Scritta da: Luigi Di Pasquale
in Poesie (Poesie catartiche)

Luna di Amsterdam

Ero colei che appesa a un filo
galleggiava foglie di luci
strette sull'acqua
cercando albe da imitare...
ero colei che amavano
amanti stretti
sulle panche di primavera,
ero l'irraggiunto
e il sogno che anelano
speranzosi deserti umani,
liberi di raggiungermi però
sorridendo col pensiero.
Composta sabato 15 aprile 2017
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di