Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Per le lunghe vie del camposanto

Per le lunghe vie del camposanto.
Quanti visi.
Quanti conoscevo!
Sembravano parlare dei loro affanni.
Tutti a prodigarsi ad allestire la tomba del proprio caro.
Un fiore la, un po' d'acqua qua.
Un po' di lucido alla croce
Poi pronti seduti a chiacchierare con il parente del vicino.
Attraversando lungo quelle vie,
si vi ho visto donne, uomini, bambini, di ogni età.
Chi un parente lì non ce l'ha!
Un saluto silenzioso.
Un eterno riposo.
Un crisantemo, a chi non ne ha.
Dai, fai il segno della croce papà.
Un eterno riposo.
Pulita la coscienza per aver fatto una buona azione.
Ada Roggio
Composta mercoledì 1 novembre 2006
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Grazie

    Grazie per chi mi ha amato.
    Grazie per chi mi ama.
    Grazie a quell'amore incondizionato che ogni giorno ricevo da te.
    Grazie Dio per avere io ancora oggi respiro.
    Grazie per avermi regalato la maternità.
    Grazie per la forza che ogni giorno ricevo da te
    per superare il male.
    Grazie al male che mi fa vedere quanto è più grande il bene.
    Grazie Dio che mi aiuti a sopportare le pene,
    e a dirmi mi voglio bene
    Grazie madre, sorella, padre mio.
    Un abbraccio ancora dal profondo mio.
    Grazie sole, luna, stelle
    mare, cielo
    che l'amore scenda sul male come pioggia a catinelle
    Invada i cuori di chi non sa più amare
    scompaia ogni male

    Grazie.
    Ada Roggio
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Figli

      Pensa ai genitori abbandonati,
      più fedeli di loro,
      che si farebbero morire,
      per non vedere il proprio figlio soffrire
      i genitori danno sempre amore incondizionatamente,
      ricevendo poi una telefonata, un msn.
      Buon Natale...
      Siamo spiacenti...
      ma abbiamo altri impegni.
      Oppure ti regalano i silenzi...
      Ada Roggio
      Composta giovedì 20 agosto 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Passano

        Passano le ore
        Presto lesto l'orologio va
        Le lancette mai stanche
        Segnano l'ora della vita che se ne va
        Passano le ore
        La vita ha un altro sapore
        Del passato ne fai un bagaglio
        Lo vorrei ripristinare
        Ma il tempo va via veloce
        Lo rincorro a gran voce
        Il tempo non si può fermare
        Al mio tempo un prezzo speciale
        Il prezzo del dono dell'amore
        Amo tutto quel che c'è
        Terra mare sole e te, te, te
        Amo voi che siete la mia vita
        Lo griderò a gran voce
        Finché Dio mi darà vita
        Passano le ore
        Passano, passano
        Una a una.
        Ada Roggio
        Composta martedì 12 gennaio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          La vita senza amore è...

          La vita senza amore è, aspettare che passi un altro giorno
          La vita senza amore è, non avere più sole
          La vita senza amore è, fingere al mondo di essere felici
          La vita senza amore è, la solitudine tua padrona
          La vita senza amore è, non avere nessuno al tuo fianco
          La vita senza amore è, nascondersi sotto le coperte abbracciasi al cuscino e piangere la solitudine
          La vita senza amore è, la completa solitudine
          La vita senza amore è, infilarsi la maschera della felicità
          La vita senza amore è, dire al mondo che va tutto bene
          La vita senza amore è, non avere più carezze, baci, abbracci
          La vita senza amore è, la completa disperazione dell'essere umano
          La vita senza amore è, cercare rifugio su di un foglio e scriverci i tuoi pensieri
          La vita senza amore è, aspettare l'ultimo respiro
          La vita senza amore è, sentirsi un morto che cammina
          La vita senza amore è la consapevolezza di aver vissuto cercando invano l'amore rubato dal tempo.
          Ada Roggio
          Composta lunedì 31 maggio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Ada Roggio

            Amen

            Amò la vita.
            Non fu capita.
            Si chiuse nel suo mondo.
            Gridò al mondo, la verità infinita
            Silenzio... Silenzio...
            Silenzio fu.
            Si chiuse nel suo mondo.
            Amò tutti, perdonò.
            Dal silenzio lei costruì
            la "favola".
            Per continuare a vivere,
            per continuare ad amare i figli, il suo principe.
            La principessa sognatrice
            Amen.
            Ada Roggio
            Composta domenica 28 novembre 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Ada Roggio

              Oggi ho tanta voglia

              Oggi ho tanta voglia di scriverti
              Sento il bisogno di parlare con te
              Passo tutti giorni dalla tua casa e mando a te il mio saluto
              Oggi la tua casa era aperta, lentamente ho varcato la soglia
              Sono entrata, mi sono sentita svuotata
              Un brivido mi ha attraversato lungo la schiena
              Ti ho salutato in silenzio
              E nel gran silenzio del primo mattino sono andata via
              Lungo la strada rivolgevo a te il mio pensiero
              Nell'assoluta solitudine vagando col passato
              Ormai imperterrito affiora, avvolgendomi senza darmi scampo di via d'uscita
              Nulla da pace ai miei pensieri
              Infilo la maschera del sorriso quotidianamente
              Ma a sera quando torno a casa
              Mi assale l'amica solitudine
              Potrei avere milioni d'anime amiche,
              ma...
              Un amico mi tiene la mano, ma la sua mano non è, le mani che vorrei
              Che il mio cuore affannosamente vuole
              Allora mi tuffo lì, si, ogni sera mi tuffo, per non sentire quel dolore penetrante
              Quel dolore entrato nell'anima
              Con la mente ormai annebbiata
              M'infilo sotto le lenzuola
              Abbraccio i pensieri di ieri, sempre ricorrenti
              Piccole gocce salate bagnano i solchi del mio viso
              Porto in alto a te il mio pensiero
              Domandandoti ogni volta lo stesso...
              Perché!
              Perché!
              Perché l'uomo non mette fine ai suoi mille pensieri cattivi
              Perché! Dio tutto questo è capitato a me.
              Ada Roggio
              Composta mercoledì 4 agosto 2010
              Vota la poesia: Commenta