Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie d'amore


Scritta da: P. Metallo
in Poesie (Poesie d'amore)

San Valentino

San valentino è viver ogni dì nei suoi occhi,
che immensamente brillano come due brillocchi.
È sentir in un abbraccio fortissimo il suo calore,
mentre nel petto accelera il battito del cuore.
È sfiorar le sue dolci labbra, sentirne il sapore
e sentir quel mite suono, inno dell'amore.
È chiudere gli occhi e sapere che sempre ci sarà
e che nelle mille tempeste al tuo fianco lotterà.
È prendersi la mano e correre felici sui prati,
cadere a terra con il fiatone e sentirsi rinati.
L'amore ti dà sempre mille motivi per sorridere,
e nelle difficoltà, ti fa ritrovare la voglia di vivere.
È condividere ogni cosa senza mai ferirsi,
amarsi dal profondo senza mai tradirsi.
Composta lunedì 17 febbraio 2020
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Asianne Merisi
    in Poesie (Poesie d'amore)
    Ho bisogno di credere in mille baci
    su dolci promesse nella mente e sul cuore
    nell'eterna inquietudine.
    Ho bisogno di riscaldarmi il cuore,
    di un "ti voglio" di labbra sulle quale nutrirsi,
    di sublimarmi di passione
    in quel puro erotismo
    che sa zucchero più raffinato.
    Ho bisogno di pensieri mai uguali,
    di un abbraccio che fanno pareti,
    di baci che fanno tetto, e di un cuore che fa casa.
    Ho bisogno di credere che,
    si può desiderare di amare ancora.
    Composta sabato 15 febbraio 2020
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Asianne Merisi
      in Poesie (Poesie d'amore)
      Sere assetate senza riserve con una luna baciata di brezza in qualcosa che mi assomiglia. Volti e sorrisi belli su giorni da costruire dove danzano gli occhi per guardare l'amore lì,... dove consegno al fuoco la forza dell'amore anelli di memoria che trovano pace tenerezza, dolcezza, ardore, per sentirsi inebrianti nella memoria e grandi armonie dove perdersi è bello se è perdersi insieme.
      Composta sabato 15 febbraio 2020
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Asianne Merisi
        in Poesie (Poesie d'amore)
        Anima larga su spiagge strette
        siamo aria in questo tempo,
        siamo pensieri in questo mondo.
        Disegniamo bocche assetate di baci
        coloriamo braccia forti per abbracci pieni.
        E poi riposiamo dove sembra
        più piccolo il mondo
        lì, abbiamo lasciato il sole appena spento
        quando al mare basta un'onda e ha già dimenticato.
        Composta martedì 11 febbraio 2020
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Sergio Bissoli
          in Poesie (Poesie d'amore)

          Le cascate di luglio

          Follie! Follie! Follie!
          Amo, negli indiavolati pomeriggi dell'estate,
          ubriacarmi di sole, nudo, tra il fragore
          insopportabile degli alberi, della luce,
          del caldo. La natura pulsa ad un
          ritmo forsennatamente veloce. L'animo
          di distende... quasi non si avverte
          più. Ora c'è il corpo, stremato dalla
          fatica e dal sudore, ci sono gli
          infuocati orizzonti, i miraggi, gli
          angeli e la tortura della sete.
          Tutto brucia, tutto arde, si consuma,
          si spreca, senza rimpianto, senza
          gioia. Rimangono solo i deserti:
          ma sono deserti di fiori, bianchi di
          luce, e poi ci sono gli orizzonti di
          cristallo, ci sono gli angeli, ci
          sono...
          luglio 1971.
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Sergio Bissoli
            in Poesie (Poesie d'amore)

            La notte dei fantasmi

            Alberi scheletrici oscillano
            nel vento, sotto la luna.
            I rumori di un vecchio ciabattino al
            lavoro, si odono distintamente provenire
            lontano, dai campi lugubri; e strane
            grida di bambini che si rincorrono
            giocando; e i sussurrati singhiozzi
            di un'innamorata che soffre, in
            compagnia dei ricordi.
            Nessuno! La notte è gelida.
            Il vento cigola, ciangotta, spazza
            i sentieri morti dei campi. Gli
            uccelli tacciono. Solo gli alberi
            scheletrici dondolano nel vento,
            sotto la luna.

            Inverno 1971 1972.
            Vota la poesia: Commenta