Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Enzo Di Maio

Un attimo di me

Un attimo di me
lo dono solo a te
che mi fai sentire vivo
in mezzo a tanta gente
dove cammino, respiro, sento
ma quasi invisibile, come assente
gli occhi, sai, sono comandati dalla mente
e spesso si specchiano di passato,
ignorano il presente

Io vivo nel mio regno
quattro mura dove non ho finestre
vi ho appeso solo quadri
immagini di tempi assenti

Ma non per me, che li ho presenti
che sono ancora l'oggi
che saranno anche il domani
finché qualcuno mi dirà:
"vieni, oramai è inutile che rimani"
Enzo Di Maio
Composta sabato 24 novembre 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Di Maio

    La tua Italia

    Non prendertela per questa Italia
    l'Italia che cade a pezzi
    l'Italia che trabocca di vizi

    Non prendertela per questa Italia
    l'Italia dell'acqua pura delle sorgenti
    l'Italia dell'acqua impura delle tangenti

    Non prendertela per questa Italia
    l'Italia che non ti dà futuro
    l'Italia che è solo un punto oscuro

    Non prendertela per questa Italia
    l'Italia che ti ruba casa e non se ne dà pensiero
    l'Italia che il tuo bene lo consegna allo straniero

    Non prendertela per questa Italia
    l'Italia della mafia e del delitto
    l'Italia che ti nega ogni diritto

    Non prendetela per questa Italia
    l'Italia del governo ladro patentato
    l'Italia del governo che hai votato

    Non prendertela con questa Italia
    l'Italia è come tu hai voluto
    l'Italia ti ripaga per quanto ti è dovuto.
    Enzo Di Maio
    Composta domenica 23 settembre 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Enzo Di Maio

      M'hanno detto che sò morto

      M'hanno detto che sò morto
      e che cazzo
      manco me ne so accorto

      Comunque, pure che fosse, n've preoccupate
      vado e torno
      lassù m'annoierei senza ragioni
      eppoi so nato a precise condizioni

      quanno m'ha creato er padr'eterno ha sentenziato
      "a ragazzì va giù e nun sentì ragioni
      a tutti eternamente devi rompe li cojoni

      E quindi, fedele a sto mandato
      vado, busso e a chi aprirà er cancello je dirò
      " a bello vedi de nun fa er fetente,
      rimannime laggiù e impara bene l'itaggliano
      eternamente vò di pe sempre
      arichiama l'ascensore e nun te inventà niente.
      Enzo Di Maio
      Composta domenica 20 maggio 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Enzo Di Maio

        Che Ferrari che è la vita

        Son passati mesi ed anni
        son passati ore e giorni
        che Ferrari che è la vita
        inizi il viaggio ed è già finita

        E gli auguri che ti fanno
        quando arriva un nuovo anno
        non son certo un gran sollazzo
        ma ti rompono un po il cazzo

        Nello specchio che ho vicino
        mi ci vedo ragazzino
        forse è quello della strega
        che ti illude e poi ti frega

        Sento il sole sulla pelle
        di un estate che è infinita
        ma poi apri la finestra
        e di fuori è pieno inverno

        Che Ferrari che è la vita
        Che Ferrari che è la vita.
        Enzo Di Maio
        Composta martedì 13 febbraio 2018
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Enzo Di Maio

          Natale Citavecchiese

          Che sarà ,che sarà
          qui er Natale nun ce sta'
          dalla marina alla collina
          nun brilla nimmanco na lampadina.

          Pero' c'avemo la Befana
          che nun vie' na vorta all'anno
          ma ogni giorno qui fa danno
          e c'è rompe le cojone
          co sto cazzo de carbone .

          Che sarà, che sarà
          quest' anno s'e' pure superata
          e pe allarga' li doni al comprensorio
          t'ha portato puro er forno crematorio

          Che sarà ,che sarà
          mo co chi te la voi pia'
          l'hai votato e l'hai voluto
          er grillo è insetto strano
          ed è pure risaputo
          te incanta cor cri cri
          ma è come l'ucello padulo
          na vorta che t'entra dentro casa
          te lo tenghe e te la pje n'derculo.
          Enzo Di Maio
          Composta giovedì 22 dicembre 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Enzo Di Maio

            Io

            Io che sono chi non vorrei essere
            io che penso
            io che vedo
            io che sono deluso
            io che a volte piango
            io che mi pongo tante domande
            io che non so darmi mai risposte
            io che vivo in un mondo sporco
            io che osservo l'uomo uccidere l'uomo
            io che ascolto che è per volere di un qualche Dio
            io che alzo sempre gli occhi al fumo perché non c'è più cielo
            io che sono stanco
            io che cerco solo pace, silenzio, riposo
            io che vorrei tanto essere te,
            fortunato amico mio,
            che sempre ridi, che ti sta bene tutto
            che non annaffi l'orto perché domani forse piove
            che ti lasci fare un culo come un mazzo
            che non apri mai bocca per dire basta
            e sei la prova di quanto in fondo bello sia, quasi poesia
            vivere questo sporco mondo con la tua prerogativa,
            quella di non capire un beneamato cazzo.
            Enzo Di Maio
            Composta sabato 23 aprile 2016
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Enzo Di Maio

              Questo mondo

              Questo mondo ti rende sporco,
              ti senti come naufrago,
              solo, sperduto,
              ricoperto di salsedine
              La tua pelle brucia
              sotto un sole cattivo ed inclemente
              Vorresti urlare ma la gola è arsa
              e poi nessuno c'è che sente
              Inutilmente speri in Dio,
              che almeno lui sia clemente
              e da lassù ti faccia un dono,
              solo un poco di acqua pura
              che spenga la tua sete,
              che purifichi il tuo corpo,
              che ti illumini la mente,
              che ti renda diverso,
              che ti mondi e per sempre ti preservi
              dal fetore che emana tanta brutta gente.
              Enzo Di Maio
              Composta lunedì 11 aprile 2016
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Enzo Di Maio

                Natale adera solo ieri

                È già stasera tutto tornerà normale
                ce magneremo l'ultimo biscottino,
                domani apriremo la porta ar solito casino,
                guarderemo dentro er portafojo
                e lo troveremo desolatamente spojo.
                Cazzo come è lontano er prossimo Natale,
                come dicheno li vecchi
                "semo arivati alle lucentine
                e sò finete le feste e le quatrine".
                E che pena me fa sto poro arberello
                a pensà che fino a ieri je dicevamo
                "ammazza quanto è bello"
                Tantò mbrillantato che sembrava sua maestà
                e adesso adè na tristezza vedello là
                buttato e pure in malo modo
                dentro un secchio de monnezza
                senza più gloria e co tanta amarezza.
                Enzo Di Maio
                Composta domenica 3 gennaio 2016
                Vota la poesia: Commenta