Scritta da: SAVERIO FERRARA

Fenesta ca lucive

Fenesta ca lucive

Fenesta ca lucive e mo nun luce...
sign'è ca nénna mia stace malata...
S'affaccia la surella e che me dice?
Nennélla toja è morta e s'è atterrata...
Chiagneva sempe ca durmeva sola,
mo dorme co' li muorte accompagnata...

"Cara sorella mia, che me dicite?
Cara sorella mia che me contate?"
"Guarde 'ncielo si nun me credite.
Purzi' li stelle stanno appassiunate.
E' morta nenna vosta, ah, si chiagnite,
Ca quanto v'aggio ditto e' beritate!"

"Jate a la Chiesia e la vedite pure,
Aprite lo tavuto e che trovate?
Da chella vocca ca n'ascéano sciure,
mo n'esceno li vierme... Oh! che piatate!
Zi' parrocchiano mio, ábbece cura:
na lampa sempe tienece allummata..."

Ah! nenna mia, si' morta, puvurella!
Chill'uocchie chiuse nun l'arape maje!
Ma ancora all'uocchie mieje tu para bella
ca sempe t'aggio amata e mmo cchiu' assaje
potesse a lo mmacaro mori' priesto
e m'atterrasse a lato a tte, nennella!

Addio fenesta, rèstate 'nzerrata
ca nénna mia mo nun se pò affacciare...
Io cchiù nun passarraggio pe' 'sta strata:
vaco a lo camposanto a passíare!
'Nzino a lo juorno ca la morte 'ngrata,
mme face nénna mia ire a trovare!...

Finestra che splendevi

Finestra che splendeva, adesso è spenta...
È un segno che la mia bella è ammalata....
S'affaccia la sorella e cosa mi dice!?
"La tua cara Amata è morta e sotterrata...
Piangeva sempre perché dormiva da sola,
ora dorme in compagnia degli altri morti".

"Cara sorella mia, ma cosa dite!?
Cara sorella mia, cosa mi raccontate!?"
"Guarda in cielo, se non mi credete
persino le stelle sono rattristate!
E'morta la vostra bella! oh, sì piangete!
Quanto vi ho detto è la cruda verità!

Recatevi alla Chiesa e controllate pure,
Aprite la bara, e cosa troverete?
Da quella bocca da cui uscivano i fiori.
Ora escono solo vermi... Oh! Che strazio!
O buon Curato mio, abbi tanta cura;
per Lei tieni sempre accesa una lampada"!

Ah! Povera cara mia, morta così per me!
Questi occhi chiusi non li riapri mai!
Ma agli occhi miei tu sei sempre bella!
T'ho sempre amata ed ora anche di più!
Magari potessi io morire al più presto
ed essere sotterrato accanto a te, Amore!

Addio finestra, restatene, pure, chiusa
Ora che il mio Amore non si affaccerà più!
Mai più io passerò per questa via:
piuttosto vado a passeggiare al cimitero!
Fino a quel giorno che la morte ingrata
mi farà ricongiungere alla mia cara.
Anonimo
Composta venerdì 8 luglio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: MesaQueen

    Vorrei volare come un gabbiano...

    Vorrei volare come un gabbiano
    libero di sfiorare il mare
    e accompagnare le piccole onde...
    vorrei volare come un gabbiano
    per correre incontro ad un sole che tramonta
    e lasciarmi abbracciare dai suoi ultimi raggi...
    vorrei volare come un gabbiano
    per sentire il vento tra le ali
    e lasciarmi avvolgere dalla sua forza...
    vorrei volare come un gabbiano
    per sentire la libertà impossessarsi di me
    e cercare la felicità in qualche posto nel mondo...
    vorrei volare come un gabbiano
    per scappare dalla tristezza
    e cercare l'amore nello spazio infinito...
    vorrei volare... come un gabbiano...!
    Anonimo
    Composta lunedì 27 giugno 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: MesaQueen

      Gli occhi dell'amore...

      Un incontro indimenticabile
      del tutto imprevedibile,
      ridona euforia alla noia
      che non passa senza lasciare traccia.
      Un brillio nella nebbia
      effonde ebbrezza nell'aria.
      Tutto accade in un attimo
      come in un incantesimo...
      seduti a guardare le stelle
      luminose come lucciole
      con una complice luna d'argento
      che sonnecchiando osserva dall'alto
      tenendosi mano nella mano...
      sognando un unico arcobaleno...
      scrivendo pagine nuove
      in un diario senza chiave...
      scrutando oltre quell'infinito,
      svincolati dal tedioso vuoto
      tra baci e soavi parole
      da brividi sulla pelle
      riuscendo finalmente a vedere
      con gli occhi dell'amore.
      Anonimo
      Composta lunedì 27 giugno 2011
      Vota la poesia: Commenta

        Na lingua di focu

        Na lingua di focu
        scinni da muntagna
        n'do scuru di la notti china di stiddi,
        pari ca si rapi n'do cielu e
        nesci sangu d'amuri, di odiu e di lamenti.
        E scurri lentu stu focu
        e tuttu s'adduma davanti a iddu n'do so cursu,
        ca porta nun si sapi unni.
        M'incantu e mi scantu n'do stissu tempu
        n'do vidiri u focu ca camina comu na spada
        ca rapi sta muntagna n'do scuru di la notti.
        Forsi è accussì l'amuri, accussì ardenti,
        ti spunta 'ntrasatta n'do scuru e t'abbrucia l'anima,
        u corpu, u cori e la menti.
        E comu si nenti fussi,
        a matina spunta tutta ianca cco vistitu da festa,
        n'do celu azzurru c'assumigghia o mari.
        Tra risati e chiantu si sulu tu, spampinata Etna,
        a rialarimi gioia ogni vota ca ti vidu.


        Una lingua di fuoco scende dalla montagna
        nel buio della notte piena di stelle
        Sembra che si apre il cielo
        ed esce sangue d'amore, di odio, di lamenti.
        E scorre lento questo fuoco
        e tutto accende davanti ad esso lungo il suo corso
        che porta non si sa dove.
        M'incanto e mi spavento nello stesso tempo
        nel vedere il fuoco che scorre come una spada
        che apre questa montagna nel buio della notte.
        Forse è così l'amore... così ardente
        spunta all'improvviso nel buio e ti brucia l'anima,
        il corpo, il cuore e la mente.
        E come se niente fosse
        la mattina seguente
        spunta tutta bianca col vestito della festa
        nel cielo azzurro che assomiglia al mare.
        Tra risate e pianti, sei solo tu, brulla Etna
        a regalarmi gioia ogni volta che ti vedo.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di