Poesie di Laura Lapietra

Autrice dei miei pensieri
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi, in Diario e in Preghiere.

Scritta da: Laura Lapietra

Ciò che serve

Non servono
tante parole tra noi,
sarebbero sprecate
e buttate nel vento!
Noi, non abbiamo bisogno
di futilità ma di sola essenza
per stravolgerci di passione,
non abbiamo bisogno
di guardarci negli occhi
per riscoprirci innamorati,
ma abbiamo bisogno
solo di esplorarci
per conquistare ogni angolo
di pelle nascosta
ai nostri occhi
ogni volta, sempre,
in maniera diversa.
Noi, non abbiamo bisogno
di giurarci amore eterno,
ma solo di vivere
momenti intensi.
Non abbiamo bisogno
che di noi stessi
nel completarci
in quella parte mancante,
dove i nostri cuori disperatamente anelano pienezza nell'aversi
senza riserve!
Noi, non abbiamo bisogno
di illusioni per nutrire
il nostro cuore,
ma solo della nostra vita
che ci porta dove
non programmiamo.
Non abbiamo bisogno
di essere sulla sulla luna
e confonderci tra le stelle
per sentirci delle celebrità,
poiché siamo noi magia,
e ne abbiamo bisogno,
bisogno per alimentare
incessantemente
la nostra vita di solo amore
che ci unisce e ci completa,
come il plasma nel corpo.
Laura Lapietra
Composta venerdì 30 aprile 2021
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Laura Lapietra

    Canto d'amore

    Parole profuse
    nel tuo cuore
    quelle mie,
    mentre incidono
    le sue note dediche
    nel tuo animo lene.
    Poderosi suoni come
    onde ammalianti per
    conquistare e sorprendere
    la tua blanda essenza,
    solo ed unicamente
    per decantarti
    quanto il mio amore
    quando intona
    un sentimento,
    possa essere magnetico
    per attirati
    nel mio vortice d'emozione,
    solo ed unicamente
    per decantarti
    quanto il mio amore
    quando respira una trepidazione,
    possa essere sublime
    se vissuto
    solo insieme a te.
    Laura Lapietra
    Composta giovedì 29 aprile 2021
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Laura Lapietra

      Corruccio

      Il tempo conta
      i miei respiri
      pianti per te.
      Un abisso mi trae
      nelle sue mani
      per indurmi nelle sue
      amarore viscere,
      lasciandomi divorare
      da quell'acre limbo
      nel suo fosco fine!
      Ma non sarà mai
      tempo di morir
      d'amore per te,
      poiché il corruccio
      per quanto faccia male
      quando sgorga spinoso
      dal mio cuor ferito
      spezzato dalla
      crudele tradigione,
      quel cuore
      vuol sempre
      sentirsi rinascere
      alla speranza
      del potere dell'amore,
      che pulsa palpitante
      ancora per esso.
      Laura Lapietra
      Composta venerdì 23 aprile 2021
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Laura Lapietra

        Elisir Di Una Madre

        Si addormenta delicatamente
        il tuo cuore
        sul mio animo emozionato,
        e il tuo dolce respiro
        si confonde col battito
        del candore
        della mia sensibilità.
        Or sogna dolce angelo gentile,
        affinché tra le mie
        braccia materne
        culla sincera puoi trovar
        per il tuo succedere nell'avvenire,
        che il destino ti ha preordinato.
        Or sogna dolce angelo innocente,
        che tra le mie braccia
        ristoro sicuro
        puoi trovar per la tua
        consolata tranquillità.
        Or tutto tace,
        ma il rumore è assordante
        quando nella quiete
        mi converto
        alla tua dolce presenza,
        puro dono prezioso
        disceso dalle mani di Dio
        per dilettare i miei giorni
        intrecciati coi tuoi.
        Or tutto tace,
        ma il rumore è assordante
        quando nell'auspicio
        di un nuovo domani
        tra i tafferugli delle incertezze
        si fanno strada paure,
        e monili di gioie vere
        da portare orgogliosamente
        sul cuore nella via della vita,
        mentre intessono
        quel tuo futuro
        che un giorno vivrai
        solo con le sole tue forze
        rendendoti uomo
        fra la ressa indifferente
        del mondo.
        Sogna oh puro e limpido
        angelo mio,
        serafico e chiaro
        nella tua ingenuità
        inconsapevole lasciati
        cullare dall'amore
        della tua mamma,
        tuo inconfondibile inestimabile
        mantello d'oro che
        eternamente proteggerà
        la tua essenza vitale
        su questa terra
        tra le tempeste e soleggiate
        della realtà,
        che la vita stessa
        ti preparerà
        come una beffarda ragnatela
        su cui lottare incessantemente
        per potersi salvaguardare.
        Ma or sogna figlio mio
        affinché il tempo
        faccia il suo percorso
        in te,
        oh sincera speranza del mio cuore.
        E sogna dolce angelo mio,
        il tuo mondo
        che verrà.
        Laura Lapietra
        Composta martedì 13 aprile 2021
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Laura Lapietra
          Fili di stelle
          nella tasca dei sogni,
          e gelido tuono irrompe
          nei pensieri
          di un cuor ferito
          da una triste bugia,
          nel ciel di quell'addio,
          sussurrato solo con labbra
          ma rinnegato dal cuor.
          Brivido cieco
          lungo la schiena
          a raccontarmi lacrime
          di sangue sulla tela della
          tua nuda anima,
          dalle ali di farfalla
          e un bel pungiglione
          di scorpione.
          Su raccontami anima
          mia amata,
          raccontami come accartocci l'amore e le carezze
          buttando tutto via
          dietro alle tue spalle,
          e che fino a ieri
          come gabbiano d'oro
          nel mondo delle emozioni volavi e vivevi incondizionata
          respirando tutte le sensazioni del cuore,
          dimmi cosa nasce
          nel tuo io che ti vuol
          così lontana da me?
          Sacrificando
          amore per carriera,
          calpestando amore
          per la maledetta fama,
          che tanto lontana
          ti vuol da me!
          Sommerso nelle acque
          della cruda tempesta
          di questo sfumato amor
          annego vinto piegato
          in due dallo schiaffo possente
          della delusione quando
          il volto mi ha tinto
          di pallido dolore,
          cancellando ogni
          barlume di straccio
          di sentimento dal tuo cuore
          che ormai quando votato
          al prestigio e alla carriera,
          seppellendomi nel passato
          felice stella brillante
          ti ha resa bella!
          Ma... lasciami ancora
          fili di stelle nella tasca
          dei sogni cosicché
          nella notte più scura,
          quella della nostalgia
          lì faccia sfavillare
          accanto alla spina luna
          ricordandoti come
          meteora speciale che...
          orbita lontano lontano
          via dal mio cuor
          e dalla mia essenza, fragranza dispersa nel tempo
          della rassegnazione unta
          di disperazione per il suo
          perduto amor.
          Laura Lapietra
          Composta venerdì 12 marzo 2021
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Laura Lapietra

            Mareggiata Del Cuore

            Onde ineluttabili su di noi
            a cancellare ogni antico respiro
            incompreso tra di noi,
            nelle fredde folate di silenzi
            celati dai risentimenti.
            Onde gelate a deturpare
            tutto ciò che ci circonda
            sottopelle in questo mare immenso
            nella sua tempesta di pieno inverno,
            eppure il suo rumore
            non dona sgomento
            se ascoltato piano con il cuore
            seppur in frantumi,
            e la sua forza assume
            forma nell'illusione
            seppur residua
            tra gli scogli della vita.
            Oh, se questo mare fosse più calmo!
            O almeno per un istante
            tra le tue ferme braccia
            ritroverei pace, ma ormai
            discosta è quella stagione
            in cui quiete e felicità
            navigavano a pari passo
            nel destino dell'anima
            intrecciate nelle nostre arterie
            portandoci sulla cresta
            dell'onda inappuntabile,
            quella dell'amore, il nostro amore!
            Ormai arenato.
            Oh amore, amore spento
            da un cielo piombo
            ostile ai nostri sogni
            spazzati via con un sol colpo
            da quel livido vento
            tra le mani colme di fuoco
            bramanti ed esigenti
            dai nostri sentimenti
            da donare l'un l'altro.
            Oh, se questo mare fosse calmo,
            non ascolterei più
            il suo fragoroso vocio
            mentre mi sottolinea con furore
            lampi e tuoni sui nostri sguardi
            sgualciti e consumati
            dalla nostra fatale fine!
            Se solo fosse calmo
            questo mare, non ci scaraventerebbe
            con inaudita violenza
            alla deriva delle nostre bramosie
            costringendoci alla infausta deriva
            di una amara fine,
            tra i nostri confini sconfinati
            tra le onde di questo
            impetuoso e irruente
            tumultuoso mare,
            come il nostro cuore
            ormai inabissato inghiottito
            tra le onde schiumose e veementi
            dispersi nei suoi
            più profondi ricordi
            che solo in questo maestoso mare,
            contraddittorio,
            può sopravvenire.
            Laura Lapietra
            Composta domenica 7 marzo 2021
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Laura Lapietra
              Nevica su mio nudo viso
              e aperte son le mie mani
              pronte ad accogliere
              il suo blando brivido,
              ma non sarà mai
              così penetrante nel cuore
              come questo amore
              elisir nel cuore,
              come una gemma di primula
              dischiusa alla vita
              che infonde il suo effluvio
              nel centro del mio essere,
              lasciandomi
              incantevolmente ancorata
              nel vivere la sua trepidazione
              in quell'immane sentimento,
              emozione sensualmente innocente
              che foga regala
              nel fondo del cuor.
              Per questo
              freddo non percepisco
              tra la gelida neve
              che lenta scende
              ad incorniciare questa dolce
              tormenta d'amore.
              Chiudo i miei occhi
              per inebriarmi
              della sua flautata essenza
              mentre scivola soave nell'anima
              come effervescente carezza
              velata di autentica voluttà,
              tra le note di pura melanconia
              che mi lega
              indissolubilmente a te,
              ed è magia per amore!
              Ma se solo il tuo forte braccio
              mi cingesse contro il tuo respiro,
              spiragli lucenti di sole
              scalderebbe
              tutti i miei sensi
              ormai nudi ai richiami
              di quelle emozioni,
              che di fausto piacere inarca
              il mio bel viso al chiarore
              dei tuoi occhi color cielo!
              Ma nevica
              nevica d'amore,
              di amore puro e letale
              sul mio nudo viso
              e sulle mie mani vuote,
              ma stanche di aspettare sole
              perse nei suoi sogni
              al gelo di una assenza
              dolce quanto l'essenza
              dei sentimenti che vibrano
              nelle vene mentre scorrono
              dirette nel sangue per poi
              raggiungere testa e cuore,
              quel cuore che silenziosamente,
              profondamente sente,
              neve d'amore
              a gelare il cuore!
              Un sorso amato per amore.
              Laura Lapietra
              Composta lunedì 1 marzo 2021
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Laura Lapietra

                Avrò

                Avrò il cuore per il cielo,
                avrò il corpo disteso al sole,
                avrò non so...
                un mal d'amore!
                Avrò un mare e un ombrellone
                dove nascondere il mio rossore.
                E poi avrò un sogno
                tra la sabbia e la gente ignara,
                tra castelli fatti di parole
                e occhi attenti ma distratti,
                ma ciò che conta
                è che avrò un bel malincuore
                che orgogliosamente ondeggerà
                nell'oceano di questa estate
                tra coralli, conchiglie, stelle marine,
                e dei camaleonti nell'anima
                a farmi compagnia in riva al mare,
                mentre la vela del destino
                va lontano dove l'orizzonte
                fa l'amore col celeste immenso
                riflesso nei tuoi occhi innocenti.
                Avrò, avrò e ancora avrò
                tutto questo in quel tuffo
                nella mia vita,
                ove ogni emozione
                avrà solo il tuo bel nome
                scolpito nel mio destino
                per restarci in perpetuo.
                Avrò con te,
                solo se tu avrai con me
                neve nel ciel d'agosto
                a sorprenderci d'incanto irreale
                nella stagione della felice libertà
                che ci sospinge più in là
                via dalla realtà.
                Avrò ad occhi chiusi,
                io libera nel cuore
                viaggiando con ardore
                sognando con stupore,
                e tutto questo
                nella sottopelle mia
                che bramante sotto al sorriso
                del sol che mi scalda
                e poi ancora ne avrò
                cuore e amore,
                e sarà meraviglioso.
                Laura Lapietra
                Composta lunedì 22 febbraio 2021
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Laura Lapietra

                  Ti Amo

                  Ti amo e basta.
                  Ti amo per i brividi
                  che mi attraversano il cuore,
                  ti amo come non mai
                  ti amo per le parole d'amore
                  che teneramente mi sussurri
                  in penombra
                  sul ciglio dei nostri sogni.
                  Ti amo,
                  per le mani che baci con trepidazione
                  mentre mi giuri amore eterno
                  in ginocchio come un principe azzurro,
                  ai piedi della sua amata principessa.
                  Ti amo,
                  per tutte quelle volte
                  nella quale il mio corpo
                  perso nel tuo,
                  raggiunge l'universo mai inventato prima.
                  Ti amo, tanto,
                  quando i tuoi occhi
                  profondi come il bene
                  chiusi vedono in segreto
                  i miei ammirandoli amandoli,
                  quando ti guardo
                  implorandoti lodi
                  di pura inaudita sensualità.
                  Ti amo,
                  ti amo, e ti amo ancora,
                  ogniqualvolta che ti amo
                  e per sempre unicamente
                  come la prima volta,
                  perché io,
                  ti amo e basta.
                  Laura Lapietra
                  Composta venerdì 19 febbraio 2021
                  Vota la poesia: Commenta