Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Gianluca Cristadoro

Ingegnere, nato giovedì 15 agosto 1968 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Gianluca Cristadoro

Poeta

Ti ho visto, sul letto di morte steso,
lo sguardo volto al cielo e gli occhi chiusi
il volto scavato e pallido da amor consunto e vinto.

Prostra del mondo il triste affanno
gli odori di muschio e alloro, stille di vita antiche.

Inchiostro e pensieri arditi, contrappunto
al nero tormento di spirto dolente e lieve.

Memoria di genti, eterno riscatto e vacuo
il verso tuo sospeso incanto.
Gianluca Cristadoro
Composta venerdì 14 febbraio 2020
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gianluca Cristadoro

    Il cigno

    Di vita ormai risolta l’equazione,
    il velo tolto e nebbie fatte rade.

    Da fango s’è rimossa la carcassa
    dell’uomo vecchio, solo e deprivato
    di luce, sole e tiepida speranza
    ch'a giovine virgulto vien donato.

    Da quella coltre grave e soffocante
    è nato un cigno candido e lucente
    che mondo solcherà cercando vita
    e dedicar la propria a umana gente.
    Gianluca Cristadoro
    Composta martedì 18 febbraio 2020
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gianluca Cristadoro

      La befana nella botte

      La befana vien di notte
      senza scopa, in una botte
      per non farsi più vedere
      mentre beve un buon bicchiere
      ed i bimbi dormon quieti
      a Milano, Foggia e Chieti.

      Ma nel rotolarsi allegra
      nella botte d'uva negra
      una calza le s'impiglia
      ed un filo s'attorciglia.

      A rimedio del disastro
      senza vasi d'alabastro
      per riporre i dolci doni,
      solo per bambini buoni,
      Il cappello sgangherato,
      come sempre malandato,
      poggia presso al caminetto.

      Sembra un piano assai perfetto.

      Ma allorquando lo riempie
      stan per torcersi le tempie
      che i dolcetti giù pè i buchi
      scivolando come bruchi
      a finire dentro al fuoco
      vanno dritti a poco a poco.

      Una fiamma dolce s'alza,
      un profumo senza calza...
      Né dolcetti e né carbone
      per cattivi o bimbe buone.

      La befana va di notte
      senza calza e senza botte
      né cappello alla romana.
      Che disastrò sta befana!
      Gianluca Cristadoro
      Composta venerdì 4 gennaio 2019
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gianluca Cristadoro

        Fila-Strocca

        Filastrocca che non dice niente
        pensata apposta per tutta la gente
        che grida e che sbuffa
        ch'azzanna e s'azzuffa.

        Filastrocca che niente sa dire
        a tutta la gente che vuole partire
        che piange e che finge
        che falsi sorrisi sul volto dipinge

        Filastrocca di senso priva
        che già se ne va non appen'arriva.
        Gianluca Cristadoro
        Composta venerdì 4 gennaio 2019
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gianluca Cristadoro

          Accadrà, un giorno

          E quando ti troverà,
          quando lo troverai,
          non ti terrò legata.

          Quando ti rapirà gli occhi e il cuore
          ti guarderò allontanarti
          e se ti volterai,
          con gli occhi lucidi di rimpianto,
          stringendosi al ricordo dei tuoi giochi,
          il mio sorriso ti abbraccerà.

          Quando l'Amore ti guarderà
          non ti mostrerò la strada.
          Lo saprai seguire
          riconoscendola fra mille.
          Gianluca Cristadoro
          Composta venerdì 21 dicembre 2018
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Gianluca Cristadoro

            Vivrò, forse

            Vivo di fiammate e apatia,
            esaltazione e sconforto,
            di pane e illusioni,
            d'amore e distacco.

            Vivo di accenti e atonie,
            d'impulsi e di noia,
            di quella sete di tutto,
            di quella voglia di niente.

            Vivo di vuoti e vivo di slanci,
            della clausura, in mezzo alla gente.

            Vivo di sorrisi e parole al vento,
            di angosce e utopie,
            di terra e sospiri,
            di numeri e grida.

            Muoio e rinasco.
            Piango e risorgo.
            Gianluca Cristadoro
            Composta giovedì 13 dicembre 2018
            Vota la poesia: Commenta