Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Prima o poi finirà questo tormento

Prima o poi finirà questo tormento,
questo momento,
fatto di ricordi,
pieno di errori,
pieno di lacrime,
anni amari,
anni senza... Te.
A mani vuote,
solitudine, tormento.
Oggi,
il passato è nel presente,
nel futuro,
non va via ti assicuro.
Picchia come un martello nella mia testa.
Virgole del passato riaffiorano come falce nella testa,.
dopo anni di buio,
cancellati dal tanto dolore.
Ora cerco di cancellarne le tracce che riaffiorano lentamente,
ma presto,
dopo qualche momento tutto riappare,
tutto quel dolore che sa di sale,
parole amare,
parole senza confine,
il dolore non ha mai fine.
Corro in cerca di pace,
ascolto la musica per ritrovarmi,
ma mi perdo nei ricordi,
nel tormento ogni momento.
Sorrido, al mondo.
Sorrido a me stessa.
Prima o poi finirà.
Ada Roggio
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Grazie Signore

    Grazie Signore,
    perché nel mondo ci sono persone Speciali.
    Speciali, perché infondono sicurezza.
    Speciali, perché danno importanza ai valori della vita.
    Speciali, perché riescono a... contare fino a dieci.
    Speciali, perché restano umili.
    Speciali, perché danno coraggio.
    Speciali, perché ti fanno sentire viva.
    Speciali, perché riescono a conoscerti nel profondo,
    senza averti mai incontrata.
    Speciali, perché invitano a guardarti dinanzi a uno specchio,
    e a fare quattro chiacchiere con te stessa
    e finalmente riesci a dirti "io valgo".
    Speciali, perché hanno un animo buono.
    Speciali, perché sono "Speciali".
    Grazie Signore.
    Ada Roggio
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Rifletto

      Un attimo rifletto,
      rifletto.
      Quanti danni ha realizzato il re denaro.
      E quanti ancora ne causerà
      Io non mi sto preoccupando del futuro, ma del presente
      Il presente un fiume in piena di problematiche irrisolte
      Il presente, l'oggi, il vivere così disordinatamente alla ricerca di uno spiraglio.
      Ma noi possiamo farcela, si..., possiamo farcela, solo se restiamo uniti.
      Possiamo farcela se esponiamo i nostri ideali, persone semplici come noi che non hanno denari, per comprare questo o quello per apparire. Bastano gli ideali andare in mezzo alla gente, gente come noi, gente come noi che non crede più alle favole che racconta quella gente, promesse... non mantenute, favole ormai svanite
      Denaro speso senza una giusta ragione
      Mentre la gente muore di fame
      Denaro speso nelle centrali nucleari
      La catastrofe di Fukushima che ha fatto venire i brividi a tutto il mondo
      Si poteva evitare
      Denaro speso per guerre e armamenti
      Mentre la gente muore di fame
      Animali estinti per colpa dell'uomo
      Piante estinte per colpa dell'uomo
      Tutto per colpa del re denaro.
      Mentre la gente muore di fame
      Tutto questo per rincorrere il re Denaro, non porta altro che sofferenze, malattie, dolore, invivibilità, morte, estinzione.
      Mentre c'è chi si arricchisce stando a guardare
      L'uomo disperato muore di fame.
      Ada Roggio
      Composta mercoledì 27 aprile 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Buon Anno 2014

        Tra botti,
        mille colori,
        spumanti e panettoni,
        salti di gioia,
        è festa!
        Tutti vestiti sì, eleganti
        qualcuno anche con i guanti
        il rosso colore primordiale
        tutti vogliamo brindare
        quest'anno è stato una rovina
        abbiamo perso fiducia e stima
        rivogliamo il sorriso vero
        un lavoro si
        ma non quello nero.
        Che ci sia lavoro per tutte le famiglie
        che il sorriso ritorni ma senza briglie
        vadano via i cattivi pensieri
        torniamo giovani sparvieri
        spariscano tutti gli aumenti ingiustificati.
        Torni la serenità
        la pace in quantità
        gli aumenti non si potranno pagare
        l'uomo non riesce a lavorare
        il lavoro c'è!
        Quel che si trova poco e a basso costo
        ho da sfamare i miei figli, la gente ha risposto.
        Si dimezzino gli stipendi ultra eccellenti.
        Costruiamo una nuova economia
        pagheremo tutti le tasse in allegria
        2013 sparisci fa presto
        di malori ne hai regalati a milioni.
        Fuochi d'artificio chi ce li ha
        scintille sfavillanti in quantità
        festeggiamo con poco tutti quanti
        con balli e canzoni, musica e frastuoni,
        salmone, caviale, cozze arraganate
        se non campagne, spumante, o sangria.
        Non importa come cenare o brindare
        l'importate è festeggiare
        le lenticchie non possono mancare,
        sono d'auspicio di un buon guadagno per il prossimo anno.
        Come vuole la tradizione, una fettina di zampone.
        Ora basta sono sazia di raccontare,
        voglio raggiungere gli altri e festeggiare questa notte speciale.
        Buon anno.
        Ada Roggio
        Composta sabato 28 dicembre 2013
        Vota la poesia: Commenta