Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Marco Bartiromo

O' Piccì (Il personal computer)

Ormai si' addiventat'
a cosa mia cchiù cara
nu' piezz indispensabile
dint'a vita mia
t'allisc', te pulezz',
a vot' t'accarezz
dint'e pensier' miei
ce stai sultant' tu'
o'ppicc' tutt'e matine
pecché t'aggia salutà
e comm' me cunsole
quann, all'improvvis,
trov o' bongiorn' tuoie
te sì memorizzat'
tutt'e dat' miei
e me', sai tutt' cos
pur' e pensier'miei
e ccos' mie chiù ccare
essai sultant tu
ce manc sul' a vocc'
e pò, fosse furnut'
io t'abbracciass' fort'
nun te lassass cchiù.


Ormai sei diventato
la cosa mia più cara
un pezzo indispensabile
nella vita mia
ti liscio, ti pulisco,
a volte ti accarezzo
nei pensieri miei
ci sei soltanto tu
Ti accendo, tutte le mattine
perché ti devo salutare
e come sono felice
quando, all'improvviso
trovo il tuo buongiorno
ti sei memorizzato
tutti i dati miei
di me, sai proprio tutto
anche i pensieri miei
le cose mie più care
le sai soltanto tu
ti manca solo la bocca
e poi, sarebbe finita
io ti abbraccerei forte
non ti lascerei più.
Composta martedì 24 novembre 2009

Immagini con frasi

    document.write('');window.__cmpWait(function(){document.getElementById("singlequote-ad").className+=" adsbygoogle";pp.jss("//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3821133970955797","googleadsjs",0,{crossorigin:"anonymous"});(window.adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})})

    Info

    Scritta da: Marco Bartiromo
    Dedica:
    Ai tantissimi naviganti del web.

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:6.67 in 3 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti