Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Battiti

In silenzio
ascolto i battiti del mio cuore,
scalpitano,
si incorrono,
si accavallano,
singhiozzano,
si fermano,
riprendono lenti,
poi ricominciano a rincorrersi.
Un cuore impazzito,
un cuore che cerca una ragione,
ma che non trova rispose.
Ascolto questo cuore impazzito
che non trova più pace,
cuore invecchiato dal tempo passato,
cuore che ama ancora,
in silenzio ama ancora.
Passano i minuti,
passano le ore.
Resta segnato per sempre
nel mio cuore
la parola
Amore.
Ada Roggio
Composta domenica 19 maggio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Mo, tutt' è f'rnout.

    Tengh i capidd' biench,
    a salout, acchian acchian m' ste a fè nu salout A forz ind'è vrezz è frnout,
    a giuvnezz è durat nu starnout.
    Accom s' chembie,
    accom s' stench u fisch,
    preim spavald, affruntav tutt i situazioun.
    Parav che n'scion m'avava affunnè.
    Iosc sa ie che, acchian acchian,
    m' ieghie alluntanat
    da stu palcoscenicth che avav addvntat u chiù bell r'trett,
    iei,  parrucchir da na veit,
    è tnout na grenda passion
    m' iann sempr piaciout i princp, le princpess,
    i dam, i cavallir,
    pighiav i libr da storie ch vedè i figour,
    e sugnav a iocchie apert.
    Pò m' ieghiè appassiunat  a v'dè a Disfeid,
    me meis a studiè e, studie iosc, e studie duman'
    a storie du  cinchcint e ched da  Disfeid m' ieghje ambarat !
    Iei, cà vdav mammè sempr a fè v'steit ch' l'agh in man,
    m' mttibb allor a mbarè l'ert d' cusì acchian acchian.
    Ieghie accumnzat a cusì  i preim v'steit, chi cuvert vecchie,
    e chi cuvert che accattav e polecch o m'rcat,
    Ieghie accumnzat a criè i preim gioiell,
    ch i collan ca tnav,
    ier g'los assè, d' i cos' ca faciav e, c' qualche ioun mi tuccav,a fest i faciav !
    È  cous nu vsteit iosc, è cous nu vsteit duman,
    ieghie chesout na valengh d' vsteit ch' sti man.
    I vsteit, sa ugual e quedr dpint e pittour chiù rinomat
    accom a Raffaello, Pinturichio, Piero della Francesca, Botticelli, Bronzino, Domenichino.
    Accuminzibb a partecpè a Disfeid, i dam indussevn i gioiell, i coprcap,quache vsteit.
    Facibb i capidd chi copr cap a l'attreic',e pour e personegg du spettcul.
    C' casein ca iern i preparateiv, c' fusciav a destr fusciav a s'nistr.
    Chi dam s faciav na grenda fateich a ferl ugual,ch i figurent ca tnevn u ruul da protagonist avevan iess ugual accom dciav a storie.
    Oh cinchcint ier d' r'gor e dam a purtè i capidd ca reigh o centr,i recchie accumghieth de capidd,sop a cap  mttevn  i retcell, gioiell ca cap,
    coprcap tutt ingioiellat, feil d' perl tra i capidd,
    o cudd i feil d' perl, a pell tutt incpranat, chidd cà tnevn a pell abbronzath avevan fè i popolan,
    chidd cà tnevn i capidd lungh sciolt' e a vest raffnat' iern i mnenn da mareit'  chi capidd s  facevn i trecc e  mttevn  i fiour e nestr,
    chidd cà tnevn i capidd lungh sciolt e purtevn na vest da quett e na leir iern i cortgian.
    Prisntibb ind a gallerei du teatr Curc' "i quedr vivent" iern bell assè,
    tutt sti mnenn ugual e quedr,
    na fadd d' cristian accurrav a vdè
    parav a vdè na procession tutt sti cristian amend da cultour.
    Avibb dall'assessor a cultour" l'elogio a cultuour"
    Assè manfstazion  ieghie partecpat,mò nun già fezz chiù.
    Mo, tutt' è f'rnout.
    D' m'stir fezz ancor a parrucchir,
    tutt sti vsteit,sti gioiell, sti coprcap stann abbandunat, i voln si... ma regalat.
    Nan cont quenta timp e' pers, quanta nott a cusì e a r'camè  e a n'flè curell'
    e perl,e cusì a passamanarei, e poi, d' tutt i sold strutt, na n' parlam.
    C' d'ceit, chiss ch vou sa  fissarei ?
    Tutt cuss è nat accom a nu sciuch,
    to  ca stè a legg, t'stiv a fumè na sigareth, o t' sciv a fè na pizz,
    iei invec cudd timp lè strutt a fè veiv principess e dame cà preim stavn sol sop e d'pint.
    A ta ianna rumanì i fotografeie e u prisc cà l'ha meis.
    Ch mà ianna rumanì ch' sempr stupat.
    Acchssì mor' cuntent a parucchir sognatreic' ca è dat u prisc' a stu paieis!
    Ada Roggio
    Composta lunedì 10 settembre 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Ogni giorno ringrazia Dio

      Ogni giorno ringrazia Dio.
      Ogni giorno bacia il tuo bambino.
      Ogni giorno ringrazia Dio che hai visto sorgere il sole,
      che hai visto il tramonto.
      Al calar della sera ringrazia Dio della bella giornata,
      anche se sei stanca,
      anche se sono passati gli anni,
      anche se la pelle si è avvizzita,
      ringrazia sempre Dio quant'è bella la vita.
      Ada Roggio
      Composta mercoledì 19 settembre 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        La società male ossigenata

        Oggi facciamo delle corse irrefrenabili.
        La società si è divisa a metà,
        donne e donne,
        chi continua a conservare,
        chi svuota i cassetti e vuole sempre comprare.
        Le case lucidate,
        i cellulari all'ultimo grido.
        Alcune di loro sono tutte imbellettate,
        i bar pieni di alcune riviste,
        alcune di loro per fare conquiste.
        Questa è una grande facciata di una società male ossigenata.
        Mi verrebbe da dire; stavamo meglio quando stavamo peggio,
        senza vizzi e falsa lussuria,
        la donna pulita e vera.
        Ada Roggio
        Composta martedì 18 settembre 2018
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Vorrei vorrei

          Il vento sfiora i nostri capelli. Il vento sfiora la pelle, il mio viso, il tempo passa e tu ci sei. Noi ci siamo. Il tempo. Nascondere il proprio dispiacere di non essere più quella che ero. Dall'imbarazzo totale di cosa sono oggi cerco di nascondere al mondo ma il mondo ha occhi penetranti, occhi insidiosi, occhi che scrutano il mio imbarazzo, non voglio pietà, non voglio sentirmi dire mi dispiace, voglio essere trattata come sempre, voglio sentirmi Ada di sempre. Non lasciatemi rinunciare alla vita con il sorriso di sempre, lei è mia.
          Ada Roggio
          Composta sabato 23 giugno 2018
          Vota la poesia: Commenta