Scritta da: Danza di Venere

E poi...

Nel timore di turbarti,
non posso fare altro che ringraziarti,
per ogni sorriso donato,
un giorno migliore mi hai regalato,
fisso il cielo e lo dipingo di verde,
attento cerco l'infinito sperando di vederti,
ma da giorno a sera cambia solo il calore,
cerco ancora un modo per abbracciarti,
ma consapevole della realtà mi basta saperti,
rassegnazione? No mai, nel mio mondo non si dice,
è la via per essere sicuro che tu sia felice.
Anonimo
Composta lunedì 20 marzo 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Danza di Venere
    Ci sono linee che rimangono nascoste ai poco attenti,
    in queste si nascondono sentimenti al quale non riusciamo a rinunciare,
    osservo il tuo volto in una tua foto,
    ed imbambolato da quegli occhi, non stacco per un attimo lo sguardo,
    eccoti qua penso, splendida come un vulcano in eruzione,
    come una colonna di cenere che sovrasta un vulcano,
    come una colonna di passione che sostiene l'universo,
    ho imparato che al cuore si suggerisce con delicatezza,
    quindi nel silenzio dei nostri sguardi... sai già cosa ho detto!
    Fa male ed è difficile da mandar giù... ma sai in fondo in fondo anche se il sole brucia,
    c'è sempre un buon motivo per sorridere e molte volte il motivo è nascosto propri li,
    basta saper osservare!
    Anonimo
    Composta venerdì 17 marzo 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Danza di Venere

      Per sempre

      Buongiorno sono i tuoi occhi,
      ammiro incantato non sono solo ricordi,
      non andranno mai via e si rinnoveranno,
      ogni mattino al risveglio controllerò il loro animo,
      ti segna ed è per sempre,
      la vicinanza a l'anima regge,
      forte ed eterna ci protegge,
      da ciò che di esterno ci colpisce,
      a difesa di un sincero ma alquanto
      complesso,
      sentimento profondo nei nostri occhi riflesso.
      Anonimo
      Composta venerdì 17 marzo 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Danza di Venere

        Ardo ancora

        Arsi, ardo e ardirò,
        ardita fiamma no, non la spegnerò,
        è lì beata protetta da un cuore,
        bussa una volta e verrò ad aprire.

        Ti dedico uno spazio,
        e lo lascio tutto per te,
        non è un caso il tuo incontro,
        ma capisco e rimani speciale.

        Evidente ai miei occhi il tuo non approfittare,
        motivo per cui mi riservo di amare,
        il sole splende alimentandosi della tua bellezza,
        i'irradia il mio volto condividendo parte di questa.
        Anonimo
        Composta giovedì 16 marzo 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Danza di Venere
          Fortuito fortunato incontro del pranzo,
          anche oggi baciati dal sole nei primi di marzo,
          sorridendo con le guance sollevi gli occhiali,
          portando il mio umore dalle ande alle alpi,
          in un batter d'occhio mi doni delle ali che in pochi istanti,
          mi portano in giro per il mondo superando il record degli innamorati,
          convengo sul ti vedo ma non ti guardo mangiare,
          sappi che un piatto di pasta è poco se ti vuoi allenare,
          starei ore e forse poi sarebbe per te un problema,
          essere osservati consumando un primo,
          e sentirsi ricordare dalla signora infastidita, la pasta l'hai mangiata?
          Il sole la scalda, è la tua risposta, e comunque ho gradito,
          un discorso infinito,
          sulle tue labbra il mio dito,
          a cercare il tuo corpo,
          e baciarti per ogni sorriso.
          Anonimo
          Composta martedì 14 marzo 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di