Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Antonio Belsito

Avvocato - Scrittore
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Antonio Belsito
La mia carta di identità
canta un inno stonato
recita la storia di un'anagrafe
in un combinato di numeri e lettere
a ricordare che sono nato.
La mia carta di identità
è la solitudine di uno status
l'apparenza di uno Stato
la formale presenza
di un'assenza.
La mia carta di identità
è già ciò che è stato
di un bambino
e di un adulto fottuto.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Belsito
    Repubblica
    in un abbraccio
    di patria

    Italia

    e di morti
    - tanti -
    a conquistare
    la libertà
    di essere cittadini
    - persone -
    con dignità
    di arti e di scienze
    di emigranti
    per un pezzo di pane
    lasciando il cuore
    battere
    nelle case natie

    Italiani

    per non dimenticare

    giammai
    - e pure oggi -

    che il tempo passa
    e l'orgoglio
    di una patria

    - che sia diritto
    e che sia dovere -

    è essere
    davvero
    cittadini
    e non chimere.

    È ora.
    Antonio Belsito
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Belsito
      Non sono un letterato.
      Vivo.
      Vivo i colori.
      Vivo i profumi.
      Vivo il prossimo.
      Non sono un letterato.
      Scrivo.
      Scrivo emozioni
      che si aggrovigliano
      e diventano vita.
      Non sono un letterato.
      Cerco solo
      di abbracciare
      con tutto me stesso
      questa esistenza
      nonostante tutto.
      Perché un senso
      deve pur esserci.
      Vivo.
      Ora lo sapete.
      Quando mi incontrate,
      vi prego,
      non mi interrogate
      perché non sono un letterato.
      Scrivo e vivo.
      Vivo e scrivo.
      Semplicemente.
      Cerco solo di essere un uomo.
      Antonio Belsito
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Belsito
        Quello che voglio dirti
        è che non basta la bellezza
        quella fatta solo di carne
        quella pregna solo di luccichio
        quella di cartapesta
        che la vedi già a un chilometro
        che barcolla.
        Che di questa bellezza
        non rimane neanche uno strascico
        di profumo
        neanche un ritaglio di emozione
        neanche un ricordo appassito.
        Questa bellezza si aggroviglia solo
        e diventa rovo
        e si accartoccia su se stessa.
        E non resta niente.
        Nulla.
        Antonio Belsito
        Vota la poesia: Commenta