Scritta da: Nastjia

Il cammino delle risposte

E se fosse il vento ad avere le risposte?
Cavalcherei fino all'aurora per sentirlo cantare nei capelli.

E se fosse il cielo ad avere le risposte?
Scruterei l'orizzonte fino al lacrimare degli occhi,
e nelle stelle cercherei la via.

E se fosse la terre ad avere le risposte?
Interrogherei i delicati profumi dei suoi frutti
e di fiore in fiore volerei
come ape laboriosa.

E se fosse il torrente ad avere le risposte?
Mi tufferei decisa
e languida inseguirei la corrente
per carpirne la voce.

Ma nel mio cuore albergano domande
che solo nel tuo cuore trovano risposte...

Troppo lontane per essere udite,
Troppo difficili per essere capite...
Anonimo
Composta mercoledì 1 agosto 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Canfora

    Tramonto negli occhi

    Quando, solo, in riva al mare,
    in una quasi divina contemplazione,
    osservi l'orizzonte, dove in un unica linea,
    il mare termina, per dare spazio a tutta la
    grandezza della volta celeste;
    ed il sole,
    ormai stanco di un'altra giornata di vita,
    sembra quasi adagiarsi
    su una superficie fatta di niente,
    ti senti stregato da un tramonto marino,
    misto sensuale di colori,
    erotica unione di eventi indomabili.
    La gioia di questa visione affascina
    e conquista...
    Eppure il tuo cuore è saturo di tristezza,
    inspiegabilmente, sei avvolto da un alone di amarezza,
    che solo le cose grandiose
    possono offrirti.
    Ed è per questo motivo che vederti,
    con occhi iniettati di sangue,
    pieni di lacrime,
    di un colore molto più marino del mare stesso,
    e udire la voce tremante, quasi a rendere
    sonora una pigra superficie marina
    mossa solo da una leggera brezza,
    c'è tutta l'essenza di un tramonto,
    in un'unica e sincrona danza di luci e colori.
    Questo è solo un modo per dare senso a tutte le proprie giornate...
    Aspettare pazientemente un nuovo, romantico,
    ma ahimè triste,
    incontro tra luce e tenebre,
    ed avere la certezza che ogni nuovo imbrunire sarà diverso,
    diverso da ogni altro.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di