Ragazzi degli annì 90

Prole di un millennio vecchiardo estinto,
l'ultima luce di una stella esplosa,
pennellate in maestoso dipinto,
nettare di narciso, viola e rosa,

sulle spalle un carico di nostri avi,
tra delitti e scoperte, naufraghiamo,
sepolti da queste massicce travi,
una via di scampo non troviamo,

condizione di perenne agonia,
scegliam di vivere in questo mondo,
'terna lotta fra Davide e Golia;
gioisci in tal vita e sii giocondo,

che malessere e morte a questo punto,
miran te finché non sarai defunto.
Anonimo
Composta domenica 12 novembre 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Danza di Venere
    Questa notte ti ho baciata ed eri bellissima,
    prima un bagliore poi la magia, sei apparsa
    avvolta dall'ambrato colore della tua pelle,
    ti ho toccata, ti ho abbracciata ero lì in piedi
    ipnotizzato dal verde dei tuoi occhi non vedevo altra forma,
    ricordo il bianco della camicia, il rosso delle tue labbra,
    superficiale sapere in quale parte del mondo fossimo,
    in quel momento dovevo essere li, volevo essere li,
    abbiamo parlato, riso, scherzato e poi il silenzio,
    quel silenzio occhi negli occhi, mano sulla schiena
    avvicino il tuo corpo, il tuo profumo, la tua pelle,
    mi brucio è caldo il sole, ma non dimenticherò quel bacio.
    Anonimo
    Composta giovedì 9 novembre 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Myškin

      Limbo

      La passione di altri
      ci ritrova così
      due anime ora pallide
      stanche e accondiscendenti
      sfumiamo via
      restando rappresi
      sulle foglie di alberi
      poco distanti.
      Il nostro viaggio non ha più una testa
      e si può andare
      anche da nessuna parte,
      perché a fermarsi non è nessuno.
      Qualcosa si compie
      incessantemente,
      e ogni sosta è un'uscita di strada,
      in cui ancora fatichiamo a rientrare,
      tu rinchiusa in un bagno,
      io nello sfratto del tempo
      che gli altri dormono.
      E nei momenti in cui brilliamo
      non c'è più nessuno a guardare.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di