Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Abbiamo tutti un pozzo senza fondo

Abbiamo tutti un pozzo senza fondo.
Vorrei chinarmi, su di esso,
che se ne sta li assorto.
Lì,
dove ho scordato,
i sogni d'un tempo,
le risa della mia giovinezza,
allegria.
L'innocenza,
che avvolge gli occhi di bambina,
gli sguardi sperduti nel vuoto,
la paura del buio.
Questo vecchio...
vecchio pozzo incantato,
pozzo senza fondo,
dove ci versi tutto,
la tristezza e l'amore
di questo mondo.
Ada Roggio
Composta venerdì 1 febbraio 2008
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    I capelli

    I capelli non sono una lavagna,
    su cui scrivi e poi cancelli.
    Sono la raffinata tela di un pittore,
    la ricerca minuziosa di colori e sfumature,
    l'ispirazione e la fantasia,
    il gesto di una mano.
    Ecco, plasmare, realizzare
    quello che diventerà un "capolavoro" unico.
    Ricorda,
    non distruggere ciò che hai realizzato.
    Di venditori di illusioni ce ne sono tanti,
    tu regali capolavori.
    Ada Roggio
    Composta sabato 8 aprile 2006
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Crisalide

      Crisalide il mio cuore
      non sento alcun dolore
      sono diventata impermeabile
      per sopravvivere,
      accarezzo la donna di sempre
      gemella mia
      svuotata delle cose più belle.
      Degli amori più cari
      crisalide chiusa.
      Il dolore rimbalza,
      pronto per farti esplodere la mente,
      che ancora intrattiene la saggezza della vita recuperata.
      Il mio dolore è l'ossigeno,
      la linfa di ogni artista che defluisce in ogni sua creatura,
      la mia anima è vuota, mi hanno lasciata lì.
      Ada Roggio
      Composta sabato 1 agosto 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Un padre speciale, unico

        Un padre speciale, unico.
        Una carezza sempre pronta, una parola
        ho guardato il cielo azzurro,
        ho respirato l'aria fresca,
        ho guardato il divano, tu non c'eri,
        la tua assenza ora molto presente in me ha segnato il cammino.
        Ricordo i tuoi consigli rino.
        Rimetti tutto a posto, fai attenzione.
        Ogni gesto è determinato da un'azione.
        Io che volevo far di testa mia, ricordo quanto abbiamo parlato.
        Il mio cuore è molto triste per la tua assenza.
        Auguri a te che sei nei miei pensieri nel tuo ricordo vivo come ieri.
        Ada Roggio
        Composta mercoledì 19 marzo 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          C’ nan vu scì a scol, ta m’barè nu mestir!

          Iè ovar,preim iern altr’timp!
          Iern altr’timp,
          iern chiù r’spettous chi cristian,e chi genitour,i fighje!.
          Iosc’ nan c’ stè chiù n’sciouna  educazion.
          Tutt’ iann tutt’,a colp jè a nostr, chess’ jè a nuova generazion!
          Preim ,t’aviva m’barè  nu mestir c’ nan vuliv scì a scol!.
          Iosc’, i mannem a scol , non vol’n fè nint ,e tutt.’vol’n!
          Tutt’vol’n,e noi fiss’ ca ci dam’,cellulare, palestr, pleisteiscion, sciuch,
          sold ind e sech,e c’ nan ci dè,t’ mett’n mezz’ a na strad,e sà sempr chiù pov’r i famigliar!
          Preim i mestir s’ambarev’n, d’generazion ,in generazion .
          Ca strad lucch’lav’n
          Stav  l’arrutein,
          ” V’arruat l’arrutein ca mulasc curtid e furc”.
          Stav u m’brella’r,
          ” U m’brell,u’m’brlla’r,aggiustatv u m’brell”?
          Stav u’ capplar,
          “V’arruat u capplar c s và taghiè i capill i doc nu bicchir o na mappein”!
          C’ stav u falegnam,
          “ V’arruat u falegnam  c s và aggiustè i frustill,i sigg,i vanghetidd”!
          Stav’n i putàn, u varvir,a parrucchir,a sert, a ricamatreic’,u falgnam’…
          U   falegnam” ambarav i fighje a l’vghè,e s’ghè,aggiustav u berò, u stpet,a colonnett,i sigg,u tavlir,
          U panettir ambarav i fighje a impastè a pest , a infurnè.
          U zappator ambarav i fighje a spruè, a putè,a n’ztè,a zappè,a ruma’scè,a n’ zulfè,a sciuppè,.
          U murator ambarav i fighe a impastè a calc’,a carscè i mattoun.
          U p’ttor,l’elettcist,u tubbist.
          Nuscon rumanav satt e l’nzol
          Ci ca studiav ch’addeventè  dottor,
          professor , raggiunir.
          Tutt facev’n nu mstir.
          “C’ nan vu scì a scol, ta m’barè nu mestir!”
          Ada Roggio
          Composta sabato 10 dicembre 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di