Scritta da: Maria Luisa Onnis
in Poesie (Poesie d'Autore)

Cielo azzurro

Osservo il cielo
lì c'è tutto lo spazio per scrivere,
per scrivere ciò che è stato il mio passato
e continuerò da quello,
per pensare senza confini
e desiderare senza limiti,
scrivo dell'amore e del dolore,
dove li c'è l'immensità per gioire
e speranza per dimenticare.
Devo ancora scrivere del mio presente,
del mio futuro...
poi abbasso lo sguardo
e nei tuoi occhi vedo il riflesso
di quel cielo azzurro.
Composta martedì 11 ottobre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: KATIA OLIVIERI
    in Poesie (Poesie d'Autore)

    Di questo e d'altri paesi

    Campeggiano sulla tavola
    i fiori di mia madre.
    Sono anemoni, talvolta gigli
    talora tulipani olandesi
    che fanno pensare ai mulini
    a vento.

    Così mia padre narra sempre
    d'altri paesi
    che ha visto solo nei sogni.

    Ma là pure si litiga
    e talora ci si ama
    allo stesso modo,
    anche se in una lingua diversa.

    E qui è la vita,
    quando mia madre l'attraversa
    gaia ridente come una tovaglia fiorata
    piovuta dal vento.

    E si mischia il suo profumo leggero
    ai fiori
    senza mai confondersi,
    lei è la regina.

    E poi di nuovo mio padre s'addormenta
    senza finire la favola d'altri paesi,
    dove tutte le genti sono uguali
    e il cuore di ciascuno batte all'unisono:
    gli innamorati non stanno più
    nella loro pelle,
    e a chi soffre pesa pure quella.

    Ma lei sa bene,
    non appena il sole della sera
    si strappa
    sui muri di carta
    e si smorzano ad una ad una le corolle,
    mia madre lo sa
    che nell'urna del mondo
    stanno pure i vivi, talora,
    con il sangue fermo.

    Sicché aspettiamo di nuovo
    io, mia madre, e le mie sorelle
    le campane suonare a stormo
    e l'estate a riprendere il volo.

    [la stagione che allunga la vita.]

    e il sole è una palla di fuoco
    che torna a galla
    fra i monti,
    oltre la mia finestra.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Yatriko Di Vento
      in Poesie (Poesie d'Autore)

      Foglia nel vento

      A volte mi sento
      una piccola foglia
      avvolta nel vento.
      Persi il mio ramo all'oscura partenza
      e vago in cerca della mia provenienza.
      Non era la mia la terra dei barbari,
      né i paesaggi dalle dolci colline,
      e neppure quest'argilla con mescolanze
      di flora mediterranea e le sue essenze.
      Percepisco nel turbinare
      il lontano profumo
      della brezza del mare,
      e rivoltando s'illumina
      per attimi l'interiorità.
      Apri la tua mano e
      solo di un respiro il tempo
      afferrami per un momento,
      e poi lasciami alla mia sorte.
      Forse non nacqui
      per una terra a cui appartenere
      ma attraverso il vento viaggiare.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: milanoteca
        in Poesie (Poesie d'Autore)

        Il sesso

        Il sesso è proprio bello
        ma c'è chi si vergogna
        di dire: voglio quello...
        e lo mettono alla gogna...
        sostengono di farlo
        soltanto se c'è amore
        perché a giustificarlo
        non basta mai il pudore
        e l'innamoramento
        fiorisce a suon di baci
        tant'è che i piccioncini
        si mostrano capaci
        ma dopo che l'amore
        si è alfine consumato
        c'è un cuore che tentenna
        e si è presto ritirato
        dicendo: mi dispiace
        non è quel che pensavo
        e insiste: neanche sesso,
        altrimenti non osavo!
        Ma adesso chi ci crede
        in onore alla memoria
        che sia la buona fede
        a salvare questa storia?
        Che c'è di male a dire:
        "io voglio sesso, monta!"
        Invece di inventare
        un amore che non conta?
        Saranno le persone
        così "moralizzate"
        che a dire: "solo sesso"
        si senton giudicate?
        Non vogliono accettare
        per dirla pane al pane
        di essere tacciate
        per facili o puttane?
        Ma il sesso è sempre bello
        e lo è anche senza amore
        perché tirarlo in ballo
        mortificando il cuore?
        Lasciamolo all'amore...
        che nel suo nome esulti!
        ... e noi un po' meno ipocriti
        e speriamo un po' più adulti!
        Composta mercoledì 10 maggio 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di