Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Mo, tutt' è f'rnout.

Tengh i capidd' biench,
a salout, acchian acchian m' ste a fè nu salout A forz ind'è vrezz è frnout,
a giuvnezz è durat nu starnout.
Accom s' chembie,
accom s' stench u fisch,
preim spavald, affruntav tutt i situazioun.
Parav che n'scion m'avava affunnè.
Iosc sa ie che, acchian acchian,
m' ieghie alluntanat
da stu palcoscenicth che avav addvntat u chiù bell r'trett,
iei,  parrucchir da na veit,
è tnout na grenda passion
m' iann sempr piaciout i princp, le princpess,
i dam, i cavallir,
pighiav i libr da storie ch vedè i figour,
e sugnav a iocchie apert.
Pò m' ieghiè appassiunat  a v'dè a Disfeid,
me meis a studiè e, studie iosc, e studie duman'
a storie du  cinchcint e ched da  Disfeid m' ieghje ambarat !
Iei, cà vdav mammè sempr a fè v'steit ch' l'agh in man,
m' mttibb allor a mbarè l'ert d' cusì acchian acchian.
Ieghie accumnzat a cusì  i preim v'steit, chi cuvert vecchie,
e chi cuvert che accattav e polecch o m'rcat,
Ieghie accumnzat a criè i preim gioiell,
ch i collan ca tnav,
ier g'los assè, d' i cos' ca faciav e, c' qualche ioun mi tuccav,a fest i faciav !
È  cous nu vsteit iosc, è cous nu vsteit duman,
ieghie chesout na valengh d' vsteit ch' sti man.
I vsteit, sa ugual e quedr dpint e pittour chiù rinomat
accom a Raffaello, Pinturichio, Piero della Francesca, Botticelli, Bronzino, Domenichino.
Accuminzibb a partecpè a Disfeid, i dam indussevn i gioiell, i coprcap,quache vsteit.
Facibb i capidd chi copr cap a l'attreic',e pour e personegg du spettcul.
C' casein ca iern i preparateiv, c' fusciav a destr fusciav a s'nistr.
Chi dam s faciav na grenda fateich a ferl ugual,ch i figurent ca tnevn u ruul da protagonist avevan iess ugual accom dciav a storie.
Oh cinchcint ier d' r'gor e dam a purtè i capidd ca reigh o centr,i recchie accumghieth de capidd,sop a cap  mttevn  i retcell, gioiell ca cap,
coprcap tutt ingioiellat, feil d' perl tra i capidd,
o cudd i feil d' perl, a pell tutt incpranat, chidd cà tnevn a pell abbronzath avevan fè i popolan,
chidd cà tnevn i capidd lungh sciolt' e a vest raffnat' iern i mnenn da mareit'  chi capidd s  facevn i trecc e  mttevn  i fiour e nestr,
chidd cà tnevn i capidd lungh sciolt e purtevn na vest da quett e na leir iern i cortgian.
Prisntibb ind a gallerei du teatr Curc' "i quedr vivent" iern bell assè,
tutt sti mnenn ugual e quedr,
na fadd d' cristian accurrav a vdè
parav a vdè na procession tutt sti cristian amend da cultour.
Avibb dall'assessor a cultour" l'elogio a cultuour"
Assè manfstazion  ieghie partecpat,mò nun già fezz chiù.
Mo, tutt' è f'rnout.
D' m'stir fezz ancor a parrucchir,
tutt sti vsteit,sti gioiell, sti coprcap stann abbandunat, i voln si... ma regalat.
Nan cont quenta timp e' pers, quanta nott a cusì e a r'camè  e a n'flè curell'
e perl,e cusì a passamanarei, e poi, d' tutt i sold strutt, na n' parlam.
C' d'ceit, chiss ch vou sa  fissarei ?
Tutt cuss è nat accom a nu sciuch,
to  ca stè a legg, t'stiv a fumè na sigareth, o t' sciv a fè na pizz,
iei invec cudd timp lè strutt a fè veiv principess e dame cà preim stavn sol sop e d'pint.
A ta ianna rumanì i fotografeie e u prisc cà l'ha meis.
Ch mà ianna rumanì ch' sempr stupat.
Acchssì mor' cuntent a parucchir sognatreic' ca è dat u prisc' a stu paieis!
Ada Roggio
Composta lunedì 10 settembre 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Speranza

    Spero che domani sia un giorno migliore.
    Spero che possa apparirmi il sole.
    Spero che possa continuare a respirare.
    Spero che possa continuare a camminare,
    se non per la via per un sentiero.
    Con la dignità ed essere donna di essere fiero.
    Spero un giorno di essere capita
    prima che la mia vita sia finita.
    Spero che resti un brutto sogno,
    dei ricordi non ho bisogno.
    Spero presto di cancellare
    tutto questo immenso male
    che mi porta a naufragare
    ogni volta che devo ricordare.
    Una cosa sola spero che nel mio cuore
    torni il sereno.
    La Speranza è un bagliore
    che arriva dritto al cuore.
    Il mio io potrà finire... ma lei non potrà scomparire.
    Lascerò di me qua e la un segno.
    Così chi legge sentirà lo sdegno
    Qualcuno dopo di me ci sarà
    si chiederà un po' qua, un po' la,
    il puzzle unirà e tanta gente capirà
    quanto male fa parlare senza sapere
    puntare il dito, godere.
    Ada Roggio
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Nelle tasche, niente

      Nelle tasche, niente
      Niente
      Vite finite,
      spezzate
      Dall'avido denaro,
      ormai disperato
      Nelle tasche, niente
      Niente
      Sussurri,
      frasi che si susseguono
      Nelle mani, niente
      Niente
      Niente lavoro
      Niente da poter portare a casa
      Tutti stretti
      Le case fredde
      Le tavole vuote
      Le luci spente
      Non c'è più pane
      Nelle tasche, niente
      Niente
      Ma nel cuore tanto amore,
      con la speranza che torni il calore.
      Ada Roggio
      Composta sabato 26 dicembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        A te che mi scrivi

        Io ti ho perdonata
        Ho perdonato tutti voi
        Colpevoli di ascolto di voci
        a cui voi date adito
        Tu ricorda
        Sei donna!
        Dalla donna ha inizio la vita
        Dono
        di Dio
        Meraviglia la vita
        La senti crescere,
        vivere dentro te
        Dal primo istante
        la tua immaginazione vaga
        a quello che sarà il domani
        Mai cattivi pensieri,
        penetrano,
        tutto
        è per te,
        stupendo.
        Il devolvere della vita,
        col passaggio del tempo
        muta i tempi,
        che tu mai
        avresti immaginato
        Tu essere umano sei nato da una donna
        ti ha portato in grembo
        con amore e devozione
        Rispetta la donna,
        lei è te
        tu un giorno potresti essere lei
        che oggi giudichi con tanto fervore
        Il tuo indice puntato contro di lei
        È una lama nel suo cuore
        Che vuole riavere l'amore
        Quello che gli è stato estrapolato
        Quello incondizionato
        Di una madre che ama e ha tanto amato.
        Ada Roggio
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Figli di genitori separati, quasi sempre schierati

          Figli di genitori separati, quasi sempre schierati
          Con la convinzione di riportare l'unione
          Inconsapevoli dell'errore che porta il loro schieramento
          Dell'inabissarsi di chi viene messo in disparte
          Della maledetta solitudine
          Della morte del cuore dell'anima
          Figli di genitori separati, quasi sempre schierati
          Difficile per loro capire, non fanno altro che soffrire
          Come faranno a capire, non capiranno mai!.
          Figli di genitori separati.
          Amate entrambi i genitori non create altri dolori, nei vostri cuori
          La separazione è un tormento, affligge tutti per un lungo tempo
          Figli di genitori separati, entrambi i genitori se saranno amati
          dal vostro amore può riaffiorare tra loro l'amore
          Spalancate a entrambi le braccia al collo
          Figli di genitori separati, non sentitevi abbandonati
          l'amore resta indissolubile, indivisibile
          Sempre.
          Ada Roggio
          Composta venerdì 28 maggio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Ada Roggio

            La mamma

            La mamma la ricchezza più grande dell'uomo.
            Chi non ha la mamma si danna.
            Chi ha la mamma la condanna.
            La mamma è sempre pronta ad ascoltare,
            pronta ad aiutare,
            pronta a perdonare.
            Le braccia della mamma sono infinite.
            Lei perdona ogni tuo disprezzo a ogni suo consiglio,
            a ogni sua carezza.
            La mamma piange quando è sola,
            il suo pensiero sempre a te vola.
            La mamma è un dono per chi c'è l'ha.
            Tienila stretta a ogni età,
            la vita corre in fretta,
            ascolta il consiglio dammi retta.
            Ada Roggio
            Composta giovedì 12 maggio 2016
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Ada Roggio
              Inaccettabile, ma vero.
              Insopportabile, ma vero.
              Assente, ma nel cuore... presente.
              Donna, figlia, moglie, mamma, sorella, amica.
              Inaccettabile, ma vero.
              Insopportabile, ma vero.
              Ci vediamo presto, il tuo ultimo messaggio.
              Ma, sei andata via.
              Ti porto nel mio cuore con affetto.
              Ciao. D.
              17-12-2017.
              Ada Roggio
              Composta lunedì 18 dicembre 2017
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Ada Roggio

                Quella voce mi toccò il cuore

                Quella voce mi toccò il cuore,
                Entrò nel profondo dell'anima.
                Mi chiesi chi era.
                Ti chiesi... chi tu fossi!
                Ma nel mio cuore,
                già lo sapevo.
                Cercavo tra le tue parole
                la certezza.
                Quanti anni aspettai invano
                Non un gesto,
                mai una parola.
                Attimi fuggenti vedevo il tuo volto,
                svanivi nel nulla
                Ma ogni volta quel nodo in gola
                Dio
                E oggi ti rivedo
                E tutto è... cambiato.
                Cambiati i volti,
                ormai segnati dagli anni.
                Le mente adulta, ha preso il sopravvento.
                Un abbraccio fraterno, un sorriso, poche righe,
                anche se milioni sarebbero le parole da seguire.
                Un saluto, no! Un arrivederci,
                ad un incontro, non tanto lontano.
                Ada Roggio
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Ada Roggio

                  Rivoluzione

                  Mi chiameranno rivoluzionaria
                  beh poco importa
                  la legge in questo paese funziona a gocce
                  da nord a sud, non siamo sulla stessa terra.
                  Qui amata terra del sud, vige il commiato silenzio
                  a nord vige il commiato sotterfugio.
                  Tutti felici tutti contenti
                  tutti una banda di strafottenti.
                  Poco importa chi è a pagarne le spese
                  alla fine del mese si fa notizia sul TG
                  o su qualche quotidiano del mercoledì.
                  Nelle riviste poi sei messo in copertina
                  Se sei morto stecchito
                  non muovono manco un dito,
                  che son scemi questi !
                  Tu parli più da morta direbbero lesti
                  A dirla in breve sai che c'è
                  questo paese fa schifo anche a me.
                  Prima i soldi, poi le opinioni
                  alla fine siamo tutti un branco di...
                  Ada Roggio
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Ada Roggio

                    La dedico a te

                    La dedico a te.
                    Incuriosita adesso leggerai
                    Vuoi scoprire cosa ho da dirti?.
                    Non posso permettermi di continuare a vedere, e far finta di non aver visto.
                    Non posso permettermi di continuare a sentire, e far finta di non aver sentito.
                    Non posso permettermi di essere tanto ipocrita, al nostro incontro sorriderti ogni volta.
                    La tua è una grande carognata.
                    L'amore non si compra.
                    L'amore non s'illude, tu lo illudi.
                    L'amore non si raggira, tu lo raggiri.
                    L'amore non si beffa, tu lo beffi.
                    L'amore non si deride, tu lo deridi.
                    L'amore è finito, oh! non è mai esistito.
                    Condannato per averti incontrato, amore malato.
                    Maledetto quel giorno per lui benedetto.
                    Non so come ti senti ogni notte che vai a letto.
                    Sonnecchi ridendo sperando domani un giorno nuovo cosa darà.
                    Adesso ci sono io.
                    Accanto a me siamo tanti.
                    Per dirti togliti davanti.
                    Ada Roggio
                    Composta martedì 28 maggio 2013
                    Vota la poesia: Commenta