Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie d'amore


Scritta da: Stefano Medel
in Poesie (Poesie d'amore)

Tu vicina a me

Come conosco bene
quel tuo viso,
il tuo faccione lungo,
il tuo naso deciso
e pronunciato,
le tue gote paffute;
tu vicina,
mi stai davanti,
per accomiatarti,
ti avvicini e mi baci,
io sfioro,
le tue guance,
bacino tra noi due,
sento il calore del tuo corpo
robusto,
il tuo respiro,
il tocco
dei capelli,
ti abbraccio,
ti sfioro,
tu sfiori me;
mi sei accanto,
e non vorrei lasciarti più,
ma devi andare,
la serata è volata,
tristezza,
un po' di tristezza.
Composta giovedì 4 aprile 2019
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel
    in Poesie (Poesie d'amore)

    Respiro

    Respiro,
    ascolto il tuo respiro,
    mentre sei adagiata
    al sedile,
    e dormi,
    profondamente sopita
    nel tuo mondo onirico;
    russi e non senti nulla
    o quasi;
    ogni tanto rispondi con
    poche parole,
    e ti riaddormenti;
    vuoi un gelato
    e continui a dormire;
    io ascolto il russare beato,
    ascolto e sto zitto,
    e vorrei dar corpo ad ogni
    tuo desiderio;
    regalarti i sogni che vuoi,
    e ti sento in silenzio,
    vegliando il tuo sonno.
    Composta lunedì 1 aprile 2019
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: GENNY CAIAZZO
      in Poesie (Poesie d'amore)
      Elegante e pregiata come la seta,
      l'amore dannato di un giovane poeta,
      tace per non essere giudicato,
      qualcuno il suo amore lo ritiene un peccato,
      ama in silenzio senza fare rumore,
      piange e si lascia andare in un letto di dolore,
      le differenze uccidono il cuore,
      due persone che si vogliono si chiama amore.
      Composta domenica 18 febbraio 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Manuele Urru
        in Poesie (Poesie d'amore)
        Sotto una volta notturna, del tuo volto m'incanto
        a contar come stelle, le lacrime ormai arse
        come sterpaglie d'una campagna dissestata e deserta che cuoce sotto le fiamme d'un inferno celeste.
        Seduta tu giaci in posa come una statua incompresa
        che dalla notte dei tempi porti negli occhi scolpito il ricordo di un dolce dolore.
        Spoglio nonché della mia misera anima come un ramo d'inverno
        baratterò la mia grazia ad un cielo migliore;
        urlerò dalla tenebra il tuo nome
        ti donerò la mia carne, il mio sangue, il mio cuore.
        Composta sabato 30 marzo 2019
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Asianne Merisi
          in Poesie (Poesie d'amore)
          Chiudi questa porta,
          lascia questa terra sonnecchiare
          tra l'alba tiepida e un raggio di sole.
          Consegna le chiavi al cuore,
          misura la differenza tra me e te nelle prossimità
          di questa vicinanza.
          Sono il mondo in cui ti muovi
          tra spazio pieno e deserto arido
          non fuggire, dal tuo coraggio
          cerca la risposta tra te e me e impara la differenza
          tra distanza e lontananza
          non guardare il cielo pieno e la terra vuota,
          cerca la pioggia che ti lava il dolore
          e la terra che nutre la felicità
          sazia gli infiniti respiri che siamo io e te.
          Composta giovedì 1 febbraio 2018
          Vota la poesia: Commenta