Poesie


Scritta da: Subrizi

364/17

Scrivono di un luogo,
dove le distanze
si annullano.
Né barriere,
né strade.
Ogni istante
diviene eterno,
il tempo è sospeso.
Impossibile crescere,
invecchiare,
morire...
Nessuno ha paura.
Neppure una lacrima,
poiché non c'è dolore.

Si ama...

Non c'è più il "buio"
ad oscurare
la luce.
Ho viaggiato per anni,
invano.
Qui non c'è.
Non so dove sia,
né quanto sia lontanto...

Spero rimanga
un piccolo posto
anche per me.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cetty Cannatella

    Intreccio d'amuri

    Amuri ca ntrizza li cainni
    ca scoppia li cori
    a fami d'amuri num passa
    s'arraggia
    si sciunna
    si vivinu l'anima
    l'occhi si trasinu rintra li vini.
    S'affunna
    e doppu lu sciatu sprufunna
    respiru ca inchi ogni cosa
    sururi
    paruli ri amuri
    si strincinu forti
    picchi a passioni ci ntrizza li ammi
    ci ntrizza la sorti
    ci ntrizza chiu forti
    stremati
    felici
    prigionieri d'amuri e ri gruppa ca strincinu i vini,
    miscanu ù sangu e vasanu ù cori.

    Traduzione.
    Amore che intreccia le membra
    che fa scoppiare i cuori
    la fame d'amore non passa...
    si adira dal desiderio
    si graffia
    si bevono l'anima
    gli sguardi penetrano fino alle vene
    affondano...
    e poi il fiato sprofonda in essi
    respiro che riempie ogni cosa
    sudore...
    parole d'amore
    si stringono forte
    stremati
    felici
    prigionieri d'amore e dei nodi che stringono le loro vene,
    mischiano il sangue e baciano il cuore.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Simona Buzzi

      Attimi di felicità

      La felicità
      è un attimo fuggente
      è sabbia leggera
      che scivola tra le mani
      è vento di bora
      intenso e irruente.
      È spiraglio di luce
      fiume in piena
      l'estasi d'un istante.
      Vola via leggera, discreta
      come brezza, soffio di mare
      tra onde di stelle.
      Evanescente si perde
      nel rosso d'un tramonto.
      Lascia il profumo buono
      del suo passaggio
      orme nel cuore
      tracce nell'anima
      fragranza delicata.
      È respiro nel silenzio
      emozione pura.
      Ritornerà sfiorandomi
      accarezzandomi
      senza fragore
      ma palpitante
      e contagiosa.
      Nel fluire del tempo
      m'accorgerò d'avere
      l'arcobaleno negli occhi.
      M'invaderà l'ebbrezza
      d'un istante.
      Sarà prato luminoso
      vento impalpabile
      un batter di ciglia.
      Il risveglio dell'anima
      nella gioia, nella serenità
      sarà guizzo veloce
      che inebria
      e scappa via.
      Composta martedì 7 novembre 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Novembre

        Crepitio dei ceppi avvolti nella fiamma,
        silenzio religioso nel vespro crepuscolare
        novembre tacito e riservato,

        mese delle anime che sono passate...
        che ormai lontane seguono la luce eterna
        lasciano a noi questa vita tortuosa

        in questa terra piena di violenza,
        di odi, soprusi, guerre.
        Loro non desiderano tornare

        perché amano la loro dimensione
        di pace, d'amore, nel chiarore di Dio
        nella bellezza della vera vita futura,

        aspirano all'abbraccio divino
        della eterna felicità del paradiso,
        i dolori sono un ricordo molto lontano.

        E noi che siamo ancora su questa terra,
        in un nuovo autunno è bello avvolgersi
        nel silenzioso buio di questo mese

        godere del tepore delle fiamme,
        del loro scoppiettio, mentre la pioggia cade
        picchiettando dolcemente sui vetri

        e il sibilo del vento continuato fa rabbrividire,
        l'atmosfera abbraccia la nostra anima o forse
        sono i piccoli spiriti celesti, che mandati da Dio

        cercano di dare a noi una fede forte,
        confortando con il tenero amore le nostre mancanze
        dandoci coraggio, fino alla fine dei nostri giorni.

        Amiamo novembre, pochi lo amano,
        la luce veloce si ritira, ma nel suo buio
        sono racchiusi i nostri pensieri.
        Composta lunedì 6 novembre 2017
        Vota la poesia: Commenta

          Sisifo

          Son serie di capitoli rinchiusi,
          eventi di un passato remoto,
          ed io in quei ricordi mi angoscio,
          tremo al pensier, che un giorno ella
          possa resuscitare quel morto e
          giustiziato, lo spirito malvagio,
          il fuoco eterno, che arde in me,
          ciò che io temo, non per mio dolore,
          ma per altrui bene; e per lei temo
          che scruti con la sua luce un buio,
          una incolmabile delusione,
          reo d'aver vissuto in sua assenza,
          re di un trono di spine, condanna
          all'eterno pensiero, un sisifo.
          Composta sabato 4 novembre 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di