Poesie


Scritta da: nuvola di sole

Il riduttore e l'amplificatore

Sei il riduttore di ogni bellezza, di ogni poesia, di ogni sogno,
sei l'incapacità di amare,
l'impotenza del dare.
Sei l'aridità dei tuoi calcoli,
l'aritmetica dei chilometri e dei pedaggi autostradali.
Senza di te, con la fantasia, volo a ciò che mi sublima, volo a ciò che non mi umilia.
Avevi ridotto anche me
e senza di te torno ad amplificare bene quel poco che c'è.
Hai conosciuto l'Amore ma sei tornato al tuo mortaio in cui pestellare tutte le donne di buona essenza che continuamente macini.
Hai macinato anche te stesso, sei rimasto niente ormai,
nel tuo covo disseccato di bugie non ci sarà mai spazio per quello che di più prezioso e autentico esista.
Hai scelto di non migliorarti, hai scelto di morire e di uccidere.
La tua recita non reggerà mai allo specchio
né davanti agli occhi attenti di una donna innamorata.
Véstiti di amore e sincerità, se ci riesci, è l'unica via.
Accarezza con cura l'anima di chi incontri,
si frantuma.
Dona, impara a donare, senza pensare a ciò che ricevi in cambio.
Abbandona i sospetti, la sfiducia.
Metti via le armi, dà il meglio di te, il buono di te, il tenero di te,
senza freni, senza limiti.
Non avrai che tutto in cambio,
senza chiedere e senza controllare.
Composta domenica 14 gennaio 2018
Vota la poesia: Commenta

    I brontolii del mio cuore vecchio

    Un sordo brontolio di un tuono
    lontano, la su nel cielo,
    un breve brillio,
    un tremolio nell'aria,
    passa rapidamente un aereo.
    Un ingegno dell'uomo
    di poter volare
    nel profondo sconosciuto
    scoprire altre terre.
    Inquieta continuo il mio cammino
    i grilli han smesso di cantare
    e i passeri di volare,
    ed io di sognare
    ma non han smesso i brontolii
    del mio cuore vecchio.

    (L'eco di passi...)
    Composta domenica 14 gennaio 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fabiano Rastelli
      Nessuno scritto, nessuna poesia
      potrà mai bastare ad esprimere
      quello che hai acceso dentro me,
      perché Dio ancora non ha inventato
      parola tanto grande per descriverlo.
      Forse solo nel tuo nome
      è scritta questa immensità
      e io così piccolo
      di fronte a tutto questo
      gioco invano con le parole
      e sento che non è mai abbastanza.
      Composta sabato 13 gennaio 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di