Questo sito contribuisce alla audience di

Campsantu in riva a-o m / Camposanto in riva al mare

Campusntu in riva a-u m:
ch u sain che strina l'erba,
rde cruxi e miagge in gu.

Drentu a sciocca aena fna
morti antighi e morti nuvi;
agugette i-n d'inturnu,
e sciascetti neigri e gianchi
e f d'aighe trasparenti.

U l' in triste campusntu:
e-u m immensu ghe cianzucca
cu-e s egue l vixin.

--

Camposanto in riva al mare:
qu il salino (=sain) strina (=strina) l'erba,
erode (=rde) croci e muri (=miagge) attorno.

Dentro la soffice (=sciocca) sabbia (=aena)
morti antichi e morti nuovi;
conchigliette (=agugette) hanno intorno
e sassi (=sciascetti) neri e bianchi
e fili di alghe (=aighe) trasparenti.

un camposanto triste:
e il mare (=m) immenso che piagnucola (= cianzucca)
con le sue acque (=egue) l vicino.
Luigi Panero De Leua
Vota la poesia: Commenta

    Bellessa antiga / Bellezza antica

    Boscu in ottobre
    cu-e prime castagne,
    e inturnu roxiun
    a sciame e silensiu.

    A sentu, ogni tantu,
    arvise i-na rissa
    e-i fruti che i cazze
    sfrecciandu tra e fugge.

    Me chu, prestu, chugge
    de questa bellessa
    antga e pulitta
    e mettila in t! "

    --

    Bosco di ottobre
    con le prime castagne
    e intorno brughiera (=roxiun)
    e silenzio

    Sento, ogni tanto, aprirsi (=arvise) un riccio (=rissa)
    e i frutti che cascano (=cazze)
    sfrecciando tra le foglie.

    Mio cuore, presto, raccogli
    di questa bellezza
    antica e pulita
    e mettila dentro di te!
    Luigi Panero De Leua
    Vota la poesia: Commenta

      F d'oud (Filo di profumo)

      L' seja, u ciuve;
      egua due, egua lenta;
      a tera, contenta,
      ingurda se-a bve.

      Anche u me chu
      se bagna de ciantu
      che-u china da-u
      e cume d'incantu

      da-e spine se spuggia,
      rusa diventa
      russa de fuggia
      e f da oud.


      sera, piove: - acqua dolce, acqua lenta - la terra contenta - ingorda se la beve.
      Anche il mio cuore - si bagna del pianto - che scende dal cielo - e come d'incanto
      delle spine si spoglia (=spuggia) - diventa rosa rossa di foglia - e filo di profumo.
      Luigi Panero De Leua
      Vota la poesia: Commenta

        Erbo de scitron (L'albero di arancio)

        a rembo a-e miagge costi de violetta
        e d s, che n scda, quarche fetta.

        A strada l' deserta, freida e da
        e a campagna de verde tutta na.

        Ma l drentu ghe son mille lampette
        che de l'rbo i cegan tutte e ramette.

        E quelo scitron d'u tutto splendente
        consola pass da pvia gente.

        L' quelo come in'rbo de Natle
        che canta in ta campagna z invernle.


        Affiancate (=a rembo) lungo i muri (=miagge) cespugli (=costi) di violette - e qualche raggio (=fetta) di sole, che non scalda (=scda).
        La strada deserta, fredda (=freida) e dura (=da) - e la campagna, di verde, tutta nuda. (=na)
        Ma dentro sono mille lampade - che piegano tutti i rami. Dell'albero.
        E quell'arancio (=scitron) d'oro tutto spendente - consola il passare (=pass) della povera gente.
        come un albero di Natale - che canta in mezzo alla campagna gi invernale (=invernle).
        Luigi Panero De Leua
        Vota la poesia: Commenta

          Erbo de scitron

          A rembo a-e miagge costi de violetta
          e d s, che n scda, quarche fetta.

          A strada l' deserta, freida e da
          e a campagna de verde tutta na.

          Ma l drentu ghe son mille lampette
          che de l'rbo i cegan tutte e ramette.

          E quelo scitron d'u tutto splendente
          consola pass da pvia gente.

          L' quelo come in'rbo de Natle
          che canta in ta campagna z invernle.
          Luigi Panero De Leua
          Vota la poesia: Commenta

            Cicorietta

            Fragile sciua,
            vitta celeste,
            da cicurietta
            stella d'argentu,
            gussa de
            lungo a-e stradde,
            tra l'erba secca.

            Quande a iga
            lansa poexa
            ti, cicorietta,
            l'uggi ti seri
            e ti t'indormi
            cian cianinettu
            querta de s.

            Ma quand'arbeggia,
            prestu sveggia,
            a-i bordi di sciti,
            a-i p de miagge,
            a-u mundu arsu
            cun vuxe fresca
            ti dixi bungiurnu,

            bungiurnu anche a m...
            Luigi Panero De Leua
            Vota la poesia: Commenta

              Sun triste (Sono triste)

              Da u , cun forsa
              u ciuve agugge:
              e-u lampa spessu
              sci u m cheu bugge.

              Sn triste: a ercu
              faccia amiga:
              nu gh' d'inturnu
              traccia de vitta,

              ma sulu lampi,
              u m in tempesta
              e l'egua freida
              che-a cazze lesta

              da-u neigru .


              Dal cielo (=e), con forza - piovono gocce aguzze (=agugge): - e lampeggia continuamente - sul mare che bolle (=bugge).
              Sono triste: e cerco - faccia amica: - non c' nei dintorni - traccia di vita,
              ma solo lampi, - il mare in tempesta e l'acqua fredda - che casca sulla testa-
              dal cielo nero.
              Luigi Panero De Leua
              Vota la poesia: Commenta