Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie


Scritta da: Patrizia Baglione

Ti porterei

Ti porterei lontano
magari dentro la mano,
stretta delicatamente
per non farti male
e non lasciarti andar via.
Ti porterei dentro la mia tasca,
dentro la mia anima.
Mi fermerei solo per farti riposare,
darti da bere o da mangiare,
per sentirti respirare.
Continuerei a camminare,
lasciando cadere la mano
per portarti solo dentro la tasca,
quella tasca cucita sopra il cuore.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    SUSSURRI D'AUTUNNO

    il silenzio autunnale conquista il mio cuore
    lo circonda di calore, malinconica sensazione
    che avvolge tutto il mio essere,

    tra i sussurri degli alberi ingialliti
    che lenti stendono tappeti colorati e fruscianti
    nei prati e sui sentieri boscosi

    dal cielo scendono angeli scintillanti di luce
    che raccolgono sospiri e preghiere
    delle anime sulla terra che amano Dio.

    Chissà perché il cielo di ottobre
    è di un blu intenso che riempie gli occhi
    amiamo queste giornate di luce autunnale

    ottobre e il suo carezzevole vento del tramonto
    il primo freddo, ma sopportabile che entra nell'anima
    con energia e calma, mese dedicato alla Vergine Maria,

    silente giorno di ottobre tu sei il mio libro preferito
    con i tuoi dolci sospiri di primo autunno,
    e i taciti sorrisi degli alberi.
    Composta giovedì 17 ottobre 2019
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Sussurri

      Sussurri del vento
      tocca la nostra pelle
      l'amore dell'autunno ci avvolge
      danzando nel mezzo
      tra i rami degli alberi
      fra valli e montagne, volando
      nel tempo delle stagioni e l'eternità,
      armonia delle foglie silenziose
      che cadono con dolcezza
      la terra umida e i forti aromi delle erbe
      ci fanno immergere nei profondi colori,
      l'anima sussulta nella struggente bellezza silenziosa.
      Composta martedì 15 ottobre 2019
      Vota la poesia: Commenta

        La mia stanza

        Io...
        in quella "stanza"
        la mia...
        studiavo ore intere,
        dialogavo all'infinito,
        ammiravo i suoi sorrisi,
        asciugavo le lacrime di gelosia affannata,
        ascoltavo il suo silenzio,
        la sua rabbia,
        scolpivo il suo sguardo dentro il mio,
        l'energia...
        si caricava di luce propria,
        estasiante...
        senza limiti...
        oltre il tempo.
        Composta giovedì 11 febbraio 2016
        Vota la poesia: Commenta

          Appartenersi

          Solo con lo sguardo...
          i miei occhi parlano,
          entrano nei tuoi
          nel profondo
          fino ad appartenermi.
          Divento estranea al mondo che mi circonda.
          Nulla m'importa della gente
          perché senta te...
          la mia vita non è vita,
          i miei sogni...
          svaniscono nel nulla,
          le mie angosce...
          diventano
          Insostenibili...
          Insormontabili...
          e affinché l'appartenersi
          non debba mai tramontar
          negli occhi miei
          Vivimi...
          Indelebilmente...
          Inesorabile Musica.
          Composta giovedì 5 settembre 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Oggi 17 dicembre 2019
            è l'anniversario della nascita
            di Papa Francesco
            Buon Compleanno a un Uomo
            con l'intimo desio di dialogare e
            far dialogare fra loro
            qualsiasi confessione religiosa,
            è ispirato dal linguaggio universale
            che permea gli uomini di buona volontà.

            Con questa attitudine
            e quella di far sorgere innovazioni
            alla luce di nuove consapevolezze
            sui rapporti umani e sociali,
            spuntano aspri denigratori
            che fomentano ed operano
            nel crocifiggere quel percorso
            all'interno dell'espressione di fede.

            Preghiere e vicinanza vivida d'animo
            sono viatici per la sua missione umana.
            Vota la poesia: Commenta
              Nell'anniversario della Natività di Gesù
              auspico che l'uomo con empatia
              riviva quel suggestivo momento.
              Quando nel sorgere alla vita
              con la sua nuda essenza
              senza abiti mentali,
              è accolto nell'aspettativa d'intima letizia.

              Risuona il vagito congiunto al primo respiro
              la dove le ricchezze e sicurezze mondane s'inchinano
              di fronte al prezioso vivido
              mistero della Natività
              d'un bocciolo umano.

              Nell'ispirate premure fioriscono
              di tanto in tanto teneri baci.

              Non sono monete di scambio
              ma manifestazioni dell'Anima
              nella consapevolezza del Vivido Natale.
              Vota la poesia: Commenta