Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie dal Libro:╚ luce luce

Autore:
Mario Galasso
Editore:

Scritta da: Catone appassito
All'arte de lo scrývere
me songo abbecenato;
'nu poco aggio tentato
e po' me so' arrennuto.

Ma ancora po' m'he nato
lo stýmolo saputo,
e... aggio continuato...

Ma c'aggio guadagnato?
'Na n˛mmena appropriata:
- P˛vero scunzulato...! -

All'arte dello scrivere
mi sono avvicinato,
un poco ho tentato,
poi mi sono arreso.

Ma ancora poi mi Ŕ nata
la smania
ed ho continuato...

A cosa mia ha portato tutto questo?
Ad una nomina appropriata:
"Povero sconsolato!"
dal libro "╚ luce luce" di Mario Galasso
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Catone appassito

    Emilia

    Jý te vurria vasÓ, ma forse no...
    Vurria sule tenÚrte 'na mano 'mmano
    e sŔntere 'o calore
    'e chella mano.
    Guardarte e dýcere
    parole in¨tele,
    guardarte e sŔntere
    'e stessi ccose,
    Emý.


    Io ti vorrei baciare, ma forse no.
    Vorrei solo tenerti una mano tra le mie
    e percepire il calore di quella mano.
    Guardarti e dire parole inutili,
    guardarti ed udire le stesse cose,
    Emilia.
    dal libro "╚ luce luce" di Mario Galasso
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Catone appassito

      Risveglio

      S'intrufola curi¨so
      pe' dint'a' perziana
      sfacciato e dispettuso
      'nu raggio 'e sole.

      Comme a 'na lava d'oro
      sci¨lia ncopp'a' cuperta,
      s'arrÓmpeche, sgravoglia
      l'arcobaleno.

      Allumma a poco a poco
      'nu pede, 'na manella:
      t'accarezza facŔnnete
      'e palummelle.

      S'accosta chianu chianu:
      scummoglia e te cummoglia:
      vestŔnnete te spoglia,
      'stu traditore!

      E ttu te lasse 'nf˛nnere
      a tutto 'stu calore...
      Abbandonata... LÓnguida
      'ncopp "e llenzole.


      S'intrufola curioso
      tra le persiane
      sfacciato e dispettoso
      un raggio di sole.

      Come una lava d'oro
      scivola sulla coperta,
      si arrampica, srotola
      l'arcobaleno.

      Illumina a poco a poco
      un piede, una mano:
      ti accarezza facendoti
      " 'e palummelle " (ti abbaglia).

      S'accosta piano piano:
      ti scopre e ti copre: (Illuminandoti ti scopre per˛ ti ricopre
      mentre ti riveste, ti denuda (dei suoi raggi e mentre ti veste esso
      questo traditore! (Ti denuda mettentodi in mostra).

      E ttu ti lasci bagnare
      da tutto questo calore
      abbandonandoti languida
      sopra le lenzuola.
      Composta sabato 24 luglio 1999
      dal libro "╚ luce luce" di Mario Galasso
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Catone appassito

        Bettina

        Lampione addo se m˛vene
        falene inutilmente:
        quanno te tengo mente,
        me sento sulo.

        Puntone addo ero s˛lito
        ncuntrarme ccu Bettina,
        me pare, stammatina,
        cchi¨ sulitario.

        Balcone addo nun s˛nene
        cchi¨ 'e rrise cristalline...
        a tutto vene 'a fine...
        Pure p"ammore.

        Lampione dove si muovono
        falene inutilmente:
        quando ti guardo
        mi sento solo.

        Luogo dove ero solito
        i9ncontrarmi con Bettina,
        mi appari, questa mattina,
        pi¨ solitario.

        Balcone dove non suonano
        pi¨ le risa cristalline...
        Per ogni cosa viene la fine...
        anche per l'amore...
        dal libro "╚ luce luce" di Mario Galasso
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Catone appassito

          Matenata

          Matenata, chin "e suonne
          jý me sceto e sto durmenno:
          sento 'auciello 'int'a' cajola,
          sento 'addore d" o ccafÚ.

          M'arrevoglio 'int "e ccuperte
          c" a speranza 'e nun senti,
          ma 'o canario, dispettuso,
          iza 'a voce e fa "Bonný!"...


          Mattinata, pieno di sonno
          mi sveglio, ma sto ancora dormendo:
          sento l'uccello che canta nella gabbia,
          percepisco l'odore del caffÚ.

          Mi avvolgo nelle coperte
          per tenere fuori questi rumori,
          ma il canarino, dispettoso,
          alza la voce e mi dÓ il buongiorno.
          dal libro "╚ luce luce" di Mario Galasso
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Catone appassito

            Luna maleziosa (Luna Maliziosa)

            Oj Luna Maleziosa, ca me guarde
            facenne ll'occhiolino si me vide
            strignuto a 'na guagliona ccu riguardo
            e po', sfacciatamente, piglie e ride.

            Dimme. Chedd'Ŕ? Pe' niente si' gelosa
            'e chesta ca me vasa a' faccia toja?

            E' pazza 'e mme, me piace e cchi¨ m''a stregno
            e nun me curo 'e tte nÚ d' 'o cuntegno.


            Oh, Luna Maliziosa, che mi guardi
            facendomi l'occhietto se mi vedi
            stretto teneramente ad una ragazza
            ed in modo sfacciato ti fai una risata,

            Dimmi. Cosa c'Ŕ? Per caso sei gelosa
            di costei che mi bacia, fregandosene di te?

            ╚ pazza di me, mi piace, e la stringo forte
            e non mi curo di te nÚ delle convenzioni.
            dal libro "╚ luce luce" di Mario Galasso
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Catone appassito

              Rivelazione

              'Ntanata dinte a 'n'Óngolo,
              quase abbattuta, stracqua,
              ccu 'e llÓcreme ca scÚnnene
              tanto ca pare acqua -
              senza riserbo o scuorno,
              m'allucche: "Tiene 'e ccorne!"


              Rintanata in un angolo,
              molto provata, disfatta,
              con le lacrime che versi
              cosý abbondantemente da sembrare acqua -
              senza riserbo o vergogna
              mi gridi: "Sei un cornuto!"
              dal libro "╚ luce luce" di Mario Galasso
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Catone appassito

                CcÓ ffore

                Pare ca s'arreposa 'ncopp' 'o lietto...
                Nun sta durmenno: Ŕ morta
                distrutta d''a fatica d' 'o campÓ.
                'Na chiorma d'angiulille he piede suoje
                cÓntano 'a Gloria 'e Ddio dint'a' nuttata -
                CcÓ ffore
                'na voce canta pe' 'na 'nnammurata.


                Sembra che riposi sul letto...
                Non sta dormendo. ╚ morta
                distrutta dalla fatica che Ŕ il vivere.
                Uno sciame d'angioletti ai suoi piedi
                cantano la Gloria del Signore nella notte -
                Qui fuori
                una voce canta per l'innamorata.
                dal libro "╚ luce luce" di Mario Galasso
                Vota la poesia: Commenta