Sognando un'altra vita
sognando un'altra me
strappare l'anima con le mie stesse mani
rubare la pelle di altri
nascondere la mia voce.
Sono un'altra
sono un'altra da me
non posso più essere io, me
chi sono
sognando un'altra vita
sognando un'altra me
strappare la mia faccia. La mia identità
nascondere i miei pensieri
rubare le passioni di altri, per invidia
sono un'altra da me
non posso più essere io. Me
chi sono
ricostruire quello che è stato strappato
ricucire la mia pelle, la mia faccia, la mia anima
ritrovare i miei pensieri, le mie passioni
chi sono
cosa voglio io
cosa vogliono gli altri
mi addormento sperando in che cosa?
Domani, avrò il coraggio di rinascere, vero?
Già, un domani
che rimarrà sempre
domani.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Maria Grazia R.

    Dedica

    Vi porterò con me ovunque vuoi siate,
    sarete chiuse nel mio fragile cuore,
    nel mio affannoso animo.
    Siete la mia coscienza
    il mio scrigno, dove tengo i miei segreti
    più nascosti.
    Siete la mia forza,
    rendete la vita più sopportabile.
    I vostri silenzi valgono più di mille parole,
    il vostro sguardo
    sincero e schietto
    mi assicura, mi rincuora.
    IL vostro affetto è prezioso
    Come l'acqua che
    sgorga limpida da una fonte.
    Vi voglio bene amiche mie.
    Anonimo
    Composta martedì 9 aprile 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvio Trovato

      Sintesi

      S'inizia giocando
      tra giostre,
      rimpiattini,
      corse a perdifiato,
      schiamazzi,
      urla
      e il gioco quindi
      sbiadisce in amore,
      nelle passioni,
      negli amori
      falsi veri,
      lunghi brevi.
      Ecco poi il tepore
      dei figli,
      dei bimbi
      per casa
      ed allora
      filastrocche,
      cantilene,
      carillon,
      stupori,
      meraviglia
      e ancora gioie...
      davvero quelle?
      Dolori?
      Quelli sì,
      eccome.
      Questa è la vita
      che credemmo
      solo per noi
      unica,
      speciale
      ed invece
      per tutti
      inizia così,
      scivola e va,
      illude,
      disillude,
      si sgretola,
      avvizzisce,
      sfiorisce,
      indugia,
      ed infine
      finisce,
      sparisce.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisa Spadazzi

        Faccia a faccia

        Mostro i canini
        sento un ringhio, viene dalla mia bocca
        quella bocca che hai baciato mille volte
        che hai amato, odiato
        quella bocca con cui ho sputato tutta la mia rabbia
        e il mio risentimento
        ma è ora di andare avanti
        Li fuori
        la giungla
        la prossima volta ci incontreremo li
        tieniti pronto, solo chi ha sofferto di più vince.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di