Poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Ian' f nout i tradzion

Iann’ f nout i tradzion.
Tutt’ quend appassionat appirs  e cellular.
Nan s perl  chiù  ind e famighje.
Preim  quenn’  arruev’n i fist d Natal,s’ facevn i cartddat, i pastarell,l’amarett.
S’accucchievn i  tre sor ch’fè i cartddat,
s’ purtev’n a mezzascoll e nu biench s’nal.
A pest s’faciav sop o tavlir,
nan c stav a macchnett,
s stennav a pest cu laghnatour,
ca rundell’ s facevn i strisciolein, saccucchiev’n e  i rosett’s furmev’n.
C’ bell’ recurd,
noi ca  ierm p’cceninn’ guardemm’  affascnat,
avemm  tenè tutt i capidd attaccat,
s’pighjav  na cartullein
e s’ purtev’n ind a stenz da prenz
e s’ puggev’n sop e strofnecc
e s’mettev’n assuchè sop o stipett’! .
A diadop s’ frscev’n,
e  ind o vein cutt s’ passev’n.
Quent iern bon i carttddat!.
Ch’ fè i pastarell’(p’scenn’di monach )
stennev’n a pest sop o tavlir cu laghnatour,
pigghjevn nu bicchir e furmev’n i rotond.
I mttev’n ind a teglie infarnat
e noie ca ierm  criatour i purtemm’ a infurnè o furn di Chiarein
I pastarell’ ci mangemm’ ind o lett’.
Iern ricch i famighje ca facevn i dulc,
iern ricch ind o cor! .
Scemm’ a coghje i mel’n iind  a campegn  d’zio Giacint,
i facemm’ assuchè e i scazzemm!.
I mel’n s’  macinev’n ca buttiglje,
s’impastev’n cu zucchr e u lucur
si fecev’n a pallein  e s’ mettev’n ind  a teglie!.
C’ iern bell ‘i tradzion,jann f’nout i sorreis,
e ind e famighjel’amor!
Tutt’ quent appezzacat o cellular.
Na cos vulariss’.ca na dei turness’m n’drat.
Evviva u Natal.
Ada Roggio
Composta martedì 22 dicembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Sì o no

    O è sì, o è no, cos'è giusto non lo so.
    Questo mondo va in rovina.
    Degli uomini c'è poca stima.
    Tutti quanti con un gran da fare.
    Tutti dicono di ripristinare.
    Tutti vogliono prendere un accordo, tra loro nessuno è d'accordo.
    Io italiano mi sento di affogare.
    Non so proprio cosa votare.
    Il sondaggio porta la parità, alla fine chi ha più voti vincerà.
    Oh è si, oh è no una x metterò.
    Qualcosa cambierà, brutta o bella non si sa.
    Si spera nel cambiamento aspetteremo qualche decennio!
    Tasse, spese, iva, costi di gestione.
    A farne le spese siamo milioni.
    Ada Roggio
    Composta giovedì 24 novembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Festa di Halloween

      Comprano zucche di varie misure che daranno il volto a tante paure.
      Portan la zucca e in testa hanno un bel cappello, suonano al campanello,
      formula magica ricattatoria, tramandata ha fatto la storia
      "Dolcetto o scherzetto".
      Caramelle o cioccolate, lecca lecca, e grandi risate.
      Festa antichissima Irlandese, tramandata in ogni paese.
      Salutan l'estate e i raccolti, i cristiani commemorano i morti.
      Paese che vai usanza che trovi.
      In America mostri, zombi, streghe si fanno tra loro tante beghe
      Festa strumentalizzata dai bambini tanto amata.
      Ada Roggio
      Composta domenica 30 ottobre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di