat, i pastarell,l’amarett.
                S’accucchievn i  tre sor ch’fè i cartddat,
                s’ purtev’n a mezzascoll e nu biench s’nal.
                A pest s’faciav sop o tavlir,
                nan c stav a macchnett,
                s stennav a pest cu laghnatour,
                ca rundell’ s facevn i strisciolein, saccucchiev’n e  i rosett’s furmev’n.
                C’ bell’ recurd,
                noi ca  ierm p’cceninn’ guardemm’  affascnat,
                avemm  tenè tutt i capidd attaccat,
                s’pighjav  na cartullein
                e s’ purtev’n ind a stenz da prenz
                e s’ puggev’n sop e strofnecc
                e s’mettev’n assuchè sop o stipett’! .
                A diadop s’ frscev’n,
                e  ind o vein cutt s’ passev’n.
                Quent iern bon i carttddat!.
                Ch’ fè i pastarell’(p’scenn’di monach )
                stennev’n a pest sop o tavlir cu laghnatour,
                pigghjevn nu bicchir e furmev’n i rotond.
                I mttev’n ind a teglie infarnat
                e noie ca ierm  criatour i purtemm’ a infurnè o furn di Chiarein
                I pastarell’ ci mangemm’ ind o lett’.
                Iern ricch i famighje ca facevn i dulc,
                iern ricch ind o cor! .
                Scemm’ a coghje i mel’n iind  a campegn  d’zio Giacint,
                i facemm’ assuchè e i scazzemm!.
                I mel’n s’  macinev’n ca buttiglje,
                s’impastev’n cu zucchr e u lucur
                si fecev’n a pallein  e s’ mettev’n ind  a teglie!.
                C’ iern bell ‘i tradzion,jann f’nout i sorreis,
                e ind e famighjel’amor!
                Tutt’ quent appezzacat o cellular.
                Na cos vulariss’.ca na dei turness’m n’drat.
                Evviva u Natal.
                Ada Roggio
                Composta martedì 22 dicembre 2015
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Ada Roggio

                  Sì o no

                  O è sì, o è no, cos'è giusto non lo so.
                  Questo mondo va in rovina.
                  Degli uomini c'è poca stima.
                  Tutti quanti con un gran da fare.
                  Tutti dicono di ripristinare.
                  Tutti vogliono prendere un accordo, tra loro nessuno è d'accordo.
                  Io italiano mi sento di affogare.
                  Non so proprio cosa votare.
                  Il sondaggio porta la parità, alla fine chi ha più voti vincerà.
                  Oh è si, oh è no una x metterò.
                  Qualcosa cambierà, brutta o bella non si sa.
                  Si spera nel cambiamento aspetteremo qualche decennio!
                  Tasse, spese, iva, costi di gestione.
                  A farne le spese siamo milioni.
                  Ada Roggio
                  Composta giovedì 24 novembre 2016
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Ada Roggio

                    Benvenuta al mondo

                    È nata, è nata.
                    È nata 3 chili e due etti, ha gli occhi vispetti.
                    La pelle delicata profumo di neonata.
                    Il suo primo vagito,
                    ha riempito il cuore portando gioia e tanto amore.
                    Lei è la gioia di tutti, l'immenso di mamma e papà.
                    Benvenuta al mondo nipotina mia.
                    Ada Roggio
                    Composta giovedì 17 novembre 2016
                    Vota la poesia: Commenta