Scritta da: Danza di Venere

Sei un dono

Sei un dono perché quando sorridi,
le tue labbra disegnano splendidi orizzonti,

Sei un dono perché quando parli,
è melodico il suono della tua voce,

Sei un dono al quale non riesco a rinunciare,
Perché è di passione che è fatto il tuo cuore,

Sei un dono perché anche se mi fissi in silenzio,
Nel tuo volto percepisco ogni piccola espressione,

Sei un dono quando ti muovi,
ammiro in silenzio la tua eleganza apprezzando ogni forma da te disegnata,

Sei un dono quando finalmente posso rivederti,
Perché sta un attimo per riempire il vuoto che si crea,

Sei un dono al quale mi sono legato o forse lo sono sempre stato.
Anonimo
Composta martedì 7 marzo 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: the comediant

    Come faccio...

    Come faccio a rivivere giorni che non mi appartengono,
    dove non fa male osservare il sole,
    se non ho le armi che servono,
    ma solo una penna e delle parole;
    sono stufo di cercarle per qualcosa da sentire,
    che farebbe di me un inutile osservatore,
    senza speranza di lode ne possibilità di capire,
    forse guida? Forse errore?
    Anonimo
    Composta giovedì 29 maggio 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Danza di Venere

      13 gennaio

      Come faccio a non immaginarti,
      tu che elegante danzi nei miei sogni,
      a tratti sei distante a tratti ti ho davanti,
      splendida come sempre unica fra tanti,
      non posso fare a meno del tuo profumo,
      inebriante dona al mio olfatto un attimo di te,
      non dimentico il sapore di un viso delicato appena sfiorato,
      un bacio di sfuggita è ciò che rimane dopo un ora con te,
      scusandomi per l'accortezza tra le mie dita lascio scorrere i tuoi capelli,
      unico momento a corta distanza in cui ti sento accanto,
      quel giorno mi è bastato un attimo per capire cosa sento,
      e ti voglio bene non è la prima parola che avrei voluto dirti.
      Anonimo
      Composta domenica 5 marzo 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Danza di Venere
        Dove andrò non ci saranno rumori,
        Dove andrò avrò molto spazio,
        ma dovrò dedicare ogni mio sforzo ad un sogno,
        Dove andrò ci sarà il sole e sarò immerso nel mondo,
        Dove andrò ci sarà quanto di più bello si possa immaginare,
        Dove andrò non ci sarà ciò che vorrei ci fosse,
        Dove andrò ti porterò nei pensieri e ti dedicherò ogni attimo del mio riposo.
        Anonimo
        Composta venerdì 3 marzo 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Danza di Venere

          Vorrei

          Di che colore è il tuo mondo?
          Che suono hanno i tuoi sogni?
          La notte oltre a dormire sul fianco,
          perché pancia in su pensi, quali sensazioni percepisci?
          Come sei la mattina quando ti svegli?
          Con quale piede preferisci scendere dal letto?
          Quale canzone ti piace ascoltare appena sveglia?
          Cosa guardi mentre cucini?
          Il volume del televisore invece?
          Come sei quando guidi,
          pilota di formula 1 oppure spaventata dai precedenza a tutti?

          La realtà è che vorrei poterti vivere nel quotidiano,
          vederti forte nella tua esile corporatura,
          rivederti ogni giorno, ridere e rivivere le stesse emozioni,
          ti vorrei, si semplicemente ti vorrei.
          Anonimo
          Composta sabato 4 marzo 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di