Scritta da: Randle
in Poesie (Poesie vernacolari)

La Rassegnazione

Er cortiletto chiuso
nun serve a nessun uso.
Dar giorno che li frati della Morte
se presero er convento, hanno murato
le finestre e le porte:
e er cortile rimase abbandonato.
Se c'entra un gatto, ammalappena è entrato
se guarda intorno e subbito risorte.
Tra er muschio verde e er vellutello giallo
ancora s'intravede una Fontana
piena d'acqua piovana
che nun se move mai: come un cristallo.
O tutt'ar più s'increspa
quannno la sera, verso na cert'ora,
se sente stuzzicà da quarche vespa
o da quarche zampana che la sfiora.
Pare che in quer momento
je passi come un brivido: un gricciore
su la pelle d'argento.
Eppure sta Fontana anticamente
se faceva riempì da un Mascherone
che vommitava l'acqua de sorgente:
un'acqua chiara, fresca, trasparente,
che usciva còr fruscìo d'una canzone
e se la scialacquava allegramente.
Dar giorno che nun butta,
er vecchio Mascherone s'è avvilito:
forse je seccherà d'esse finito
còr naso rotto e cò la bocca asciutta.
Perché de tanto in tanto
guarda sott'occhio la Fontana amica
e pare che je dica:
- Nun m'aricordo più se ho riso o pianto.
T'ho dato tutto quello ch'ho potuto,
fino all'urtima goccia c'hai bevuto
pe' la felicità de statte accanto! -
Ma la Fontana è sorda:
nun pensa, nun ricorda...
Resta tranquillamente a braccia aperte
e ancora se diverte
cò quer po' de sussidio che riceve
da la pioggia che casca e certe vorte
perfino della neve...
e manco fa più caso
ar vecchio Mscherone senza naso.
Composta venerdì 11 maggio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: molly62
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Roma

    Roma ma come te sei conciata,
    Prima eri nà gran signora,
    oggi me pari nà stracciona,
    manco più li poeti te canteno,
    manco pù li romani te ameno.
    Oh mach'é successo?
    Tutta zozza, nun te riconosco più,
    e si ch'eri 'na regina,
    li pittori faceveno a gara per pitturatte,
    c'avevi er tevere pe' cintura,
    ora me sembra 'na corda de catrame;
    Manco più er ponentino profuma.
    Povera Roma mia come t'avemo ridotta,
    t'avemo tolto puro la voce,
    quella voce che ce cantava 'na serenata,
    t'avemo tolto pure l'odore de li fiori,
    la risata allegra der fiume.
    Come te se po' scordà Roma, roma mia de nà vorta,
    eppure la sera in mezzo a li vicoli, sotto quelle stelle
    che te illumineno, io te ritrovo,
    perché un core 'nnamorato non te vede 'na stracciona,
    ma te vede ancora 'na gran signora.
    Composta mercoledì 25 aprile 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      La brocca cretta

      La brocca cretta

      'Na volta, n'a brocca nova
      s' cumprava al m'rcat'
      'ndò anch' adè s' trova
      qualcò ch' n' va spr'cat'.

      Anch'io 'n giorn' ho cumprat'
      'na bella brocca p'r l'uliva
      che po' a casa ho pr'parat'
      com' nonna la cundiva.

      C (i)'ho mess' 'l sal' e i spicchi d'aj
      'l finocchi e qualca scorza
      d' m'rarancia, e dop' dai,
      a muscinalla, p'rò a forza

      d' pialla su e po' d' sbatt',
      vag (h) 'n spigul' a intuppà.
      Ho rott' la brocca e 'l dann' è fatt',
      s' n' foss' 'l nonn' a rim'dià.

      E l'op'ra sua è sempr' pronta,
      par' 'n chirurg (h) o 'n calzular';
      sal fil' d' ferr' e sa 'na ponta,
      ogni pezz' ha armess' al par'.

      Aculmò ma no' è s'rvita
      e tanti anni adup'rata;
      la brocca cretta e arcugita
      nun l'avem' più gambiata.

      Traduzione:
      Una brocca incrinata
      Una volta, una brocca nuova
      si comprava al mercato,
      dove anche adesso si trova
      qualcosa che non va sprecato.
      Oggi anch'io ho comperato
      una bella brocca per l'oliva
      Oggi anch'io ho comperato
      una bella brocca per l'oliva
      che poi a casa ho preparato
      come nonna la condiva.
      Ci ho messo il sale e gli spicchi d'aglio,
      il finocchio e qualche buccia
      d'arancia e dopo dagli
      a mescolarla, però a forza
      di prenderla su e poi di sbattere,
      uno spigolo sono andato a intoppare.
      Ho rotto la brocca e il danno è fatto,
      se non fosse il nonno a rimediare.
      E l'opera sua è sempre pronta,
      pare un chirurgo o un calzolaio;
      con il filo di ferro ed una punta,
      ogni pezzo ha rimesso aderente.
      Così a noi è servita
      e tanti anni adoperata;
      la brocca incrinata e ricucita,
      non l'abbiamo più cambiata.
      Composta martedì 24 aprile 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO
        in Poesie (Poesie vernacolari)

        È primavera!

        L'aria d' Pasqua già t'arcora,
        t' manda via l'umor' ner';
        levi 'l capott' e n' vedi l'ora
        d' v'stitt' più l'gger'.

        Se vai vers' la campagna,
        dapp'rtutt', sta pur' cert',
        la primavera n' s' sparagna,
        e la r'spiri a nas' apert'.

        Ma sta atenti, nun vurria
        ch' sa st'aria frizzantina
        te suffrissi d'all'rgia,
        alora è mej anda' a marina,

        'ndo' l'ambient' è già divers':
        'l mar' po' ess' azzur' o verd',
        e s' hai gambiat' n' c (i)' hai pers':
        machì è l' sguard' ch' s' perd'.

        S' perd' fin' a l'urizont'
        e fa vula' la fantasia;
        d' miracul', t' rendi cont'
        ch' l' frégn' ènn gitt' via.


        L'aria di Pasqua già ti rincora,
        ti manda via l'umore nero,
        togli il cappotto e non vedi l'ora
        di vestirti più leggero.
        Se vai verso la campagna
        dappertutto, stai pur certo,
        la primavera non si risparmia
        e la respiri a naso aperto.
        Ma stai attento, non vorrei
        che con questa aria frizzantina
        tu soffrissi di allergia
        allora è meglio andare a marina,
        dove l'ambiente è già diverso:
        il mare può essere azzurro o verde,
        e se hai cambiato, non ci hai perso:
        qui è lo sguardo che si perde.
        Si perde fino a l'orizzonte
        e fa volar la fantasia;
        di miracolo, ti rendi conto,
        che i malumori sono andati via.
        Composta giovedì 5 aprile 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Bartiromo
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          Alleria (Allegria)

          L'aria è 'ddoce,
          prufuma 'e primmavera
          ca'pur'e ciure
          se 'mbriacano 'e st' addore
          e l'auciell'
          parlan' d'ammore,
          vulann' sguaiatament'
          miez' 'e fronne
          ca' tremmano...
          pe' ll'alleria.


          L'aria è dolce,
          profuma di primavera
          tanto da ubriacare i fiori
          di questo odore
          e gli uccelli
          parlano d'amore,
          volando spensieratamente
          tra le foglie
          che tremano
          per l'allegria.
          Composta giovedì 15 marzo 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di