Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Antonio Belsito

Avvocato - Scrittore
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Antonio Belsito
Mi sento solo
e non lo dico
perché la debolezza
è un po' vergogna
in questo status
in cui ci si accartoccia
perché tutto è jet set
conto in banca
e far west
e mi sento solo
già al mattino
col mio caffè
e alla sera stringo
il mio cuscino
perché almeno c'è
e me ne fotto
del se
del ma
se ma tu
perché è più facile
infierire che amare
quando tutto vacilla
tra l'insensibilità e il mare
perché tutto è così
e deve andare colà
senza soffermarsi
per poter dire
sì o no
e non c'è più spazio
per la libertà
di una fottuta identità.
Antonio Belsito
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Belsito
    Ed eccomi qua.
    Qui.
    Forse là.
    Accoccolato
    nel ventre dolce
    e pure aspro
    della vita
    rincorso dal tempo
    t e m p o
    come rintocchi di campane
    a naufragare nel cielo
    non sempre azzurro
    dell'esistenza
    amorosamente cullato
    dallo strenuo ritmo
    di esserci
    soloeavolteincompagnia
    come in un mare mosso
    commosso
    da ogni sussulto
    tintinnio
    ribelle
    a volte assopito
    di immagini
    dolci
    a occhi chiusi
    stretti
    per soffocare la vista
    nella luce della immaginazione.
    Antonio Belsito
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Belsito

      dove tutto
      sembra
      qui
      e
      le case annaspano
      e le finestre saltano
      e le porte mancano.

      tra cani scheletrici
      e giocattoli fai da te
      e pozzanghere come specchio.
      Un po' qui
      e un po' lì
      nella mareggiata
      della vita
      tra scogli di marmo
      a remare contromano
      su una zattera senza ruote
      e di sogni burberi
      e di incubi incombenti
      un po' qui
      e un po' lì
      di cieli grigiazzurri
      di stelle sfuggenti
      di punti, virgole, punto e virgola
      e puntini sospensivi
      e di rime
      incrociate, baciate, alternate
      e di metrica disperata
      e di gusti e sapori
      di fragranze epidermiche
      e di pioggia al rovescio
      in assenza di gravità
      e di lacrime in sospeso
      un po' qui
      e un po' lì.

      Così.
      Antonio Belsito
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Belsito
        Che senso ha

        questo rincorrerci
        per (poi) fermarci a metà
        ché la vita non è
        una caramella proibita
        o avvelenata
        ma è (semplicemente)
        una notte stellata.
        E, allora,
        che senso ha
        questo affanno
        come se tutto
        fosse ciò che gli altri
        riconoscono
        e come se niente
        fosse il cuore
        che non mente.
        Che senso ha
        non assecondarci
        nella nostra verità
        per lasciarci cadere
        nel vuoto
        della pienezza che sarà.
        Che senso ha
        aver paura
        di ogni passo che si fa
        di ogni cosa che non si ha
        perché tanto
        il bene e il male
        sono come una ninna nanna
        che ci culla
        un po' di qua
        e un po' di là.

        Che senso ha?
        Antonio Belsito
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Belsito

          Delirio di onnipotenza n. 1

          Siamo tutti e nessuno
          a rincorrere gloria
          come fosse pane,
          a spalmare formaggino
          e, poi, bere un brodino.
          Siamo tutti e nessuno
          a inventare pregiudizi,
          a confezionare giudizi,
          a carezzare letame.
          Siamo tutti e nessuno
          a ergerci come migliori,
          a qualificarci Superiori,
          ad attendere l'arancione
          della lanterna semaforica
          per sprintare come fosse verde.
          Siamo tutti e nessuno
          a mistificare il reale,
          ad alterare identità,
          ad amplificare con viltà.
          Siamo tutti e nessuno
          a descrivere un calvario
          col distacco pungente
          di chi mente.
          Siamo tutti e nessuno
          a descrivere le stelle
          con la vicinanza saccente
          di un essere subdolo e latente.
          Siamo tutti e nessuno
          adagiati sul cesso
          a lottare contro stitichezza
          o a sorridere alla fluidità.
          Antonio Belsito
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Antonio Belsito
            Non dirmi
            che diventa difficile
            anche riflettere
            perché l'amore non ha età.
            È la verità.
            Se solo
            poi
            ti guardi intorno
            vedrai
            il bisogno che c'è d'amore
            e capirai.
            Che non si può prescindere
            dall'umanità di esserci
            perché non ha più senso
            uccidersi.
            Allora
            abbracciami
            perché è più facile
            che è un senso utile
            e non fa male come l'inutile.
            In questa storia di guerre avide
            ove il confine è labile
            ove non basta riempirsi di sostantivi
            o aggettivi
            perché il bene e il male
            sono solo parole
            da tralasciare
            se solo si vuole davvero ricominciare
            a camminare
            sulla stessa strada
            per ritrovarsi uomini.
            Antonio Belsito
            Vota la poesia: Commenta