Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio

Nipotino

Strano!
Stamane non c'è sole,
ma nel mio cuore è apparso un bagliore
Mi son vista un attimino
con in braccio il tuo bambino
Bello! Lo tenevo stretto, stretto,
Occhi azzurri,
capelli neri,
per me la principessa
non dirmi perché!
Sento dentro di me che sarà donna
non ho fatto il patto con la cicogna.
Lo sento è basta,
se poi è un principino,
sarà un bellissimo bambino.
Adesso dentro te cresce,
ogni giorno per te è una festa,
mal di pancia
mal di testa.
Ora devi ancora cominciare
la vetta che dovrai scalare.
Ma in alto un regalo c'è
un bellissimo bebè
anno vecchio vai presto via
l'anno nuovo deve cominciare
i mesi devono scappare
in tutta fretta
il mio principino devo abbracciare
tante favole gli devo raccontare.
Ada Roggio
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio

    Appello ai figli di tutte le Mamme del mondo

    Appello ai figli di tutte le Mamme del mondo
    Nessun figlio vorrebbe essere figlio di separati
    Nessuno uomo o donna,
    vorrebbe separarsi
    Ma quando questo avviene, nulla nasce dall'oggi al domani
    è una crepa del vaso,
    che piano piano affonda sempre più
    Figli! Non guardate la fine della storia,
    del dolore che ha provocato l'ultimo periodo.
    Cercate tra i ricordi repressi
    le liti, i momenti bui, i momenti in cui vostra madre si è annullata e per non farvi spaventare si è scrollata di dosso il fardello sorridendovi, sorridendo anche a chi le alzava la mano
    Facendo capire a tutti e al mondo che era felice, nascondendo la verità per non ferire
    Rifugiandosi nel vostro letto fino ad addormentarsi,
    perché il vostro bacio la vostra carezza era la medicina migliore per la sua guarigione
    Quando si va a pranzo si giudica tutto il menù
    si comincia dall'antipasto
    per finire al caffè
    Allora giudicate tutta la vostra infanzia fino al punto x
    La parte finale è la peggiore
    Nessuna mamma vorrebbe morire senza aver avuto l'abbraccio del proprio figlio.
    Ada Roggio
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio

      Grazie Dio

      Grazie Dio per avermi dato la vita
      Grazie Dio per avermi dato la mamma
      Grazie Dio per avermi dato la famiglia
      Grazie Dio per avermi dato la maternità
      Grazie Dio per avermi dato i figli
      Grazie Dio per avermi fatto sentire il nome mamma
      Grazie Dio per avermi dato la forza
      Grazie Dio per avermi regalato il dono dell'abilità
      Grazie Dio per avermi dato il coraggio
      Grazie Dio per avermi dato la forza di vivere
      Grazie Dio per avermi dato la forza di sopravvivere
      Grazie Dio per avermi dato tanto
      Grazie Dio per avermi dato tutto
      Grazie Dio per avermi fatto sentire oggi il tuo regalo che è la mia vita.
      Ada Roggio
      Composta giovedì 18 giugno 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Ada Roggio

        Al mio Angelo

        Ma gli angeli esistono?... Angelo
        Chissà se è vero che esistono gli Angeli!...
        Io l'ho conosciuto,
        lungo il percorso della mia vita si è fermato lungo il mio cammino,
        dandomi una mano,
        io cadendo, egli mi ha porto la mano,
        facendomi rialzare,
        una mano sicura, ferma, decisa,
        consapevole che ero caduta li e non avrei avuto via di scampo
        Poi pian piano
        la risalita
        mano nella mano
        però una mano invisibile,
        si poneva, si pone,
        dinanzi a me in varie sembianze
        senza mai apparire
        lasciandomi vivere la mia vita
        ma guidandomi sulla retta via
        L'Angelo non è sempre presente,
        ma sa quando apparire
        è un Angelo
        e gli Angeli sono tutto questo.
        Ada Roggio
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Ada Roggio

          Ho paura

          Si, ho paura
          Paura
          Di non sentire mai più il vostro profumo
          Di non sentire mai più buon giorno
          Di non sentire mai più buon appetito
          Di non sentire mai più buona notte
          Paura
          Di non guidare il vostro cammino
          Di non essere più presente nel domani
          Di non sopportare più questo tormento
          Paura
          Di non potervi più vedere crescere
          Di non potervi più dire mille Auguri
          Di non potervi più dire Buon Natale
          Paura
          Che la paura mi porti ad aprire le braccia,
          abbrcciare l'immenso niente
          chiudere gli occhi credere di avervi tra le mie braccia e lasciarmi cadere, e portare con me il ricordo e il mio immenso dolore.
          Ada Roggio
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Ada Roggio

            Lettera

            Caro, cari.
            Credo sia giunta l'ora
            Auguro a voi tutti,
            tutto il bene,
            tutto l'amore
            Non voglio più
            elemosinare amore
            l'odio, la cattiveria
            sono un boomerang
            ti ritornano contro sai
            Spero che a voi,
            non succeda mai
            Spero di non essere più in vita
            se questo ha in riserbo la vita
            Così la facciamo per tutti una volta
            Finita.
            Ada Roggio
            Composta sabato 6 giugno 2009
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Ada Roggio

              Il mare

              Il mare
              mi piace il mare
              bello, maestoso.
              Azzurro, sfumato.
              A volte schiumoso ondeggiante.
              A volte calmo e trasparente.
              Mi piace il mare.
              Scoprirne le sue ricchezze.
              Toccare con mano gli scogli
              mi piace il mare
              mi lascio accarezzare dalle onde del mare.
              Mi piace il mare
              sedermi sulla sabbia guardare il cielo,
              e se in alto vi è un gabbiano,
              be,
              un giorno tornerò
              vestita di sole piume,
              quel gabbiano sono io.
              Ada Roggio
              Composta sabato 3 agosto 2013
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Ada Roggio

                Le cartellate

                Presto bambini,
                presto, presto.
                In cucina una magica atmosfera.
                Il ricettario della nonna, oggi in cucina è gran festa.
                Farina, vino bianco, zucchero vanillina,
                ecco la mamma stendere l'impasto,
                forma tante striscioline unite a fiocchetti,
                dai su bambini facciamo presto, le cartellate.
                Passate nell'olio bollente, poi riposte nel vin cotto caldo.
                Delizia, che profumo.
                Tutte riposte in un vassoio,
                luccicanti,
                profumo Natalizio.
                Rievocate dalla mamma
                le cartellate della nonna.
                Profumo di un tempo.
                Ada Roggio
                Composta domenica 23 novembre 2014
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Ada Roggio

                  Lei è mia

                  Lei è mia
                  Anche se non sono nata in questa terra,
                  lei è mia.
                  Anche se sono nata in terra straniera,
                  questa terra è mia.
                  Ho respirato la terra straniera,
                  nei miei primi anni di vita ho parlato la lingua straniera,
                  ho condiviso i primi giochi nella terra straniera,
                  ho gioito in terra straniera.
                  Poi un giorno ho preso il treno,
                  tutto quello che credevo mio,
                  la mia casa,
                  la mia amica d'infanzia,
                  le montagne, il fiume, la neve,
                  scomparivano piano piano,
                  mentre calde lacrime scendevano sul mio viso.
                  Un lungo viaggio per arrivare nella terra mia.
                  Terra mia, calda, assolata, ricca di sorrisi, di un mare cristallino,
                  ricca di affetti, di alberi fioriti, lei è mia.
                  In questo meraviglioso cielo un uccellino cinguetta,
                  la mia terra Barletta.
                  Ada Roggio
                  Composta giovedì 12 febbraio 2015
                  Vota la poesia: Commenta