Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Michele Acanfora

Nato venerdì 23 settembre 1983 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Michele Acanfora

‘A famiglia

'A famiglia è bella quanno tutti stanno nzieme, no sulo pè fà nummero o pè abitudine, ma pè se trasmetterè o bbene è a pace...
'A famiglia è bella quanno tutt'song'eugale, no quanno ce stanno figli e figliastri...
Quanno tuttì nzieme so pront'a da "na mano a chi sta cchiù scamazzat.
Fosse tropp'bell'sì na famiglia rimanesse sempe comm'era dint" a fancullezza...
Addò nun esistevano sang'estraneo... Addo"à nisciuno se permettevà e mettere legge.
'A famiglia è'o core dà società, e adda rimanè sempe bella e doce comm'à nu babbà.
Michele Acanfora
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Michele Acanfora

    Murzillo mio

    Murzillo mio,
    nuje ca ce spartimmò o suonno è a fantasia, rimanenno sempe nzieme, miez "a tempesta e quanno ce stà o sole...
    Nuje ca tra nu pizzeco è na carezza, jammo annanze cu mille incertezze, sempe astritte core e core...
    Ricuordatello ca tu pe me sì statà nu raggiò e sole miez'o scuro dà tristezza e dà pecuntria: si" a mmericin dò core mio, quanno è affranto e sofferente.
    Continuamm'a fa danzà chisti duje core, cà pè tramente s'appiccicano poi fanno pace...
    Nun damme arett'o male e a tendenza dò mument: facimme parlà l'aneme nuoste, ca sanno assapurà sulo l'essenza...
    Murzillo mio, sì cchiù doce dò doce: sì a vera bellezza... chella dò core.
    M'arraccumanno, continua a me fa luce miez "a tutt'chistu scuro, e nun te scurdà cà si" o murzillo cchiù sapurito ca ce stà.
    Michele Acanfora
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Michele Acanfora

      Quanno veco a te

      Quanno veco a te me passa tutt'cos'...
      Cu chill'uocchie doci, cu chella vucchellà e rosa, me fai passà'o ngazzamient'e a collera.
      Quanno veco a te, me scord "e l'ingiustizià e chesta società: sì na ricarica pè o core...
      Che poter tene l'ammore... Che granda forza teneno duje corè nnammurate.
      'O Signore m'ha fattò nu grand'regalo, a me fa incuntrà cu te, facenneme assapurà'o doce e l'amaro.
      Quanno veco a te, l'uocchie mie brillano: sì bell'comm'a na rosà e maggio...
      Sì nu murzillo doce e sapurito...
      Quanno veco a te, vecò a parte bell'd" o munno ca ce stà, ca me da sempè a forzà e tirà'a campà.
      Michele Acanfora
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Michele Acanfora

        ‘O cane

        ‘O cane è ‘o meglio cumpagno nuoste….
        Nun ce abbandona all’improvviso, comm’ fanno l’uommn;
        Nun se ne fotte si tien ‘e sord, ‘o potere e ‘a cassaforte: s’accuntenta do’ bbene e da’ presenza.
        Te sta vicino dint’ ‘o bbene e dint’ ‘o male: è carnale, è fedele, è ‘o ver’ amico…
        Quanno te guarda cu’ chill’ uocchie doci, t’accarezza l’anema, comm’ a pochi sanno fa.
        Dint’ a nu’ munno chino ‘e crudeltà, nu’ cumpagno bbuono, è ‘a cosa cchiù bella ca ce stà.
        Michele Acanfora
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Michele Acanfora

          ‘A gelusia

          ‘A gelusia cchiù fort ‘a tene proprio chi cchiù nun l’essa tenè…
          Chi mentre te fa na resata, poi ‘nguorpo va’ ‘nfrev si tu brill.
          So pochi chill’ ca sperano ca tu tuocc ‘e stelle, sapenno ca loro so’ rimasti co culo ‘nterra.
          È brutt’ a dicere , ma so’ sempe cchiù a gente estranea a te da’ cchiù soddisfazione…
          Quanno cchiù te so’ stritt ‘e parentala, e meno te fanno ‘a carezza e l’opera ‘e bbene.
          Comm’ fosse bell’ nu’ munno senza gelusia; nu munno addò ognuno vulesse ‘o bbene ‘e l’at…
          Addò cammenassemo tutt’ quant’ mane e mane, comm’ ‘a veri frat’ ca si spartesseno ‘o suonno e ‘a fantasia.
          Michele Acanfora
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Michele Acanfora

            Datt’ 'na mossa

            Datt’ 'na mossa ca ‘a vita è ‘nu muorzo, e chell’ ca' può fa oggi, dimane nun ‘o può fa.
            Nun perdere tiempo, pecchè ‘o tiempo è denaro.
            Ricordate ca ‘a vita nun t’aspetta, continua a scorrere pure senza ‘e te.
            Nun te fa chiovere ‘nguoll, guardanno ‘a vita ‘e l’àt da ‘a fenesta, comm’ a ‘nu spettatore falluto.
            Si’ tu ‘o protagonista da vita toia! Nun dà retta ‘e chiacchiere, ‘a mmiria e ‘a gelosia…
            Si’ comm’ a nu fiore miez’ a tanti spine... E nun te scurdà ‘e fa’ sempe ‘o bbene, pecchè chell’ ca dai te ritorna.
            Puort’ a cumpiment’ ‘a missione ca ‘o Signore t’ha mannat’, danno ‘nu vero senz’ a chesta vita ca è ‘nu muorzo.
            Michele Acanfora
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Michele Acanfora

              Cchiù forte da malasciorta

              Pure quanno pare ca’ va tutt’ stuorto, quanno pienze ca tutt’ 'e problemi è tiene tu, quanno chi t'avessa da 'a forza, te fernesce 'e scarrupa'…
              Proprio dint'a chisti mument’ nun ‘e mulla'.
              ‘O saccio, 'a tristezza ca pruove è tropp’ assaje, ma tu truov ‘a forza pe' fa schiatta' 'a malasciorta.
              Nun perdere ‘o surriso; nun te fa’ abbattere a chi è funesto…
              Guard’ a chi porta ‘a luce e 'o surriso…chi cu tutt' ‘e problemi ca tene, continua ‘a fa 'o bbene e porta l'alleria. Percio', m'arraccumanno, nun te ferma: cammina dint' ’o bbene, e quanno vene ‘a malasciorta, fatte 'na risata e falla asci' a chell'ata porta.
              Michele Acanfora
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Michele Acanfora

                ‘O padrone ricco ma perocchio

                Tu ca’ te faje ‘e sorde ncopp ‘o sang ‘e chi fatica pe’ te,
                ca’ te vere tutt’ ‘e vote ca’ t’abbuff e t’arricchisc’,
                miettatell ‘a mano ncopp’ ‘a cuscienza.
                Nun te scurda’ ca’ ‘a morte vene pure pe’ te,
                e ca’ ‘o taut’ nun è tene ‘e sacche.
                Perciò, chisti sorde ca’ te fanno sentì ‘o padrone ‘e tutt’cos’,
                dalli ‘a chi nun tene niente...
                ‘A chi è povero ‘e denare ma è ricco ‘e core.
                Michele Acanfora
                Vota la poesia: Commenta