Scoprii

Scoprii che eri vento, caldo e leggero, e mi feci sabbia
perché mi trasportassi ovunque volessi trovare pace

Scoprii che eri sole, che inaridisce e sgretola, e mi feci acqua
per dissetare la terra che volevi bruciasse

Scoprii che eri fuoco, che implacabile incenerisce, e mi feci pietra
per sfidare e vincere la tua rabbia

Scoprii che eri spina, che ferisce e infetta,
e mi feci unguento che sana e ristora

Scoprii che eri paura e mi feci coraggio
per coprirti di certezze e svelarti il mio nome.
Anonimo
Composta mercoledì 28 agosto 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Maria Grazia R.

    Ossessione

    Crogiolarsi nella malinconia,
    pensieri ossessivi
    attraversano la mente.
    Sguardo che guarda,
    ma non vede.
    Risposte date senza sentire.
    Cuore sanguinante
    senza sentimenti.
    Una figura si dondola
    al ritmo di una musica,
    come un pupazzo.
    Uno scaccia pensieri
    che si muove col vento,
    scandisce il tempo che passa.
    Bambola di pezza con occhi vuoti
    abbandonata al suo destino,
    muta, racconta la sua vita.
    Un bicchieri vuoto
    come vuota l'esistenza
    che se ne va!
    Anonimo
    Composta domenica 25 agosto 2013
    Vota la poesia: Commenta

      Verità

      Amo la verità quando mette a nudo la nostra identità
      quando non ha paura di sciogliersi nel pianto
      quando è espiazione, e non fa fatica a rompere il muro del silenzio

      Amo la verità quando ci sradica dalle nostre convinzioni
      mettendo a prova il coraggio di metterci in discussione
      portandoci per mano verso strade impervie che spaccano
      in due i muscoli irriggiditi dall'inerzia

      Amo la verità quando ci avvicina a chi pensavamo non potesse
      più far parte della nostra vita
      Quando ci fa tornare bambini nelle nostra voglia
      di riscoprirci diversi
      quando ci spoglia della nostra solitudine interiore
      delle nostre certezze farcite di presunzione e vanità

      Amo la verità quando ci dà la forza di ridere di noi
      scoprendoci ridicoli ogni volta che le abbiamo voltato le spalle

      Amo la verità che è la sola strada da percorrere
      per guardarci dentro
      e scoprirci più forti anche quando ci accorgiamo che il viaggio che avevamo intrapreso è tutto da rifare!
      Anonimo
      Composta sabato 24 agosto 2013
      Vota la poesia: Commenta

        Agosto 1946

        Sono nata al sud
        dopo mezzogiorno
        quando la luce
        è calda,
        esagerata,
        ed il mare esala
        anche dai muri,
        dalla strada.
        Sono nata il 17 agosto,
        anzi, il 18.
        Così volle mio padre,
        per amore,
        mutare il giorno
        infausto,
        la mia data.
        Da allora,
        acconto a me,
        respira sempre
        un'altra.
        Ed io,
        dall'una passo
        all'altra.
        E più non so
        chi sono io
        che passo.
        Anonimo
        Composta domenica 18 agosto 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di