Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie d'Autore


Scritta da: Cristina Metta
in Poesie (Poesie d'Autore)

Il Santo Bevitore

Il bevitore scostumato... è un santo
non v'è alcuna regola per sedare poi certificare i suoi deliri
si possono posticipare gli effetti d'amore ma non di una sbronza
e spesso entrambe lasciano tracce nel sangue
in un team di spacciati lui è il capo
nulla ha ragione o un posto o un perché tanto meno risposta
il vino è il concubino della sua storia d'amante
cancella poi scrivi sopra i ricordi cancella poi scrivi nuovi dolori

il Santo Bevitore vive e convive spesso con una chimera
la veste poco poiché nel suo capo il desio è già caldo
è un soldato che ha marciato contro mano nel regno del forse
poiché è lo sbaglio la cosa più cara in vetta ai suoi sogni
spacciatore di "e chi se ne frega"
secondo lavoro "vado al mare"
con vera avversione per "non immagini chi sia io".

the King of all Losers is the best guy in town – believe It
warrior
thief of shadows
painter of fears
teacher of the frozen yogurt
il Santo Bevitore è un lupo in catena
che vorrebbe correre libero fino a consumarsi le gambe
tenere conferenze con le stelle sui tetti dei grattacieli
sfracellarsi l'inguine contro una bella donna
e morire di pianto mentre ride di un nulla al buio.

Lads and Gents he’s the heart of the party
arde come il fuoco sul fondo di una bottiglia
si ispira ai Byron o ai maledetti poeti dell'arte
quando sussurra cose comprensibili unicamente al vento.

he drivers a creepy yellow beetle
diventa aquilone verso il cosmo dopo una corsa nei campi
e spesso troppo spesso frattura il suo sogno
d'amare più della forza degli astri un'altra alma.

ha un amore segreto per i fiori
li distilla nel miglior alcool fuori piazza che possa bruciare la carne
ed una sola unica regola di vita
se non puoi essere nessuno allora sii il miglior nessuno del Mondo.
Composta domenica 20 ottobre 2019
Vota la poesia: Commenta
    in Poesie (Poesie d'Autore)

    La mia stanza

    Io...
    in quella "stanza"
    la mia...
    studiavo ore intere,
    dialogavo all'infinito,
    ammiravo i suoi sorrisi,
    asciugavo le lacrime di gelosia affannata,
    ascoltavo il suo silenzio,
    la sua rabbia,
    scolpivo il suo sguardo dentro il mio,
    l'energia...
    si caricava di luce propria,
    estasiante...
    senza limiti...
    oltre il tempo.
    Composta giovedì 11 febbraio 2016
    Vota la poesia: Commenta
      in Poesie (Poesie d'Autore)

      Appartenersi

      Solo con lo sguardo...
      i miei occhi parlano,
      entrano nei tuoi
      nel profondo
      fino ad appartenermi.
      Divento estranea al mondo che mi circonda.
      Nulla m'importa della gente
      perché senta te...
      la mia vita non è vita,
      i miei sogni...
      svaniscono nel nulla,
      le mie angosce...
      diventano
      Insostenibili...
      Insormontabili...
      e affinché l'appartenersi
      non debba mai tramontar
      negli occhi miei
      Vivimi...
      Indelebilmente...
      Inesorabile Musica.
      Composta giovedì 5 settembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        in Poesie (Poesie d'Autore)
        L'Europa nel cuore
        Europe in the heart

        Dormi bimbo che vieni dal mare,

        la tua vita comincia domani,

        senza guerra, senza fame, senza orrore,

        dormi bimbo con l'Italia nel cuore,

        dormi bimbo con l'Europa nel cuore.

        Happy day, happy day,

        sleep my baby, the wind is friend.

        Happy day, happy day,

        sleep my baby, tomorrow is in your hands,

        Osanna Dio e vivi in nome dell'amore,

        Osanna Dio e vivi in Gloria del Signor.

        Osanna Dio e vivi in nome dell'amore,

        Osanna Dio e vivi in Gloria del Signor.

        Sleep my baby, come from the sea

        sleep my baby, tomorrow your life begins

        Without war, without hunger,

        without fear from anyone,

        sleep my baby with Italy in your heart,

        sleep my baby with Europe in your heart.

        Happy day, happy day,

        sleep my baby, the wind is friend.

        Happy day, happy day,

        sleep my baby, tomorrow is in your hands,

        Believe your God and fill your life with love,
        Believe your God and live forever in his heart.
        Believe your God and fill your life with love,
        Believe your God and live forever in his heart.
        Composta lunedì 14 ottobre 2019
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Berny
          in Poesie (Poesie d'Autore)

          Radici

          Era quell'albero il mio calendario
          Lo piantai da piccolo in giardino
          e di volta in volta lo osservavo.
          Silenzioso, imponente e retto
          mai alcun foglio aveva maledetto.
          Non chiedeva mai nulla
          Mi avvertiva con una foglia
          a volte con dell'ombra
          e con dei fiori delicati
          di tanto in tanto mi svegliava.
          Erano profumati quei fiori
          Sapevano di zagara
          il profumo di mamma
          Una vecchia fragranza
          con i ricordi ancora sul viso.
          Composta sabato 12 ottobre 2019
          Vota la poesia: Commenta
            in Poesie (Poesie d'Autore)

            Brucia l'estate

            Il sole in fiamma
            si leva presto e brucia i giorni d'estate,
            brillano e ardono i sui raggi dorati,
            e scotta l'aria, e brucia la pelle,
            ed unico desiderio è per un po' di frescura
            di poter liberarsi dalla sensazione
            di soffocarsi del caldo torrido,
            ed immaginare un ruscello,
            che corre ridente
            nel mezzo delle valle ombrose,
            e riempirsi i polmoni con l'aria
            profumata di fiori selvatici.
            Il sole è delicato d'inverno,
            che dona luce, leggero tepore,
            e poter guardarlo senza battere cigli.
            La primavera è il suo momento magico,
            scalda l'aria e manda raggi splendenti
            per svegliar la natura,
            e vestirsi di verde vivo,
            e gli allegri trilli di uccelli
            che riempiono il cuore di gioia,
            e quando i gerani, le rose,
            che mostrano la loro grande bellezza,
            la temperatura mite si diventa caldo rovente,
            e tutto madido di sudore,
            e arrivano le furibonde zanzare,
            e catturata dalla disperazione
            sognare di camminare sulla neve
            a piedi nudi.
            Composta martedì 8 ottobre 2019
            Vota la poesia: Commenta
              in Poesie (Poesie d'Autore)

              Vorrei essere un vento forte

              Vidi una nuvolaglia nera
              passare sopra di me,
              che abituati ad attraversare il cielo
              nascondendo il sorriso del sole.
              Vidi per un attimo una finestra sul cielo
              e scorgere lo splendente azzurro,
              e vidi un piccolo pettirosso
              irrequieto saltellare da un ramo ad altro,
              finché non trova il suo rifugio tra le fitte foglie.
              E vidi l'ombra buia,
              nei suoi grandi occhi azzurri,
              azzurri come il cielo,
              ed un sospiro tremolo si sprigiona
              dal profondo del mio cuore.
              Vorrei essere un vento forte
              e spazzare via le nuvole nere,
              che il sole splenda in alto sopra di lui,
              e riaccenda la luce nei suoi occhi chiari
              cancellando ogni ombra della tristezza.
              Vorrei essere un vento forte
              e spazzar via dalle strade del mondo
              tutto il male che toglie il sorriso,
              che provoca dolore e angoscia,
              e spargere il meraviglioso profumo
              del prato fiorito,
              e seminare dolcezza e gentilezza
              nei cuori duri.
              Composta martedì 8 ottobre 2019
              Vota la poesia: Commenta
                in Poesie (Poesie d'Autore)

                L'indifferenza

                Quando il cuore è pien d’amor,
                e dolci emozioni travolgono ogni sensazione e speranza,
                la vita è fantastica,
                e quando i colori e le luci si abbracciano,
                e i rumori della vita fanno la musica,
                e il gentil vento accarezza il volto
                e sparge profumo del bosco,
                quando la rugiada bagna le foglie verdi,
                e con la prima luce del mattino
                brillano come migliaia soli,
                e quando il palato trova piacere,
                e si spegne la sete da uno sgorgante acqua pura,
                e quando qualcuno con dolcezza ti abbraccia
                e  la gente che ti saluta gentilmente,
                ma quando, quando tutto quanto è solo un sogno,
                e nessuno ti vede piangere, nessuno ti sorride,
                provi solo una dolorosa indifferenza,
                e la tua vita è tristezza,
                che una vita non vale nulla.
                Composta martedì 8 ottobre 2019
                Vota la poesia: Commenta
                  in Poesie (Poesie d'Autore)

                  Quello che mi resta

                  Se potessi fermare il cammino delle ore
                  che indietro non può tornare,
                  è come lo spostare una roccia,
                  e nelle tasche porto solo sogni,
                  quelli che mi restano,
                  e mi vesto di speranza,
                  così come le stelle ricamano gli spazi infiniti,
                  e mentre il silenzio cammina a testa bassa,
                  i miei pensieri che si intrecciano tra di loro,
                  pensiero dopo pensiero,
                  provo a immaginare cosa sono io,
                  se non fossi quello che io sono,
                  e quello che mi resta,
                  e il tempo non mi lascia mai senza tic, tac,
                  e vedo l'alba con i suoi timidi bagliori
                  al lento spegnersi il sole,
                  è arrivata l'ora
                  che anche io vada a dormire,
                  chissà quanti come me,
                  che anche questa notte
                  hanno provato a fuggire
                  da una realtà crudele,
                  dove si sentono stranieri,
                  per non dare di sé
                  a questo mondo misero,
                  e tutto quel che ancora
                  hanno da dire,
                  e quello che dona l'oggi
                  senza brivido addosso
                  alle emozioni.
                  Composta domenica 22 settembre 2019
                  Vota la poesia: Commenta