Scritta da: Lella Frasca
in Poesie (Poesie vernacolari)

Reggione Lazzio

Da quanno se ne' annato Badaloni
su a Reggione so' arivati i nuvoloni....

Co li strilli de Storace
a sanità è finita ne la brace....

Poi la scusa de li trans e lo scandalo Marazzo
pe levasselo, forze, subbito dar mazzo?

... e finarmente.... a Polverini...
pe riempì e saccocce sortanto de quatrini!

'nfatti pare che riempille era er penziero de Fiorito
cò bonifichi e pagamenti s'era proprio 'ncaponito...
mo che a matassa je' a sbroja Taormina
speriamo de nun ritrovallo tra un po' a la Farnesina!

'ntanto Renatina, che nun sapeva gnente,
se scusa co la gente animatamente
e 'nvece de dimettese pure lei pe la vergogna
aspetta che quarcuno je leva dar culo la castagna!

Er fattaccio pero' è gravissimo je dice Giampaolino,
mentre Alemanno è proprio disperato, poverino!
Pe' paura de fini' come 'n disgraziato,
grida forte che tutto er centrodestra va azzerato!

'n mezzo a tutto sto lordume
Berlusconi medita che forze è mejo mantenè er costume
poi lo vedrà co' Renzi se buttasse ner vecchiume!

Nun cè pace ne la Reggione Lazzio
e di' che nun cè nessuno nemmeno a fa 'n comizzio!
'nvece ce sarebbe da metteli in galera e richiedeje li danni
solo per fatto che cianno scippato li sordi lasciannoce coi malanni!
Composta domenica 23 settembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lella Frasca
    in Poesie (Poesie vernacolari)

    Cristina va in penzione

    Prima coll'Anas poi coll'Autostrada
    pe più de quarant'anni t'hanno sequestrata,
    na' vita se ce penzi bbene
    su e giù a core disperata pe preparà le cene
    Un furto, no scippo fatto a la gioventù,
    che solo oggi senti che nun ritorna più!

    Cristina cara, hai tribbolato co tutte ste Riforme,
    quasi sembrava che nun c'era via d'uscita
    'nvece a mano a mano che studiavi e nove norme,
    tu ar posto dell'esodati, sei fuggita!

    Zitta zitta nun te sei scorata,
    e approfittanno der periodo de travaijo
    hai sistemato col lavoro pure er fijo
    così contenta, oggi te ne sei annata!

    Ricordi quanno t'ho portata a San Romedio a accenne un cero?
    è stato come se dritto dritto l'hai 'nfilato tutto in culo alla Fornero!

    Da oggi, alla faccia sua, stai in penzione
    penza a tutto er tempo che c'hai mo a disposizione

    Te arzi la matina coll'idea de nun fa un cazzo,
    e te ritrovi a piantà li fiori sur terrazzo!
    Aspetti con amore che ritorna er maritino
    pe faje du mojne durante er riposino!

    Te gusti piano piano er sapore dela libertà
    co tanti tanti auguri a chi te deve sopportà!

    Godetela tutta sta penzione d'oro
    che ai giorni d'oggi è nà rarità!
    Basta pensà che manco co cent'anni de lavoro
    nessuno più come te la prenderà!

    Noi pe' festeggiatte
    te regalamo nà gita a Sammarino
    vedi un po' de sdebitatte
    co 'n gran fiasco de bbon vino!
    Auguri, salute e felicità,
    semo li meijo
    e stamo tutti qua co te a brindà!
    Composta giovedì 23 agosto 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lella Frasca
      in Poesie (Poesie vernacolari)

      Caterina

      Nun me chiede come t'ho 'ncontrata
      na casella su facebook sé proprio spalancata,
      un clik e me corpisce subbito er tuo viso
      ma quello più sgargiante è stato er tuo soriso!

      Me metto a smucinà la' ner diario
      e scopro a quanto ciai da fa cor corniciaio;
      'nfatti urtimamente hai ripreso a pennellà;
      nele mani e ner cervello ciai un pozzo de creatività!
      Sei Brava! Er mare, li fiori e tutta la Sicilia fai brillà!

      Punto dopo punto hai 'mbastito er coredino...
      Copertina, lenzolo e quarche bavaijno,
      pe' Gaia tua! Il tuo primo confettino!

      Te piace la cucina e ami l'arte culinaria
      e con farmville sei forte pure come agraria!

      Quanno me senti giù, giù ner burone,
      sei tanto cara e me dedichi attenzione.
      E' come se da sempre tu de me te prenni cura
      e credo ner miracolo de na storia bella e duratura!

      Io penso che la passione dele donne
      nun se misura dale gonne
      ma dall'occhi, l'arte, er core
      e da quanto danno amore!

      Stamatina là in cucina
      rimiravo er tuo quadretto
      e pensannote un pochetto stavo già de bell'aspetto!
      Me sai dà forza... e da lontano sei vicina...
      sei speciale oh caterina!
      Composta mercoledì 19 settembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO
        in Poesie (Poesie vernacolari)
        Ch' turment' sta finanza!

        'L pr. sident', ch s'intend' d' finanza,
        ha dichiarat' ch' l'Italia c (i)' ha sp. ranza
        e anch' la Grecia nun andrà più a fond'.

        La G. rmania, sa la Merkel i rispond',
        ch' i debiti nun dev. n' aum. ntà
        e qualch'altr' sagrifici s'ha da fa.

        P. r Esopo o Fedro saria 'na bella faula:
        'l ricch' cumanda e 'l por can' s'incaula.
        V' ricurdè d' la cicala e d. la furmiga?

        A st' mond' c'è chi canta e chi fatiga.
        Io n' so' s'è mei, sa tutt' st' scunquass',
        mett' i soldi sotta 'l mat. rass',

        oppur a fa 'n bell' inv. stiment
        e sp. rà ch' passa prest' st' mument'.
        Ade' p. r no' è propi 'nuta l'ora

        d. fa do' conti p. r v'nin' fora.
        Io poss' di' d' n' guardà ma Neno
        ch' l'inv. stiment' l'ha fatt' sotta 'n treno.

        Traduzione: Che tormento questa finanza!
        Il Presidente che s'intende di finanza, ha dichiarato che l'Italia ha speranza e anche la Grecia non andrà più a fondo.
        La Germania, con la Merkel, gli risponde che i debiti non devono aumentare e qualche altro sacrificio si deve fare.
        Per Esopo o Fedro sarebbe una bella favola: il ricco comanda ed il povero cane si incavola.
        Vi ricordate della cicala e della formica? A questo mondo c'è chi canta e chi fatica.
        Io non so se è meglio, con tutto questo sconquasso, mettere i soldi sotto il materasso oppure fare un bel investimento e sperare che passi presto questo momento.
        Adesso per noi è proprio venuta l'ora di far due conti per venirne fuori.
        Io posso dire di non guardare a Neno, che l'investimento l'ha fatto sotto un treno.
        Composta martedì 28 agosto 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: rainbow
          in Poesie (Poesie vernacolari)

          Li pellegrini

          Se svota la città eterna de Romani de Roma
          e s’ariempie de pellegrini
          li vedi che sortono dall’arberghi
          a qualsiasi ora co’ li carzoncini corti
          la maglietta de li Dallas cauboi…e li sandali da frate…
          la mappa de Roma tra le mani
          e la pelle bianca piena de lenticchie
          se butteno pe’ le vie assolate
          e come fossero stregati dal fascino de li monumenti
          che je fanno ‘n po’ d’ombra
          s’aggireno come vagabonni  tra li rioni
          te li ritrovi dapertutto
          a lungo Tevere
          affacciati da ponte Mollo
          a contemplà er tramonto Romano
          poi a Piazza Trilussa..
          a guardà la bella fontana
          e dissetasse co’ l’acqua de Traiano
          sotto ar Colosseo
          a sognà l’antichi gladiatori
          e fasse le foto co’ li centurioni
          passeggeno pe li Fori Imperiali
          co’ l’occhi sgranati  attenti
          nel coje dell’angoli più belli
          l’immaggine da immortalà
          piano piano co’un po’ de fiatone
          sargono fino in cima
          a li scalini de Trinità dei Monti
          pe’ poi riscenne giù a Fontana de Trevi
          dove rivorti co’ le spalle ar maestoso momumento
          tireno nà monetina nell’acqua Vergine
          co’ la speranza e er desiderio de tornà
          in questa meravigliosa e eterna città.
          Composta martedì 30 novembre 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di