Sei tu

Sei tu la mia arte, l'espressione più vera di ogni emozione,
la penna che si consuma su interminabili fogli di carta,
il cuore come un tamburo che spacca i timpani,
sei tu, sei tu
il richiamo della mia terra
la forza della mie idee
sei tu
la voce che aspetto ogni sera
la rabbia che consuma l'orgoglio
sei tu, amore mio
il mio destino
la mia pazienza
il profumo del mare
mi sembra di cercarti in ogni dove
di rincorrerti senza riuscire mai a fermarti
con i miei pensieri arrivo ovunque
ma le mie mani stringono solo un pugno di insana pazzia
quella che mi lega a te da sempre,
e se non c'è altra via per giungere a te
pazza voglio morire!
Anonimo
Composta venerdì 26 luglio 2013
Vota la poesia: Commenta

    Vorrei

    Vorrei ballare per te, ora,
    e lasciarti abbandonare in un caldo abbraccio

    Avrei voglia di saltare dentro la tua anima e fare un bel cambio di stagione
    Spalancare porte e finestre, alzare i tappeti che tolgono aria,
    insomma... mettere un po' a soqquadro tutto
    Dare vita e colore alle pareti che si stanno ingrigendo ma,
    soprattutto, creare lo spazio ideale dove ritrovarmi accanto a te per viverti ancora,
    lontano dal mondo che freneticamente si muove là fuori,
    sciogliendo dubbi e affanni che ci imprigionano e limitano la nostra voglia di vivere

    Fermiamo il tempo ancora una volta
    Non ha senso il suo scorrere quando stiamo insieme
    Perdiamoci ancora in alto mare
    Spegni i motori di questa barca

    Ora siamo soli e lasciamo che sia il suono del mare a farci compagnia
    Abbiamo una promessa alla quale tener fede
    Dimenticarci del resto quando sono i nostri occhi a parlare
    Allontanarci da noi stessi,
    quasi ad ascoltare solo le nostre voci di dentro,
    i nostri respiri a lungo ingiustamente soffocati

    Voglio arrendermi a te, alla tua dolcezza infinita,
    al tuo amare così combattuto, ma che cerco come ossigeno nell'aria

    Vorrei poter suonare il violino ed incantarti fino a notte fonda
    poi risvegliarti col sax e baciarti fino ad esaurire ogni forza

    Vorrei avere per te parole che stregano il cuore
    e carezze che fanno dimenticare la tristezza

    Vorrei essere il tuo sorriso, la tua forza,
    la tua voglia, il tuo desiderio

    Vorrei poterti sollevare da terra quando ti senti troppo stanco
    ed essere il tuo motore a doppia elica
    per portarti lontano dalla riva in meno di un attimo

    Quante cose vorrei,
    il tuo tutto, la tua ragione, il tuo futuro,
    la tua sete, il tuo cuore
    ma non importa ciò che vorrei
    perché c'è una sola cosa che voglio ora
    Starti accanto così e, se vorrai, molto più di così!
    Anonimo
    Composta mercoledì 26 giugno 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Iridion93

      Rosso dentro

      L'inferno preme.
      Così attraente è la furia,
      ti pare irraggiungibile.
      Pur quando appari scatenato,
      non sei libero dalle catene che tu stesso t'applichi.
      Merito d'intelletto,
      buon senso, affetto e speranza;
      colpa di miseria,
      insicurezza, debolezza e codardia.
      Dunque invidi.
      Invidi lo stolto inconsapevole, il violento ottuso,
      il suicida incapace; eppur li odi.
      Agogni lo stato di sfogo finale,
      pur nel dubbio che mai lo raggiungerai.
      Ruggisci, digrigna i denti, strappa, spezza, mordi!
      Ma non oltre, mai oltre l'uscio.
      Starai dentro,
      sino alla devoluzione, madre della scintilla.
      Le vampe scaturiranno intense,
      l'incendio incenerirà ogni cosa,
      te stesso compreso.
      Anonimo
      Composta mercoledì 24 luglio 2013
      Vota la poesia: Commenta

        È valore

        È valore la sua vita
        Il suo sorriso che crede a tutto ciò che gli si racconta
        La sua voce quando si sveglia nei tuoi occhi e beato ti guarda

        È valore seguirlo con lo sguardo attento nei suoi primi passi
        Quando cade e si rialza cercando aiuto con le manine tese verso di te

        È valore il suo sguardo che chiede complicità
        quando ha rubato la caramella di nascosto
        Ascoltarlo nei suoi discorsi frutto di sola fantasia

        È valore ogni lacrima versata al suo primo giorno di asilo
        Aspettarlo all'uscita di scuola con le gote tinte di rosso

        È valore accompagnarlo in silenzio nel suo viaggio verso il futuro
        Accogliere i suoi lamenti senza giudicarlo e spronandolo a rialzarsi da solo
        Accarezzarlo quando non ha il coraggio di chiederlo
        Amarlo come un dono inatteso

        È valore dargli il buongiorno col sorriso sulle labbra
        Baciarlo sulla fronte e sui capelli di seta lucente
        prima che chiuda gli occhi al giorno che ha già vissuto
        con la gioia nel cuore!
        Anonimo
        Composta martedì 16 luglio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di